Keystone
UNIONE EUROPEA
04.04.2017 - 14:480

L'epidemia di morbillo prosegue in 11 Paesi UE

Il Paese più colpito è la Romania, con 3'911 casi registrati tra settembre 2016 e marzo 2017

SOLNA - Continua l'epidemia di morbillo in Europa. Il Paese più colpito è la Romania, con 3'911 casi registrati tra settembre 2016 e marzo 2017, ma casi vengono segnalati anche in altri 10 Paesi.

Lo rileva il Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc), nel suo aggiornamento epidemiologico.

Nel 2016 sono stati segnalati focolai di epidemia di morbillo in diversi Paesi europei, e si pensa che continueranno ad aumentare anche nel 2017. I Paesi nei quali il morbillo continua a colpire sono Austria, Belgio, Bulgaria, Danimarca, Francia, Germania, Ungheria, Italia, Spagna e Svezia, oltre alla Romania, e c'è il rischio, secondo l'Ecdc, che continui a diffondersi in aree con popolazione non coperta dal vaccino.

Le coperture nazionali per la seconda dose di vaccino (quello contro morbillo, rosolia e orecchioni) rimangono infatti sotto la soglia del 95% nella maggior parte dei Paesi Ue.

I Paesi membri della regione europea dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) stanno facendo comunque progressi verso l'obiettivo di eradicare il morbillo: dei 53 Paesi dell'Oms Europa, 24 (di cui 15 nell'Ue) hanno dichiarato di aver eliminato il morbillo, e altri 13 (di cui 9 nell'Ue) hanno interrotto la trasmissione a livello locale per 12-36 mesi, dunque sono sulla strada verso l'obiettivo di eliminare questa malattia contagiosa.

Rimangono però ancora 6 Paesi europei dove il morbillo continua a diffondersi in modo endemico, e cioè Belgio, Francia, Germania, Italia, Polonia e Romania. Le precedenti epidemie e quelle in corso in altri Paesi Ue sono state collegate epidemiologicamente a quella che sta colpendo la Romania, ma servono maggiori studi sulle caratteristiche genetiche del virus.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-25 11:11:13 | 91.208.130.86