Segnala alla redazione
LUGANO
08.03.2016 - 21:000

Lugano bella da vivere grazie a un territorio sano

Carlo Zoppi, candidato PS al Municipio e al Consiglio Comunale

LUGANO - Lugano dovrebbe essere una città non solo bella per il paesaggio ma bella da vivere e che metta a disposizione spazi pubblici di qualità. Traffico e sicurezza sono problemi prioritari a cui bisogna dare soluzioni durature, efficaci al passo con i tempi. Gli strumenti ci sono e la loro diffusione va sostenuta dagli enti pubblici.

Dovremo dare la possibilità alla popolazione di poter fruire maggiormente e con meno difficoltà degli spazi pubblici e delle rive del lago. La pedonalizzazione del centro e di parte del Lungolago sono aspetti importanti e una chiara opportunità attrattiva per la città. Amplierebbe l’offerta turistica e la pianificazione degli eventi e agevolerebbe gli esercenti. Ridisegniamo le zone pedonali affinché lo siano veramente, favorendo l’incontro e lo scambio fra le persone. Guardando oltre, si potrebbero allestire spazi per i mercati, per la musica e l’arte di strada. Fra le proposte concrete da realizzare per migliorare la qualità di vita spicca sicuramente la creazione di un asse verde dal Cassarate fino al Gazzirola a disposizione dei cittadini.
Moltissime città europee e nord americane stanno modificando i propri centri in direzione di una maggiore qualità di vita e sicurezza, aumentando vegetazione e diminuendo il traffico. Esperimenti che hanno dato i loro frutti e sono stati giudicati positivamente dalla popolazione dopo un comprensibile titubanza iniziale. Il PVP è nato con le migliori intenzioni ma è stato annacquato nel tentativo di accontentare tutti. Ricordiamoci che il suo obiettivo iniziale era quello di scoraggiare l’utilizzo non necessario dell’automobile in centro. Continuando sul percorso intrapreso dal comune dovremo promuovere una mobilità efficiente con trasporti pubblici più capillari e frequenti anche nei quartieri periferici.
Non possiamo dimenticarci però dei quartieri. Lugano non è solo il centro città. Molti quartieri una volta erano comuni con una propria storia e identità. Dobbiamo salvaguardare queste caratteristiche e la loro vitalità. Vogliamo una città che unisca il centro alla periferia, passando per la montagna, e che favorisca la politica di prossimità con il cittadino. Per questo è importantissimo tornare ad ascoltare i quartieri, capendo le necessità e dove possibile intervenire per rafforzarli.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-10 14:54:45 | 91.208.130.86