keystone-sda.ch/STF (Lefteris Pitarakis)
+ 4
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
2 min
Boom di abbonati Netflix con “The Witcher” e “The Irishman”
Negli ultimi tre mesi del 2019 il numero degli utenti iscritti al servizio di streaming è aumentato di 8,8 milioni di unità
CINA
19 min
Tredici anni di carcere per l'ex capo dell'Interpol
Meng Hongwei è comparso in tribunale per tangenti percepite alcuni anni fa
STATI UNITI
54 min
Uccide un coyote a mani nude per proteggere il figlio
L'animale aveva probabilmente già attaccato una donna poche ore prima
LIBANO
1 ora
Il Libano ha un nuovo governo
È guidato da Hassan Diab ed è incaricato di traghettare il paese attraverso la crisi economica e politica
STATI UNITI
2 ore
Stati Uniti, al via il processo per impeachment
STATI UNITI
2 ore
Coronavirus: primo caso negli USA
Individuata vicino a Seattle una persona infettata con il virus cinese. Era arrivato dalla città di Wuhan
CINA
2 ore
«Mia madre non conta nemmeno fra le vittime del coronavirus»
Le testimonianze di alcuni cittadini di Wuhan parlano di parecchi contagi non registrati, una tesi sostenuta anche dagli esperti internazionali
FOTO
PAESI BASSI / NORVEGIA
4 ore
L'autoritratto è «inequivocabilmente» opera di Van Gogh
Gli esperti del museo di Amsterdam hanno confermato l'autenticità del dipinto. Sarà ora parte di un'esposizione nel museo olandese prima di fare ritorno a Oslo, nel 2021
CINA
4 ore
Coronavirus: Wuhan rafforza i controlli sui viaggiatori
L'obiettivo è frenare la diffusione della nuova polmonite
FRANCIA
5 ore
Parigi pronta a fare marcia indietro sulla "web tax"
Per evitare attriti con gli Stati Uniti, la Francia valuta di sospendere la riscossione del balzello rivolto ai giganti di internet
BRASILE
5 ore
Amazzonia: Bolsonaro crea un Consiglio di protezione ambientale
Il suo compito sarà garantire «la difesa e lo sviluppo sostenibile» della foresta. La mossa arriva dopo le critiche ricevute per i roghi
BELGIO
6 ore
Libia: la Nato si dice disponibile a far rispettare l'embargo sulle armi
Stoltenberg: «Siamo già nel Mediterraneo a dare sostegno sulla missione Sophia»
STATI UNITI
6 ore
Provoca un incidente per «mettere alla prova la propria fede»
La 51enne ha ferito due persone ma non si è preoccupata di loro, confidando nella protezione divina
STATI UNITI
7 ore
«Non c'è nessuna prova che i social causino depressione nei teenager»
Una revisione di 40 studi è arrivata alla conclusione che le ricerche sono contraddittorie, e al massimo mostrano relazioni molto deboli
STATI UNITI
9 ore
Buffett, i Gates, Soros: ecco i maggiori filantropi a stelle e strisce
In ottava posizione c'è il nativo di Berna Hansjörg Wyss
STATI UNITI
9 ore
Tre bimbi ritrovati senza vita a casa: «Non sappiamo come sono morti»
È accaduto ieri in Arizona. La polizia ha interrogato i genitori e un parente che si trovava nell'abitazione
IRAN
10 ore
«Tre milioni di dollari a chi uccide Trump»
Un deputato ha proposto una taglia sulla testa del presidente Usa
RUSSIA
11 ore
La riforma costituzionale sarà ampiamente discussa
L'essenza della riforma sarà al centro di «dibattiti su larga scala»
LIBIA
11 ore
«La Francia tenta di bloccare la dichiarazione anti-Haftar»
Lo denuncia Ashraf Shah, un esponente di spicco vicino all'esecutivo del premier Fayez Al-Sarraj
IRAQ
11 ore
Sale la tensione a Baghdad e nelle città del sud: un morto
Sono ripresi gli scontri tra manifestanti e forze di sicurezza
CINA
12 ore
Coronavirus: sette casi fuori dalla città del focolaio
Controlli anche a Roma, una delle tre città europee con voli diretti da Wuhan. Confermate altre due vittime
STATI UNITI
15 ore
Al memoriale di Martin Luther King tra fischi e applausi
Donald Trump e Mike Pence hanno reso visita ieri al monumento nel giorno dedicato al leader dei diritti civili, ucciso nel 1968
IRAN
15 ore
Il Boeing ucraino «colpito da due missili» a corto raggio
La conferma arriva dall'ultimo rapporto dell'Organizzazione dell’aviazione civile iraniana
IRAQ
15 ore
Identificato il nome del nuovo leader dell'Isis
Il suo nome di guerra è Haji Abdullah
SIRIA
09.10.2019 - 15:470
Aggiornamento : 19:24

Al via l'operazione militare turca in Siria: prime vittime civili

Colpiti quattro villaggi. Graham, finora alleato di Trump: «Il presidente ha vergognosamente abbandonato i curdi»

DAMASCO - L'operazione militare della Turchia contro le forze curde nel nord-est della Siria è cominciata. Lo ha annunciato su Twitter il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

«Le Forze armate turche, insieme all'Esercito nazionale siriano, hanno appena avviato l'Operazione 'Primavera di Pace' contro il Pkk/Ypg e i terroristi di Daesh (Isis) nel nord della Siria», ha scritto Erdogan.

