Archivio Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Padre despota condannato a 8 anni
Il 48enne siriano è stato ritenuto colpevole di tre tentati omicidi intenzionali
CAPOLAGO
1 ora
I vecchi binari del Generoso hanno riaperto la chiesetta
Il restauro è stato finanziato con la vendita dei vecchi pali disseminati lungo il percorso che conduce in vetta
CANTONE
1 ora
La Galleria di Grancia è rimasta chiusa per «problemi tecnici»
È successo attorno alle 17:30 di questa sera per poi riaprire circa 15 minuti dopo con qualche disagio al traffico
CANTONE
2 ore
Radar sull'attenti in quattro distretti
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti per la prossima settimana
SONDAGGIO
CANTONE
2 ore
«Rilanciamo il turismo con un hovercraft tra Locarno e Bellinzona»
Una mozione UDC invita il Ticino a risollevare il settore con idee innovative
VEZIA
3 ore
Ecco come mantenere in vita i negozi di paese
Sono stati presentati i risultati di uno studio promosso dall'Ente regionale per lo sviluppo del Luganese
LUGANO
4 ore
Un giro di boa per la traversata ai tempi del coronavirus
La nuotata popolare avrà luogo il prossimo 23 agosto e la partecipazione è limitata ai residenti in Svizzera
CANTONE
5 ore
Poliziotti sotto tiro, il sindacato reagisce
Il sindacato Ocst funzionari di polizia segnala l'aumento di attacchi, fisici e verbali, contro le forze dell'ordine
CANTONE
6 ore
«Senza aiuti Covid, noi cliniche private costrette a licenziare»
«Abbiamo garantito il pieno supporto al Cantone nella gestione dell'emergenza Covid»
GORDOLA
6 ore
Chi ha aiutato Aurèle sulla via dei Monti Motti?
La polizia è in cerca dell'uomo che aveva aiutato Aurèle a ritrovare la via. Si è smarrito di nuovo.
CANTONE
7 ore
Furbetti dei crediti Covid: denunciati in 10
In Ticino la Procura indaga su una serie di presunti abusi sui prestiti garantiti dalla Confederazione
LUGANO
7 ore
Spaccio di coca, quattro arresti
In manette anche un 75enne. Sequestrati alcune decine di grammi
LUGANO
19.11.2019 - 14:280

Donne e amministrazione pubblica: «La situazione è scandalosa»

I consiglieri comunali socialisti chiedono l'introduzione di una quota minima del 30%

LUGANO - Nella pubblica amministrazione di Lugano ci sono troppe poche donne ai vertici. E si tratta di «una situazione oggettivamente scandalosa», come scrivono i consiglieri comunali socialisti in una mozione al Municipio (primo firmatario Raoul Ghisletta) che chiede l’adozione di un regolamento a favore della parità di genere, perché la presenza femminile possa raggiungere almeno quota 30%.

Per illustrare l’attuale situazione, nella mozione si fa il conto delle donne presenti nei consigli d’amministrazione (CdA) e di direzione di SA ed enti luganesi: nell’Ente autonomo del LAC è 1 su 7 nel CdA; alle AIL SA è 1 su 7 nel CdA, e sono 0 su 9 in direzione; alla TPL SA è 1 su 9 nel CdA, e sono 0 in direzione; nell’Ente autonomo LIS sono 3 su 7 nel CdA.

E si parla anche delle donne tra i funzionari dirigenti nell’amministrazione comunale, che nel 2019 erano il 10% (5 su 51) e nel 2019 sono il 16% (11 su 70).

