Deposit
DANIMARCA
22.08.2019 - 17:010

In Danimarca per un bug informatico bisognerà rifare 10mila processi

Il problema riguarda il sistema che, attraverso i cellulari, permette di definire la posizione di una persona: «È un caso molto serio»

OSLO - In Danimarca oltre diecimila sentenze saranno riesaminate dopo la scoperta di "bachi" nei programmi che analizzano i dati dei cellulari, che potrebbero aver portato ad errori giudiziari. Lo ha reso noto, riporta il New York Times, il ministro della Giustizia danese in un comunicato.

Il primo problema è stato riscontrato in un sistema che converte i dati forniti dalle compagnie telefoniche nelle prove usate dalla polizia per definire se una persona era presente sulla scena di un crimine, che ha omesso alcuni dati aumentando l'incertezza sulla posizione.

Un secondo "baco" è stato trovato in un programma che traccia il segnale dei cellulari che li ha legati alla cella sbagliata, piazzando potenzialmente delle persone innocenti sulla scena del delitto. «E' un caso molto, molto serio - ha affermato Jan Reckendorff, che dirige i pubblici ministeri danesi -, non possiamo convivere con degli errori che potrebbero aver mandato in prigione degli innocenti».

In totale sono circa 10'700 i processi influenzati dai due problemi dal 2012, ha spiegato il ministero della Giustizia danese, che verranno revisionati da una commissione apposita prima di essere eventualmente istruiti di nuovo.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-23 11:48:46 | 91.208.130.87