Tipress
Lorenzo Quadri e Samir Radouan Jelassi.
LUGANO / BERNA
05.12.2019 - 15:060
Aggiornamento : 15:26

Il caso Jelassi finisce sul tavolo del Consiglio federale

Lorenzo Quadri ha interpellato il Governo chiedendo chiarimenti sulla vicenda dell'imam di Viganello

LUGANO  / BERNA - Il caso dell’imam di Viganello Samir Radouan Jelassi finisce anche sui banchi del Consiglio federale, interpellato oggi da Lorenzo Quadri per un giudizio sulla situazione venutasi a creare dopo che la Segreteria di stato della migrazione (SEM) ha deciso di bloccare la concessione della cittadinanza elvetica.

«In base a quali solidi elementi la SEM è giunta alla decisione di bloccare la concessione della cittadinanza svizzera all’imam ritenendolo una  “duratura compromissione della sicurezza interna ed esterna” del nostro Paese», chiede in primis al Governo il consigliere nazionale leghista, invitandolo a fare luce anche sulla collaborazione dell’imam tunisino con la Segreteria di Stato per l'educazione, la ricerca e l'innovazione (SEFRI).

«C’è forse un problema di passaggio d’informazioni, all’interno dell’amministrazione federale, su temi della massima sensibilità ed importanza?», prosegue Quadri, soffermandosi anche sul caso Argo 1 e chiedendo se «anche la moschea in cui opera l’imam Jelassi fu oggetto di verifiche da parte delle autorità di polizia federali e cantonali».

Le domande rivolte al Consiglio federale

  • Come giudica il CF la situazione creatasi attorno all’imam Jelassi? In base a quali solidi elementi la SEM è giunta alla decisione di bloccare la concessione della cittadinanza svizzera all’imam ritenendolo una “duratura compromissione della sicurezza interna ed esterna” del nostro Paese?
  • Corrisponde al vero che, a margine delle perquisizioni eseguite nell’ambito dell’inchiesta a carico del radicalizzatore attivo in Argo1 e condannato in via definitiva dal TPF, anche la moschea in cui opera l’imam Jelassi fu oggetto di verifiche da parte delle autorità di polizia federali e cantonali? Se sì, come valuta il CF il fatto che la comunità e lo stesso imam negarono tale circostanza?
  • Come giudica il CF fatto che l’ imam Jelassi, che la Segreteria di Stato per la migrazione sospetta di legami con il terrorismo islamico, abbia collaborato con la SEFRI? C’è forse un problema di passaggio d’informazioni, all’interno dell’amministrazione federale, su temi della massima sensibilità ed importanza?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-09 17:20:38 | 91.208.130.89