CITTA' DEL VATICANO
31.12.2016 - 18:350
Aggiornamento : 21:14

Il Papa al Te Deum: «Siamo in debito con i giovani»

Papa Francesco nella sua omelia: «Da una parte la cultura che idolatra la giovinezza cercando di renderla eterna, dall'altra i giovani che non hanno spazio per inserirsi»

CITTÀ DEL VATICANO - "Non si può parlare di futuro" senza "assumere la responsabilità che abbiamo verso i nostri giovani; più che responsabilità, la parola giusta è debito". Lo ha detto Papa Francesco nell'omelia del Te Deum.

Se da una parte c'è una cultura che "idolatra la giovinezza cercando di renderla eterna", dall'altra "paradossalmente, abbiamo condannato i nostri giovani a non avere uno spazio di reale inserimento, perché lentamente li abbiamo emarginati" e costretti "a emigrare o a mendicare occupazioni che non esistono", ha aggiunto.

I giovani debbono poter trovare un futuro nella loro terra e per questo ci deve essere un impegno da parte di tutti. "Ci aspettiamo da loro ed esigiamo che siano fermento di futuro, ma li discriminiamo e li 'condanniamo' a bussare a porte che per lo più rimangono chiuse", ha detto il Papa.

E allora "ci è chiesto di prendere ciascuno il proprio impegno, per poco che possa sembrare, di aiutare i nostri giovani a ritrovare, qui nella loro terra, nella loro patria, orizzonti concreti di un futuro da costruire. Non priviamoci della forza delle loro mani, delle loro menti, delle loro capacità di profetizzare i sogni dei loro anziani.

Se vogliamo puntare a un futuro che sia degno di loro, potremo raggiungerlo solo scommettendo su una vera inclusione: quella che dà il lavoro dignitoso, libero, creativo, partecipativo e solidale".

"Abbiamo privilegiato la speculazione invece di lavori dignitosi e genuini che permettano" ai giovani "di essere protagonisti attivi nella vita della nostra società", ha detto ancora il Papa.

Papa Francesco ha terminato la celebrazione del Te Deum, la tradizionale preghiera di ringraziamento di fine anno, nella Basilica vaticana. Ora si sposterà a piazza San Pietro per la visita del presepe.

ats ansa

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 07:42:45 | 91.208.130.85