Archivio Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
32 min
Le multe fioccano su Piazza Luini
La Città è in cerca di soluzioni contro le soste abusive. Il progetto per i dissuasori mobili è ancora bloccato da un ricorso
CANTONE
1 ora
La Facoltà di scienze della comunicazione cambia nome
Il Gran Consiglio ticinese ha approvato la modifica della Legge sull'Università della Svizzera italiana
CANTONE
2 ore
Caos viario nel Gambarogno: «Un errore di valutazione»
La risposta del consigliere di Stato Claudio Zali a un’interpellanza sull’introduzione del divieto di transito nel nucleo di Quartino
BERNA/BELLINZONA
2 ore
Treni più stretti? «Sì, ma più comodi»
Nuovi Giruno: il Consiglio federale invita a guardare il lato positivo...
CANTONE
3 ore
Residenze fittizie dei manager Gucci, no alla Commissione d’inchiesta
Il Gran Consiglio ha respinto la richiesta di Matteo Pronzini. Non sono mancate le frecciatine in aula
CANTONE
3 ore
Il governo "stizzito" dal ricorso
Ballottaggio per gli Stati. Troppo mediatico, secondo il Consiglio di stato
CANTONE
3 ore
Museo di storia naturale, si fa avanti la Leventina (di nuovo)
Nel dicembre del 2017 il Consiglio di Stato aveva invece deciso lo spostamento a Locarno
SORENGO
4 ore
Il mercatino dell'OTAF è un successo
Giovedì le bancarelle hanno accolto i numerosi visitatori, a cui sono stati offerti caldarroste, zuppe calde e hot dog
AIROLO
4 ore
In carrozzella a lezione di sci
Tornano a Pesciüm i corsi di discesa per persone disabili proposti dall'ASP
CANTONE
5 ore
La neuroradiologia ha un nuovo primario
Si chiama Alessandro Cianfoni ed entrerà in carica il prossimo 1. gennaio 2020
FOTO
CANTONE
5 ore
All'incanto la Vespa che incanta
In ottime condizioni il classico di casa Piaggio degli anni '60. Base d'asta? Mille franchi
MASSAGNO
5 ore
Neomaggiorenni a rapporto, con gli Smilebots
Nell'incontro con il Municipio il Campodicastero tematiche giovanili ha esposto i progetti del Comune rivolti ai più giovani
LUGANO
19.11.2019 - 14:280

Donne e amministrazione pubblica: «La situazione è scandalosa»

I consiglieri comunali socialisti chiedono l'introduzione di una quota minima del 30%

LUGANO - Nella pubblica amministrazione di Lugano ci sono troppe poche donne ai vertici. E si tratta di «una situazione oggettivamente scandalosa», come scrivono i consiglieri comunali socialisti in una mozione al Municipio (primo firmatario Raoul Ghisletta) che chiede l’adozione di un regolamento a favore della parità di genere, perché la presenza femminile possa raggiungere almeno quota 30%.

Per illustrare l’attuale situazione, nella mozione si fa il conto delle donne presenti nei consigli d’amministrazione (CdA) e di direzione di SA ed enti luganesi: nell’Ente autonomo del LAC è 1 su 7 nel CdA; alle AIL SA è 1 su 7 nel CdA, e sono 0 su 9 in direzione; alla TPL SA è 1 su 9 nel CdA, e sono 0 in direzione; nell’Ente autonomo LIS sono 3 su 7 nel CdA.

E si parla anche delle donne tra i funzionari dirigenti nell’amministrazione comunale, che nel 2019 erano il 10% (5 su 51) e nel 2019 sono il 16% (11 su 70).

«La realizzazione della parità di genere è una questione urgente da affrontare per il futuro della nostra società» si legge ancora nella mozione, che ricorda casi analoghi. Per esempio il Legislativo comunale di Berna, che nel 2012 ha stabilito a larga maggioranza l’introduzione di una quota femminile del 35% per i funzionari dirigenti dell’amministrazione comunale. E anche a Basilea Città dal 2014 sono state applicate quote per genere per i consigli d’amministrazione di enti/aziende pubbliche.

