keystone-sda.ch / STF (Andy Wong)
CINA / ITALIA
29.02.2020 - 09:400
Aggiornamento : 11:50

Auto-quarantena imposta a Pechino «perché arrivo dall’Italia»

La testimonianza di un giornalista italiano. Nella vicina Penisola i casi attivi di coronavirus sono 822

Nei confronti dell’Italia, gli Stati Uniti hanno elevato l'allerta al livello 3, raccomandando di riconsiderare tutti i viaggi verso la penisola.

PECHINO / MILANO - Quello italiano è ormai saldamente il terzo epicentro mondiale per contagi da coronavirus. Già sul podio delle nazioni colpite, l’Italia - che conta un totale di 889 casi, dei quali 822 ancora attivi, 46 guarigioni e 21 vittime - ha superato anche le cifre della Diamond Princess. Spostarsi dal Paese diventa quindi sempre più difficile, come testimoniato a Open da Gabriele Battaglia un giornalista italiano da poco rientrato da Milano a Pechino, dove vive da 9 anni.

«Appena sono arrivato a casa, gli impiegati dell’amministrazione del condominio, che svolgono funzioni da pubblico ufficiale qui in Cina, mi hanno detto che sarei dovuto andare in quarantena», in quanto proveniente da una zona a rischio come l’Italia. Inizialmente poteva uscire per piccole commissioni e per andare in banca, poi la sorpresa.

«Mi hanno affisso sulla porta di casa un cartello con su scritto “Auto-quarantena. Cari vicini sono arrivato il 26 febbraio e per la salute di tutti mi chiudo in casa fino al 12 marzo. Solo tutti uniti si può vincere il virus!”. Adesso, per due volte al giorno, devo comunicare la mia temperatura corporea via WeChat». Una misura che sarebbe stata imposta anche verso altre persone italiane.

«Evitate voli non necessari» - Nei confronti dell’Italia, gli Stati Uniti hanno elevato l'allerta al livello 3, raccomandando di riconsiderare tutti i viaggi verso la penisola, evitando quelli che non sono strettamente necessari. La Repubblica Dominicana ha annunciato invece di avere deciso la sospensione per 30 giorni di quattro voli settimanali provenienti da Milano.

La mappa della diffusione del coronavirus nel mondo

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-14 13:08:09 | 91.208.130.85