mobile report Segnala alla redazione
CAMPOFILONE
14.09.2005 - 22:410

L’Azienda Spinosi si presenta

Trovate gli "spinosini" anche da Manor

da Luigi Bosia
 
CAMPOFILONE - Presentata ieri sera presso il ristorante MANOR di Lugano ne abbiamo parlato in altro articolo ma credo utile raccontare la storia della famiglia Spinosi che produce pasta dal 1933. Vedi anche cliccando qui
Era un'azienda familiare come tante altre soprattutto a Campofilone che è la patria dei maccheroncini di pasta all'uovo, fini e leggeri. Un po' come quelli che noi chiamiamo "capelli d'angelo". 
Papà Nello registrò l'azienda per la prima volta nel 1960. Questa passò al figlio Vincenzo nel 1973, l'ultimo dei 4 figli. Attualmente, sempre guidata da Vincenzo, lo coadiuva il figlio Marco, laureato all'Università Bocconi di Milano. Vincenzo Spinosi, originario di Campofilone (in provincia di Ascoli Piceno, Marche), si è imposto ovunque come il "Principe della pasta" o il "Re del maccheroncino": dipende dai gusti e dalle latitudini. Questi titoli se li è guadagnati sul campo e alla sua maniera: cucinando personalmente. Lui fa così: parte con la sua valigia, una valigia molto particolare nella quale ogni volta sistema con cura uova freschissime, farina, sale, olio extra vergine d'oliva (marchio Spinosi, ovviamente), una spianatora, un mattarello, un grembiule immacolato più altri arnesi vari, e arrivato a destinazione si mette a preparare la pasta. Sotto gli occhi di tutti. Poi la cucina e la fa assaggiare. Nessuno gli resiste: tutti vogliono i suoi Spinosini 2000 con omega 3, ultimi nati della varia gamma di formati di pasta all'uovo da lui prodotta. .Il copione si ripete in ogni occasione: nelle fiere e nelle trasmissioni televisive, nelle camere d'albergo e nelle cucine dei ristoranti, nei negozi e nei centri commerciali, a Francoforte, a Hong Kong, a Parigi, a Tokyo, a Londra e a New York dove ha avuto l'onore di cucinare a fianco di Tony May. Subisce una leggera variazione sui voli Alitalia, perché in quel caso, e solo in quello, Spinosi sull'aereo, a quota 10.000 metri, si limita a riscaldare gli ormai famosissimi Spinosini con prosciutto crudo e limone (preparati e precotti), prima di servirli all'equipaggio in trepida attesa. Sandro (questo è il nome con cui lo chiamano gli amici e nel quale si riconosce) la sua fortuna se l'è costruita da sé, le pareti della sua azienda sono tappezzate di foto che hanno immortalato i momenti e gli incontri più importanti con noti personaggi, attratti dal suo entusiasmo e dal suo carisma e naturalmente amanti dei suoi Spinosini 2000 con omega 3 come: Ferragamo, Trussardi, Pignotti (il manager di Rudolf Nureiev anche lui presente l’altra sera per la cena presso il ristorante Manor di Lugano), Michael Gorbaciov, Wendy, Gina Lollobrigida, Mara Venier, Gianfranco Vissani, Matilde Brandi, Giovanni Rana (persino lui, il grande pastaio), Vincenzo Onorato di Mascalzone Latino, Igles Corelli (che mi onoro di aver portato a Lugano), Mario Cipollini, Gino Banali, Eddy Irvine. Sandro (o Vincenzo se preferite) ha cucinato in diretta per "Italia Agricoltura" (Rai tre); "La vecchia fattoria" condotta da Luca Sardella; "Domenica In" (da Maranello, insieme a Vissani), "La Domenica del Villaggio" condotta da Davide Mengacci Nei suoi archivi una lunga serie di articoli pubblicati su diversi quotidiani e riviste Ad incoronare Vincenzo Spinosi, Vip della grande produzione alimentare, è stato il premio internazionale Five Stars Diamond Awards, che gli ha conferito nel 2000 l'American Academy of Hospitality and Sciences. Il riconoscimento era stato assegnato in passato a personaggi del calibro di Bill Clinton, Tony Blair e Margaret Tatcher Ha avuto l'onore di cucinare a fianco di di-versi chef illustri, tra cui Gianfranco Vissani, Igles Corelli, Harlan Goldstein del Marina Club dello Shangri -La di Hong Kong, Paolo Antinori del Fortino Napoleonico, Giovarmi Angelini - Chief Executive Officer & Managing Director della famosa catena Shangri.- La. Lo chef Giuseppe Silvestri, ultimo cuoco della Principessa Diana ed ora di Harrod's a Londra, ha voluto La sua pasta è apprezzata e ricercata quasi ovunque, nel mondo. La trovate nei duty free degli aereoporti di Malpensa, nei magazzini Harrod's a Londra, da Di Palo's a New York, da Disneyland a Orlando. Gli "Spinosini" figurano nel menù del Ritz di Osaka, dell’Imperial di Tokyo, dei ristoranti della catena Shangri-La, del Savoy e del S. Lorenzo di Londra, del San Domenico a New York e del Café Milano a Washington e, ora anche da Manor a Lugano.
Potrebbe interessarti anche
Tags
spinosi
pasta
vincenzo
azienda
campofilone
spinosini
manor
londra
lugano
vissani
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-17 21:03:26 | 91.208.130.87