ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
6 ore
Trump contro i senzatetto: «Rovinano il prestigio delle città»
ITALIA
7 ore
Prove di dialogo tra Conte e Macron
STATI UNITI
8 ore
La Fed taglia (ancora) i tassi e fa arrabbiare Trump
STATI UNITI
9 ore
«Il muro mette a rischio i siti archeologici dell'Arizona»
NIGERIA
9 ore
Donne in piazza contro i "killer degli hotel"
KENYA
9 ore
Questo cucciolo di zebra non ha le strisce, è a pois
STATI UNITI
9 ore
L'appello di Greta al Congresso: «Ascoltate la scienza»
REGNO UNITO
10 ore
Immagine neonazi contro Harry in tv, la Bbc si scusa
STATI UNITI
11 ore
I 75 miliardi immessi dalla Fed nel sistema finanziario Usa stanno dando i loro frutti
SPAGNA
11 ore
La Spagna torna al voto, Sánchez chiede una «maggioranza più chiara»
ITALIA
11 ore
Oscurato Xtream Codes, trasmetteva il calcio pirata via web
FRANCIA
12 ore
Al vertice del Consiglio d'Europa solo donne: è la prima volta
STATI UNITI
12 ore
Aborti al minimo dalla legalizzazione del 1973
ISRAELE
13 ore
Lieberman: «Un governo con Likud e Blu e Bianco è l'unica opzione»
STATI UNITI
13 ore
Trump nomina il successore di Bolton: è Robert O'Brien
Dal Mondo
11.04.2002 - 20:070
Aggiornamento : 13.10.2014 - 13:47

COMO: Yacht “fantasma”, chiesti 8 mesi di condanna per l’imprenditore nautico lariano Bruno Abbate

Il Pubblico MInistero ha anche sollecitato 10 mesi nei confronti dello svizzero Adriano Hossman

TREMEZZO – Otto mesi di reclusione. Questa la richiesta formulata dal Pubblico Ministero di Savona al termine della sua requisitoria al processo nei confronti, fra gli altri, del noto imprenditore nautico Bruno Abbate, un nome il suo che ha fatto la storia della nautica italiana. Abbate è accusato di simulazione di reato e distrazione fraudolenta di una lussuosa imbarcazione, un motoryacht Primatist G41 varato nel cantiere lariano di Tremezzo. Con lui delle stesse accuse deve rispondere anche il proprietario del natante, lo svizzero 47enne Adriano Hossman. La vicenda che ha portato all’incriminazione dei due è stata ripercorsa in aula dal P.M. secondo cui Adriano Hossman, avrebbe acquistato nel ’96 da Abbate il Primatist, per un valore di 400 mila franchi svizzeri, pari a quasi mezzo miliardo di vecchie lire. Nello stesso anno Hossman ha poi denunciato il furto dell’imbarcazione ormeggiata nel porto di Varazze ottenendo il risarcimento dalla sua assicurazione. Due anni dopo nelle acque varazzine, a poche centinaia di metri dal porticciolo, viene recuperato a 33 metri di profondità uno scafo che secondo il Magistrato Inquirente sarebbe proprio quello appartenuto a Hossman. Era senza motori, privo di impianti e gli allestimenti denunciati. “Perché i ladri avrebbero dovuto affondarlo poco lontano da dove lo hanno rubato - si è chiesto in Aula il P.M. –.Uno scafo, che così come è stato recuperato, certo non valeva mezzo miliardo...”. Da qui il dubbio che la barca sia stata acquistata incompleta e da qui le accuse di simulazione di reato e di affondamento della barca per attuare la frode. Brogliolo ha, così, chiesto la condanna a 10 mesi di reclusione per Hossman, a 8 mesi per Abbate (che avrebbe aiutato lo svizzero) e 6 mesi per Giuseppe Spina, l’addetto all’ormeggio dell’imbarcazione. Il Collegio difensivo ha chiesto l’assoluzione; il 17 aprile contro repliche e sentenza.

di Bob Decker

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 05:05:00 | 91.208.130.87