Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FOTO
GERMANIA
7 ore
Un tornado si abbatte su Paderborn, decine di feriti
La forza del vento ha sradicato diversi alberi e strappato via dalle case dei tetti. Dieci persone in gravi condizioni
BIELORUSSIA
10 ore
La Bielorussia mette all'indice "1984" di Orwell
Ad oltre 70 anni da quando venne scritto, il romanzo distopico viene bandito dal governo di Lukashenko.
FRANCIA
11 ore
Un'onda spezza una famiglia
Una coppia e il loro figlio 12enne sono stati sorpresi e uccisi da un'onda alta, in Bretagna
COREA DEL SUD
12 ore
Arrestata una guardia del corpo di Biden
L'uomo è accusato di aver aggredito un cittadino sudcoreano, mentre era sotto l'effetto dell'alcol
COREA DEL NORD
12 ore
I rimedi casalinghi contro il Covid: Kim consiglia
Gargarismi, tè allo zenzero e antibiotici. La strategia "zero Covid" di Jong Un fa temere la catastrofe umanitaria
GERMANIA
14 ore
Privilegi rimossi? Schröder valuta la via legale
L'ex cancelliere tedesco - nella bufera per la sua vicinanza a Mosca - non ci sta
UCRAINA
15 ore
Kiev vuole arrestare Yanukovich
La Procura generale ha emesso un mandato contro l'ex presidente filorusso
ITALIA
15 ore
Vaiolo delle scimmie: primo caso in Francia e Germania, altri in Italia
I tre casi italiani sono in carico all'Istituto Spallanzani di Roma
STATI UNITI
16 ore
Zelensky è l'uomo dell'anno, per i lettori di Time
Oltre 3,3 milioni di voti espressi, il leader ucraino batte Elon Musk e Boris Johnson
NORVEGIA
17 ore
Un uomo accoltella tre passanti
Un individuo armato di coltello ha aggredito diverse persone nel sud-est della Norvegia
VIDEO
STATI UNITI
19 ore
Civili giustiziati dai russi a Bucha: nuove prove in un video
I filmati, ottenuti dal New York Times, risalgono al 4 marzo
ITALIA
20 ore
Vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia
Il paziente è un adulto ritornato dalle Isole Canarie.Il contagio avviene con la saliva. Attenzione ai rapporti sessuali
STATI UNITI
20 ore
«Un cavallo in cambio di un massaggio erotico»
Emerge una pesante accusa nei confronti del miliardario, che però nega
CINA
22.01.2020 - 07:000
Aggiornamento : 08:41

L'Oriente con la mascherina torna a spaventare il mondo

Il coronavirus comparso a Wuhan, in Cina, risveglia la paura di un contagio globale. Era già successo con la Sars nel 2003, poi con la Mers, l'aviaria...

di Redazione

WUHAN - Nove morti finora accertati e una paura contagio che si è presto trasformata in psicosi. Pure quella contagiosa. Arriva nuovamente dall’Oriente, e dai paesi asiatici in particolare, la nuova malattia che ha messo in allarme l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

Il nome scientifico del virus è 2019-nCoV. Una sigla che da quando si è verificato il primo focolaio di contagio a Wuhan, in Cina, ha fatto riecheggiare in tutto l’Oriente fino al mondo Occidentale i ricordi della Sars, del Mers, dell’influenza aviaria e suina. Le pandemie del nuovo millennio, ravvicinate negli anni e nei paesi d’origine.