«La realizzazione della parità di genere è una questione urgente da affrontare per il futuro della nostra società» si legge ancora nella mozione, che ricorda casi analoghi. Per esempio il Legislativo comunale di Berna, che nel 2012 ha stabilito a larga maggioranza l’introduzione di una quota femminile del 35% per i funzionari dirigenti dell’amministrazione comunale. E anche a Basilea Città dal 2014 sono state applicate quote per genere per i consigli d’amministrazione di enti/aziende pubbliche.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
SSG 7 mesi fa su tio
Considerando che i socialisti hanno perso un po' ovunque la Carobbio è contenta che è stata eletta per il suo sesso e non per la sua bravura? o l'importante era conquistare un altro cadreghino?
Maxy70 7 mesi fa su tio
Io allestirei i dossier delle candidature senza mezionare il sesso. Magari si arriverebbe a scegliere la PERSONA più qualificata, più degna di servire il Paese, senza guardarle nelle mutande.
Nicklugano 7 mesi fa su tio
@Maxy70 Esattamente...
volabas 7 mesi fa su tio
Dai Marinona ora che sei nel regno degli eletti, dai una mano al rauletto, perché mi sembra sia andato di melone.
SSG 7 mesi fa su tio
Strano che non chiedano l'obbligatorietà del servizio militare anche per le donne! Ci manca solo che finanziano uno studio per far partorire ai maschietti...
Nicklugano 7 mesi fa su tio
Esattamente, condivido in toto. Semmai Ghisletta riuscisse (e ne dubito fortemente) a capire il senso della meritocrazia, della voglia di mettersi in gioco e della disponibilità al sacrificio personale, allora se ne potrebbe discutere...
don lurio 7 mesi fa su tio
Parità di diritti, Doveri, Raoul Ghisletta comincia a chiedere una AVS Per Tutti donne e uomini a 65 anni. In seguito che le donne facciano politica si fanno eleggere. In seguito vietare di farsi assumere nelle diverse funzioni a tutte le socialiste e comuniste La smetta di chiedere regolamenti, interpellanze che fanno perdere tempo .
tip75 7 mesi fa su tio
se di parità si parla bisogna arrivare al 50...
fromrussiawith<3 7 mesi fa su tio
Questa richiesta è tutto meno che "moderna e progressista"; in una società genderless, non si dovrebbe distinguere un genere dall'altro, favorire o svantaggiare un genere dall'altro; questo è "ritornare al passato" in una democrazia. Quello che i socialisti possono fare è invogliare (non forzare) le donne ad entrare in politica, offrire loro tutto il supporto necessario e eliminare eventuali barriere. Obbligare una quota femminile è come insinuare che le donne non hanno le capacità di competere alla pari con l'uomo, ciò che non è per niente la realtà; le donne possono essere migliori dell'uomo, e se in politica non ve ne sono molte vuol dire che la politica non è tutto nella vita e a volte pure disgustosa; quello che si vuole è eleggere chi se lo merita, chi è disposto a sacrificare parte della propria vita, senza dover considerare il genere, l'età, la religione... questa proposta socialista è per me ridicola
SSG 7 mesi fa su tio
ok, però dopo voglio anche una percentuale per i calvi, una per i nani, una per gli obesi, una per i biondi, una per chi porta gli occhiali, ecc. Così sono tutti rappresentati, fa niente se sono tutti incompetenti… Ma la Carobbio è contenta che è stata eletta per il suo sesso e non per la sua bravura?
F.Netri 7 mesi fa su tio
Tra un po'......nel partito socialista resteranno sono bolsceviche femmine.
Bayron 7 mesi fa su tio
Assurdo imporre una percentuale. Io penso che una nomina debba essere fatta in base alle capacità e ciò indipendentemente dal sesso del candidato.
Um999 7 mesi fa su tio
@Bayron Il 30% non sarebbe una discriminazione???? Ma si rendono conto cosa dicono???
Mattiatr 7 mesi fa su tio
@Um999 Semplicemente il 21 secolo è caratterizzato da numeri. Non siamo persone, ma un numero, con un sesso, una religione e forse anche un cervello. Per applicare l'idea del partito socialista sicuramente andrebbero licenziati alcuni uomini. Probabilmente i meno efficienti (sulla carta) sono pure quelli con più esperienza e meno anni di lavoro a disposizione, ergo gli anziani verranno licenziati per assumere delle donne per raggiungere la quota stabilita. Ergo creare disoccupati inutili e che non troveranno più lavoro per soddisfare un capriccio.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-10 19:30:02 | 91.208.130.89