Keystone
STATI UNITI
08.11.2018 - 19:100

Google promette più trasparenza nelle denunce di molestie sessuali

Mountain View ha deciso di mettere fine all'obbligo di arbitrato

NEW YORK - Google rivede le pratiche con cui gestisce le denunce di molestie sessuali dopo le polemiche e le proteste delle ultime settimane. In una nota ai dipendenti l'amministratore delegato di Google, Sundar Pichai, annuncia che Mountain View ha deciso di mettere fine all'obbligo di arbitrato per le molestie.

«Sono impegnato a effettuare i cambiamenti di cui abbiamo bisogno per migliorare. Renderemo l'arbitrato una opzione. Google non ha mai richiesto la riservatezza del processo di arbitrato e l'arbitrato potrebbe ancora essere la migliore strada per diverse ragioni (ad esempio la privacy), ma ammettiamo che la scelta dovrebbe essere vostra» scrive Pichai, assicurando una «maggiore trasparenza» nel processo di gestione delle denunce.

«Aggiorneremo e amplieremo la formazione obbligatoria per le molestie» mette in evidenza.

Le polemiche contro Google sulle molestie sono seguite alle indiscrezioni riportate dal New York Times, secondo le quali Mountain View ha coperto almeno tre casi di molestie nell'ultimo decennio, fra le quali le accuse contro Andy Rubin, il padre di Android, al quale avrebbe concesso anche una buonuscita da 90 milioni di dollari.

Tags
molestie
google
arbitrato
denunce
trasparenza
mountain view
molestie sessuali
view
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-11-16 05:01:30 | 91.208.130.87