Keystone
Il Papa davanti al memoriale di Giovanni Falcone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
45 min
«Il muro mette a rischio i siti archeologici dell'Arizona»
NIGERIA
52 min
Donne in piazza contro i "killer degli hotel"
KENYA
58 min
Questo cucciolo di zebra non ha le strisce, è a pois
STATI UNITI
1 ora
L'appello di Greta al Congresso: «Ascoltate la scienza»
REGNO UNITO
1 ora
Immagine neonazi contro Harry in tv, la Bbc si scusa
STATI UNITI
2 ore
I 75 miliardi immessi dalla Fed nel sistema finanziario Usa stanno dando i loro frutti
SPAGNA
3 ore
La Spagna torna al voto, Sánchez chiede una «maggioranza più chiara»
ITALIA
3 ore
Oscurato Xtream Codes, trasmetteva il calcio pirata via web
FRANCIA
3 ore
Al vertice del Consiglio d'Europa solo donne: è la prima volta
STATI UNITI
4 ore
Aborti al minimo dalla legalizzazione del 1973
ISRAELE
4 ore
Lieberman: «Un governo con Likud e Blu e Bianco è l'unica opzione»
STATI UNITI
4 ore
Trump nomina il successore di Bolton: è Robert O'Brien
IRAN
4 ore
Se attaccato, l'Iran risponderà in maniera «devastante»
LIBERIA
5 ore
Incendio in una scuola coranica, è strage di bambini
LIBIA
5 ore
L'Ocean Viking rifiuta lo sbarco in Libia: «Non è sicura»
ITALIA
15.09.2018 - 22:290

Il Papa scomunica i mafiosi: «Non vivono da cristiani. Convertitevi»

A Palermo il Pontefice dedica la sua omeliaa don Pino Puglisi, il prete ucciso il 15 settembre 1993 da Cosa nostra per il suo impegno sociale

PALERMO - «Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Chi è mafioso non vive da cristiano, perché bestemmia con la vita il nome di Dio amore». Sono queste le parole pronunciate da Papa Francesco contro i mafiosi. E ha aggiunto: «Convertitevi. Il sudario non ha delle tasche, non potrete portare niente con voi». Il Pontefice ha scelto proprio Palermo per scomunicare i mafiosi, dedicando la sua omelia a don Pino Puglisi, il prete ucciso il 15 settembre 1993 da Cosa nostra.

Don Pino Puglisi «non viveva per farsi vedere, non viveva di appelli antimafia, e nemmeno si accontentava di non far nulla di male, ma seminava il bene, tanto bene». Il Papa ha contrapposto i mafiosi ai cristiani: «Se la minaccia mafiosa è "tu me la pagherai", la preghiera cristiana è "Signore, aiutami ad amare"». E rivolgendosi direttamente ai mafiosi Papa Francesco ha esortato: «Cambiate. Smettete di pensare a voi stessi e ai vostri soldi, convertitevi».

Francesco ha seguito l'esempio di Giovanni Paolo II che disse ai mafiosi: «Convertitevi, una volta verrà il giudizio di Dio». Ancora ricordando Don Pino Puglisi, il Pontefice ha sottolineato: «Aveva ragione, la logica del Dio denaro è perdente».

 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 20:28:45 | 91.208.130.87