«La nostra missione è di evitare la creazione di un corridoio del terrore ai nostri confini meridionali e di portare pace nell'area», ha aggiunto il capo dello Stato turco.

«L'operazione Fonte di Pace neutralizzerà le minacce terroristiche contro la Turchia e porterà alla creazione di una zona di sicurezza, facilitando il ritorno a casa dei rifugiati siriani. Preserveremo l'integrità territoriale della Siria e libereremo le comunità locali dai terroristi», ha scritto Erdogan in un tweet successivo.

Intanto giunge notizia che diverse esplosioni sono avvenute nella località siriana di Ras al-Ayn, alla frontiera con la Turchia, nell'area in cui è iniziata l'operazione militare turca contro le forze curde. Lo riferiscono le tv locali, mostrando le immagini di una fitta coltre di fumo che si leva dalla parte siriana del confine.

Raid su aree civili: panico - «Caccia turchi hanno lanciato raid su aree civili. C'è grande panico fra la popolazione nella regione», ha twittato un portavoce dei combattenti curdi nel nord della Siria.

Attacchi su quattro villaggi siriani - I primi raid aerei turchi nella Siria nord-orientale nell'ambito dell'operazione militare di Ankara hanno finora preso di mira i villaggi di Mishrefe, Asadiya, Bir Nuah, a sud e a sud-est della cittadina frontiera siriana di Ras al Ayn.

Lo riferiscono all'ANSA fonti dal terreno e testimoni oculari. Colpi di artiglieria turchi hanno inoltre colpito il villaggio siriano di Yabse, pochi chilometri a ovest di Tall Abyad, altra cittadina siriana di confine.

Secondo quanto riferiscono milizie curde dello Ypg e testimoni alla Cnn, sono centinaia i civili in fuga dalle zone di frontiera.

Aggiornamento delle 17.30: prime vittime civili - Il comando delle operazioni delle forze curdo-siriane riferisce che si registrano le prime vittime civili dei raid aerei e di artiglieria turchi. Non è possibile verificare in maniera indipendente le informazioni sul terreno.

Colpi di mortaio dalla Siria verso la Turchia - Almeno due colpi di mortaio sono stati sparati dalla Siria verso il confine turco a Ceylanpinar, dove sono ammassati i soldati turchi e le milizie siriane filo-Ankara pronti a entrare in Siria per l'operazione militare contro i curdi.

Lo riporta Anadolu, secondo cui non ci sono stati feriti. Ceylanpinar si trova di fronte a Ras al-Ayn, bombardata nei minuti scorsi dai caccia di Ankara.

Putin a Erdogan: «Non compromettete sforzi per la pace» - «Alla luce dei piani per condurre un'operazione militare nel nord-est della Siria annunciato dalla Turchia Vladimir Putin ha invitato i partner turchi a riflettere attentamente sulla situazione in modo da non compromettere gli sforzi congiunti per risolvere la crisi siriana».

Lo riporta il Cremlino dando comunicazione di una conversazione telefonica tra il presidente russo e il suo omologo Recep Tayyip Erdogan. Lo riporta la Tass.

Mosca: «Abbiamo affrontato le questioni di sicurezza con i curdi e Damasco» - Mosca ha discusso delle questioni relative alla sicurezza nel nord-est della Siria con i curdi siriani e Damasco. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, citato dalla Tass.

«Dopo lo scambio di dichiarazioni tra Ankara e Washington, abbiamo avuto contatti con entrambi i rappresentanti dei curdi e il governo siriano», ha detto. «Abbiamo confermato che li stiamo incoraggiando ad avviare il dialogo per risolvere i problemi in quella parte della Siria, compresi quelli relativi alla sicurezza al confine tra Turchia e Siria».

Juncker: «La Turchia blocchi l'operazione militare» - Rivolgo un «appello alla Turchia affinché blocchi l'operazione militare in corso. La via militare non porta mai a buoni risultati».

Così il presidente della Commissione dell'Ue Jean Claude Juncker intervenendo al Parlamento europeo. E rivolgendosi ad Ankara ha aggiunto: «Non aspettatevi che l'Ue finanzi una cosiddetta zona sicurezza».