La Sars fece 800 vittime - La Sars (Sindrome acuta respiratoria grave) risale al 2002/2003, una forma atipica di polmonite che apparve per la prima volta, sempre in Cina e infettò più di tremila persone nel mondo, uccidendone circa 800. La scoperta della Sars si deve a un medico italiano, Carlo Urbani, che fu una delle 775 vittime dell'infezione epidemica. L'epidemia di Sars iniziò nella provincia cinese di Guangdong, nel novembre 2002. Un paziente che, ricoverato nell’ospedale locale, morì a causa delle complicazioni date dalla malattia. Le cause del decesso e poi i rischi del contagio furono prima sottostimati e poi insabbiati dalla politica di Pechino. Quando poi l’epidemia cominciò a diffondersi, in molti paesi scattò l’allarme e furono messe in atto una serie di misure di precauzione per evitare la diffusione della malattia. La stessa Oms rivide in senso più restrittivo le indicazioni sui viaggi, suggerendo di evitare quelli diretti a Hong Kong se non indispensabili. La Sars, in pochi mesi, si diffuse in circa 30 paesi, per la maggior parte asiatici (Hong Kong, Singapore, Taiwan, Vietnam), ma anche, seppur con pochissimi casi, in Canada, Stati Uniti e in Europa.

La Mers e scoperta dell'Irb - La storia recente delle epidemie narra di altri casi, più o meno simili, più o meno contagiosi, alla base di psicosi mondiali sul rischio epidemie. Sempre un coronavirus che dal 2012/2013 causò l’epidemia di un’altra malattia simile alla Sars, chiamata Mers, Sindrome respiratoria medio-orientale. Identificata per la prima volta nel 2012, in Arabia Saudita, questa malattia con un tasso di mortalità molto maggiore rispetto alla Sars, circa il 30% contro il 10/15%, ha avuto un’espansione molto più contenuta. Secondo i rapporti, dal 2012, la sindrome respiratoria mediorientale ha colpito 1.300 persone nel mondo causando circa 500 decessi. Alcuni casi furono segnalati anche in Inghilterra, Germania, Francia e Italia. Proprio in Svizzera invece, presso l’Istituto di ricerca in biomedicina di Bellinzona, nell’estate 2016 il gruppo di ricerca dell'immunologo italiano Antonio Lanzavecchia ha isolato un anticorpo umano in grado di bloccare il virus responsabile della Mers.

Febbre suina e aviaria - Nel mezzo, tra il 2009 e il 2010 ci fu una pandemia influenzale chiamata anche influenza A/H1N1 o febbre suina, causata da una variante fino ad allora sconosciuta del virus H1N1, che ha causato centinaia di morti e decine di migliaia di contagi nel mondo, concentrati per la maggior parte nel continente americano. Periodicamente, dal ’97 ad oggi, e sotto diversi ceppi, si presenta invece l’influenza aviaria che colpisce i volatili e solo in alcuni rare occasioni diventa trasmissibile sull’uomo, l'esempio più noto è il virus dell'influenza aviaria H5N1, in circolazione nel pollame in alcune regioni dell'Asia e dell'Africa. Dal primo caso umano ha ucciso quasi il 60% delle persone infettate.

Il business farmaceutico: prevenzione o spreco?
Virus, influenza, contagio, psicosi pandemia e infine business. Sono diverse facce della stessa medaglia. Spicca il caso del Tamiflu, un farmaco «inefficace», secondo uno studio pubblicato dal British Medical Journal. Ma venne spacciato per miracoloso ai tempi dell’aviaria nel 2006 e tre anni dopo la “suina”. Per i governi di mezzo mondo si è rivelato anche uno spreco colossale – solo nel 2009 sono state comprate confezioni per 2,84 miliardi di franchi – ,  per la Roche che lo produce è stato un filone d'oro.

Non è la sola. Altri allarmi in passato hanno fatto volare i bilanci di Novartis, della britannica GlaxoSmithKline, della francese Sanofi Aventis e della la statunitense Baxter. La febbre suina, o influenza A, o virus H1N1 che dir si voglia, fu per le case farmaceutiche un affare da 10 miliardi di frachi. Perché studiano il vaccino o producono l’antivirale che ne ferma l’avanzata. Per non parlare di tutta quella profilassi fatta tramite integratori, mascherine e quant’altro che generano un indotto non da meno.

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-21 04:38:14 | 91.208.130.87