Commenti
 
SSG 2 sett fa su tio
Considerando che i socialisti hanno perso un po' ovunque la Carobbio è contenta che è stata eletta per il suo sesso e non per la sua bravura? o l'importante era conquistare un altro cadreghino?
Maxy70 2 sett fa su tio
Io allestirei i dossier delle candidature senza mezionare il sesso. Magari si arriverebbe a scegliere la PERSONA più qualificata, più degna di servire il Paese, senza guardarle nelle mutande.
Nicklugano 2 sett fa su tio
@Maxy70 Esattamente...
volabas 2 sett fa su tio
Dai Marinona ora che sei nel regno degli eletti, dai una mano al rauletto, perché mi sembra sia andato di melone.
SSG 2 sett fa su tio
Strano che non chiedano l'obbligatorietà del servizio militare anche per le donne! Ci manca solo che finanziano uno studio per far partorire ai maschietti...
Nicklugano 2 sett fa su tio
Esattamente, condivido in toto. Semmai Ghisletta riuscisse (e ne dubito fortemente) a capire il senso della meritocrazia, della voglia di mettersi in gioco e della disponibilità al sacrificio personale, allora se ne potrebbe discutere...
don lurio 2 sett fa su tio
Parità di diritti, Doveri, Raoul Ghisletta comincia a chiedere una AVS Per Tutti donne e uomini a 65 anni. In seguito che le donne facciano politica si fanno eleggere. In seguito vietare di farsi assumere nelle diverse funzioni a tutte le socialiste e comuniste La smetta di chiedere regolamenti, interpellanze che fanno perdere tempo .
tip75 2 sett fa su tio
se di parità si parla bisogna arrivare al 50...
fromrussiawith<3 2 sett fa su tio
Questa richiesta è tutto meno che "moderna e progressista"; in una società genderless, non si dovrebbe distinguere un genere dall'altro, favorire o svantaggiare un genere dall'altro; questo è "ritornare al passato" in una democrazia. Quello che i socialisti possono fare è invogliare (non forzare) le donne ad entrare in politica, offrire loro tutto il supporto necessario e eliminare eventuali barriere. Obbligare una quota femminile è come insinuare che le donne non hanno le capacità di competere alla pari con l'uomo, ciò che non è per niente la realtà; le donne possono essere migliori dell'uomo, e se in politica non ve ne sono molte vuol dire che la politica non è tutto nella vita e a volte pure disgustosa; quello che si vuole è eleggere chi se lo merita, chi è disposto a sacrificare parte della propria vita, senza dover considerare il genere, l'età, la religione... questa proposta socialista è per me ridicola
SSG 2 sett fa su tio
ok, però dopo voglio anche una percentuale per i calvi, una per i nani, una per gli obesi, una per i biondi, una per chi porta gli occhiali, ecc. Così sono tutti rappresentati, fa niente se sono tutti incompetenti… Ma la Carobbio è contenta che è stata eletta per il suo sesso e non per la sua bravura?
F.Netri 2 sett fa su tio
Tra un po'......nel partito socialista resteranno sono bolsceviche femmine.
Bayron 2 sett fa su tio
Assurdo imporre una percentuale. Io penso che una nomina debba essere fatta in base alle capacità e ciò indipendentemente dal sesso del candidato.
Um999 2 sett fa su tio
@Bayron Il 30% non sarebbe una discriminazione???? Ma si rendono conto cosa dicono???
Mattiatr 2 sett fa su tio
@Um999 Semplicemente il 21 secolo è caratterizzato da numeri. Non siamo persone, ma un numero, con un sesso, una religione e forse anche un cervello. Per applicare l'idea del partito socialista sicuramente andrebbero licenziati alcuni uomini. Probabilmente i meno efficienti (sulla carta) sono pure quelli con più esperienza e meno anni di lavoro a disposizione, ergo gli anziani verranno licenziati per assumere delle donne per raggiungere la quota stabilita. Ergo creare disoccupati inutili e che non troveranno più lavoro per soddisfare un capriccio.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 20:32:57 | 91.208.130.85