Graham: «I curdi sono stati vergognosamente abbandonati da Trump» - «I nostri alleati curdi sono stati vergognosamente abbandonati dall'amministrazione Trump»: così twitta il repubblicano Lindsey Graham, presidente della commissione giustizia del Senato, fino ad oggi uno dei principali alleati del presidente americano.

«Condurrò gli sforzi in Congresso perché Erdogan paghi salatamente quello che sta facendo», scrive Graham che parla di «disastro annunciato» e chiede a Trump di «cambiare le sue decisioni finché c'è ancora tempo, tornando alla safe zone che stava funzionando».

La Francia condanna l'offensiva turca - La Francia condanna «molto fermamente» l'offensiva turca nel nord della Siria e annuncia un imminente ricorso insieme alla Germania e al Regno Unito presso il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite: è quanto dichiarato dalla segretaria di Stato francese agli affari europei, Amélie de Montchalin.

«La Francia, la Germania e il Regno Unito - ha riferito Montchalin dinanzi alla commissione Esteri dell'Assemblea Nazionale a Parigi - stanno finalizzando una dichiarazione comune che sarà estremamente chiara sul fatto che condanniamo molto fortemente e molto fermamente» l'operazione turca nel nord della Siria.

«Ricorriamo al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite», ha aggiunto la fedelissima del presidente Emmanuel Macron.

La Nato: «L'azione della Turchia sia proporzionata» - «La Nato è stata informata dalle autorità turche delle operazioni nel nord est della Siria: è importante evitare azioni che destabilizzino la regione, aumentino la tensione e possano causare ulteriori sofferenze umane. Spero che l'azione della Turchia sia proporzionata e misurata per non indebolire la lotta comune all'Isis».

Lo ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg nella conferenza stampa a Palazzo Chigi con il premier italiano Giuseppe Conte. «Parlerò con il presidente turco venerdì a Istanbul», ha aggiunto, affermando che «la Turchia ha chiaramente delle preoccupazioni per la propria sicurezza, ha subito degli attacchi terroristici e ospita milioni di rifugiati siriani».

Berlino: «La Turchia ponga fine all'offensiva» - «Ci appelliamo alla Turchia affinché ponga fine alla sua offensiva e persegua i propri interessi di sicurezza per vie pacifiche». Lo ha detto il ministro degli esteri tedesco Heiko Maas, secondo quanto riportano diversi media tra cui il sito del settimanale Stern.

Così facendo la Turchia mette in conto di «destabilizzare ulteriormente la regione» e rischia di rafforzare l'Isis, ha affermato il ministro sostenendo che l'intervento minaccia di «causare un'ulteriore catastrofe umanitaria e un nuovo movimento di profughi».

Chiesta una riunione del Consiglio di Sicurezza dell'Onu - Belgio, Francia, Germania, Polonia e Gran Bretagna hanno chiesto di tenere consultazioni urgenti del Consiglio di Sicurezza Onu giovedì mattina sulla Siria dopo l'inizio delle operazioni militari della Turchia. Lo fanno sapere fonti diplomatiche del Palazzo di Vetro. 

Il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, è «molto preoccupato» per quanto sta succedendo nel nordest della Siria. Lo ha detto il suo portavoce. «Ogni operazione militare deve rispettare pienamente la Carta delle Nazioni Unite e le leggi umanitarie internazionali - ha aggiunto - I civili e le infrastrutture civili devono essere protette».

Guterres crede che «non ci sia alcuna soluzione militare al conflitto in Siria» e solo «un processo politico inclusivo e credibile può portare una soluzione di lungo termine».

Il segretario generale dell'Onu Guterres, come ha spiegato il suo portavoce, ha chiesto anche il rispetto della sovranità e dell'integrità territoriale della Siria.

Intervento solo senza rischi - Le forze di terra dell'esercito turco entreranno nel nord-est della Siria per condurre l'operazione 'Fonte di pace' solo dopo l'eliminazione dei «fattori di rischio» rappresentati dalle postazioni armate delle milizie curde dell'Ypg, colpite finora da raid aerei e d'artiglieria dal territorio turco. Lo riferiscono fonti militari di Ankara.

Chiesta riunione d'urgenza della Lega Araba - «Un inaccettabile attacco alla sovranità di uno Stato arabo» che «minaccia la pace e la sicurezza internazionali». Con queste parole il ministero degli Esteri egiziano, in un comunicato ricevuto dall'Ansa, ha condannato l'offensiva della Turchia in Siria.

Nella nota si chiede di porre «fine ai tentativi di occupare il territorio siriano e di cambiare la sua natura demografica». Il ministero degli Esteri del Cairo chiede una riunione urgente della Lega Araba per esaminare la situazione.

keystone-sda.ch/STF (Lefteris Pitarakis)
Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-21 23:54:33 | 91.208.130.85