KEYSTONE/AP (Kin Cheung)
+25
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
NEW YORK
4 min
Addio a Christo, l'artista impacchettatore. Venne anche a Lugano
La sua opera più famosa: la passerella sul lago di Iseo. Nel 2006 Lugano lo celebrò con una mostra
BELGIO
49 min
Contagiato dopo un party, il Principe fa mea culpa
Joachim, nipote di Re Filippo, ha partecipato di nascosto a una festa in Spagna
FOTO
EL SALVADOR
1 ora
Amanda si abbatte su El Salvador, almeno 11 morti
La tempesta tropicale si sta ora spostando in direzione del Guatemala.
STATI UNITI
1 ora
Proteste e lacrimogeni davanti alla Casa Bianca
Nonostante la notte di coprifuoco, i disordini sono continuati. Anche davanti alla residenza del presidente.
ITALIA
11 ore
Scontro tra esperti: «Il Covid non esiste più». La replica: «Il virus circola ancora»
Le dichiarazioni del primario del San Raffaele di Milano suscitano scalpore: «Torniamo alla vita normale»
STATI UNITI
14 ore
Minneapolis: per il legale famiglia è omicidio premeditato
Secondo l'avvocato l'agente aveva l'intenzione di uccidere
ITALIA
15 ore
Coronavirus: in Lombardia 210 nuovi casi, in calo i decessi
Sono 33 le vittime nelle ultime 24 ore. Ieri erano state 67
STATI UNITI
16 ore
Crew Dragon si è agganciata alla Stazione Spaziale
L'aggancio è avvenuto alle 16.16, con un anticipo di tre minuti, e tutto è andato come previsto
STATI UNITI
17 ore
Minneapolis: trovato un corpo vicino a un'auto bruciata
Proseguono le azioni di protesta e denuncia in seguito alla morte dell'afroamericano George Floyd
VIDEO
STATI UNITI
20 ore
New York: SUV della polizia contro i manifestanti
Secondo il sindaco della città, gli agenti potrebbero non aver avuto altra scelta.
MONDO
21 ore
Coronavirus: superati i 6 milioni di casi nel mondo
Gli Stati Uniti continuano a essere il Paese più colpito per numero assoluto di contagi.
CINA
16.06.2019 - 20:200

Due milioni di persone in piazza ad Hong Kong

I manifestanti hanno sfilato pacificamente lanciando un preciso segnale a Pechino

PECHINO - La seconda chance richiesta dalla governatrice di Hong Kong, Carrie Lam, si è infranta contro la marea umana del corteo di quasi due milioni di persone che, nelle stime degli organizzatori del Civil Human Rights Front, ha sfilato pacificamente nel centro della città. Una prova decisa e solida che, facendo salire di livello le proteste, adesso è ben più di un semplice campanello d'allarme per Pechino.

Le manifestazioni scaturite dalla criticatissima legge sulle estradizioni in Cina, destinate a proseguire anche domani con lo sciopero generale di lavoratori, insegnanti e studenti, sono cresciute di dimensione oltre qualsiasi ipotesi immaginabile fino a pochi giorni fa, diventando un serissimo grattacapo per la leadership del Partito comunista cinese visti gli scenari più temuti che si stanno profilando all'orizzonte.

Il presidente statunitense Donald Trump parlerà delle proteste in corso a Hong Kong con il presidente cinese Xi Jinping al G20, ha affondato subito il colpo il segretario di Stato Usa Mike Pompeo, in un'intervista a "Fox News Sunday". «Si incontreranno fra un paio di settimane, sono sicuro che sarà fra i temi di cui discuteranno», ha detto Pompeo, menzionando il vertice tra i due leader al G20 di Osaka di fine mese. Pompeo ha ricordato come il tycoon sia «sempre stato uno strenuo difensore dei diritti umani».

Malgrado la parte cinese debba ancora confermare l'incontro, insieme al già difficile dossier commerciale, Xi dovrebbe - nella lettura americana - cimentarsi nella questione di Hong Kong, da giorni già derubricata dalla Cina a vicenda «interna». Al di là delle forme, è lecito immaginare tutta l'irritazione cinese già per l'azzardo fatto da Pompeo, proprio quando Xi si trova nella fase più difficile dei suoi sei anni alla guida del Pcc e della Repubblica popolare, tra gli effetti della guerra dei dazi con gli Usa diventata anche tecnologica con lo scontro su Huawei, e con l'economia che mostra sempre più segnali di rallentamento.

I manifestanti, quasi il doppio di domenica scorsa e "solo" 338'000 per la polizia, hanno sfilato vestendo abiti neri, lasciando il giallo del movimento degli ombrelli pro democrazia che nel 2014 bloccò la città per 79 giorni. Hanno chiesto il ritiro in via definitiva della legge, non fidandosi della sospensione sine die della sua discussione in parlamento annunciata dal Carrie Lam, ma hanno anche scandito a gran voce la richiesta di dimissioni della stessa governatrice, colpevole di essersi mostrata filo-Pechino e poco attenta alla «voce della città».

Così hanno avuto il tono della beffa le scuse tardive della governatrice maturate non sabato in conferenza stampa, ma solo in serata attraverso un comunicato, quando l'appello degli attivisti alla mobilitazione aveva radunato quasi il 30% circa dell'intera popolazione di Hong Kong. La governatrice ha promesso «di avere un'attitudine più sincera e umile nell'accettare le critiche e i miglioramenti in modo da poter servire il pubblico».

Se il destino di Lam sembra segnato, sono tutte da vedere le mosse che Pechino prenderà per contenere la situazione. Rispetto alla manifestazione di domenica scorsa, la polizia ha aperto alla «marea nera» altre corsie e diverse strade laterali di accesso al percorso di circa tre chilometri, consentendo a molte persone di unirsi al corteo evitando il punto di partenza di Victoria Park, hanno spiegato all'agenzia di stampa italiana Ansa alcuni partecipanti.

Intanto, domani oltre alle nuove manifestazioni, ci sarà pure la scarcerazione di Joshua Wong, uno degli studenti leader del movimento degli ombrelli, dopo aver scontato i due mesi di reclusione inflittagli per il ruolo avuto nelle manifestazioni. Demosisto, il partito di cui è stato cofondatore, lo ha annunciato in una nota, nel giorno della più grande prova a difesa della democrazia tenuta nell'ex colonia dalla sua restituzione alla Cina nel 1997.

KEYSTONE/AP (Vincent Yu)
Guarda tutte le 29 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-01 10:00:18 | 91.208.130.86