Tipress (archivio)
Un settore in continua espansione.
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
8 ore
Il compito sul seno: «Ecco come è andata»
L'insegnante 60enne licenziato a Bellinzona racconta la sua versione dei fatti. E punta il dito contro il Decs
LUGANO
9 ore
Ad Agno qualcuno vola ancora
In mezzo alla crisi dello scalo, la compagnia Silver Air batte un colpo. «I nostri voli sono garantiti»
CANTONE / SVIZZERA
11 ore
«50 franchi per il Pronto Soccorso? Una misura anti-sociale»
Il Partito Comunista condanna la decisione del Nazionale e chiede ai "senatori" di opporsi
GRAVESANO
11 ore
Ars Medica non è sotto inchiesta
La presa di posizione della clinica, sul caso delle "operazioni fasulle". «Non siamo oggetto di procedimenti penali»
MENDRISIO
11 ore
Caos viario, l’SOS di cinque sindaci: «Siamo al limite della sopportazione»
L’appello lanciato dai sindaci del distretto ai colleghi del Luganese: «Ancora molto può essere fatto sul vostro territorio contro i posteggi selvaggi e per promuovere la mobilità aziendale»
LUGANO
11 ore
Arriva la tassa sul sacco: tutto quello che dovete sapere
Il prezzo dei sacchi. Le novità degli ecocentri. Quelli che il sacco possono averlo a un prezzo agevolato. Lugano si prepara alla rivoluzione dei rifiuti.
FOTO E VIDEO
AROGNO
11 ore
Cade per 20 metri e si ferisce gravemente
Un uomo di 82 anni è stato vittima di un serio infortunio mentre stava effettuando dei lavori di disboscamento in zona Devoggio ad Arogno
BREGGIA
11 ore
Dopo 20 giorni l'acqua torna potabile
A Cabbio e Muggio l'acqua è rimasta troppo torbida per settimane. Ma in attesa del rinnovamento degli impianti il Comune ha le mani legate
CANTONE
12 ore
Shopping natalizio senz'auto nel Malcantone
L’iniziativa si allaccia a quella promossa dalla città di Lugano per il proprio territorio, e prevede l’ampliamento dell’utilizzo dei mezzi pubblici gratuitamente
FOTO
POSCHIAVO (GR)
12 ore
Fuori strada e giù dalla scarpata per 200 metri
L'incidente è avvenuto mercoledì sera sulla strada principale del Bernina
CANTONE
12 ore
L'Ambasciatore tedesco a Palazzo delle Orsoline
Norbert Riedel e Christian Vitta hanno discusso di alcuni argomenti di attualità e valutato lo stato delle relazioni politiche e commerciali tra Ticino e Germania
CANTONE
12.11.2019 - 15:000

«160 nuovi posti per invalidi adulti entro il 2022»

Nella seduta del 6 novembre il Consiglio di Stato ha approvato la Pianificazione quadriennale delle strutture e dei servizi in questo ambito, finanziata dalla Legge sull'integrazione degli invalidi

BELLINZONA - Nella seduta del 6 novembre il Consiglio di Stato ha approvato la Pianificazione 2019-2022 delle strutture e dei servizi per invalidi adulti finanziati dalla Legge sull’integrazione sociale e professionale degli invalidi.

«Con questo importante documento - precisa il Governo in una nota - abbiamo definito gli orientamenti e le priorità del settore della disabilità per il quadriennio. Nella sua elaborazione si è voluto sottolineare l’intersettorialità che caratterizza l’approccio in questo ambito, vero e proprio valore aggiunto dello strumento di Pianificazione appena approvato». Una visione d’insieme, questa, capace di tener conto delle politiche in favore delle persone anziane o di gestione delle casistiche psichiatriche.

La pianificazione si muove su un doppio binario che permette un’analisi approfondita dell’intero settore: «Quantitativamente - spiega il Consiglio di Stato - si è proceduto con un calcolo del fabbisogno di nuovi posti per il quadriennio utilizzando un metodo empirico induttivo. Da un punto di vista qualitativo, invece, si sono volute approcciare le principali sfide di oggi e di domani proponendo nel contempo delle piste di intervento».

160 nuovi posti - Nel concreto, il Consiglio di Stato intende realizzare 160 posto per invalidi adulti entro il 2022: «Saranno suddivisi n 70 con presa in carico diurna, 10 con presa in carico notturna e 80 con presa in carico completa». Come evidenziato nel documento, il settore è particolarmente dinamico, con nuovi bisogni e necessità che emergono e cambiano in modo continuo.  Il Cantone, e per esso l’Ufficio degli invalidi, monitora attentamente l’evoluzione e dà prova di flessibilità nel compiere le scelte, rispondendo così in maniera adeguata alla domanda che giunge dal territorio. «Particolarmente positivo e confortante  il fatto che dei 160 posti pianificati molti sono già stati individuati, e altri sono oggetto di colloqui in corso tra Dipartimento e enti», specifica il Governo. «Benché contenuta nei numeri resta tuttavia ancora da definire una parte di fabbisogno, che risulta essenziale per garantire la citata flessibilità».

Settore complesso - I numerosi temi che trovano spazio nel documento pianificatorio rispecchiano la «complessità e l’unicità» del settore. «Nei prossimi anni infatti si presterà particolare attenzione, evidenziando e attuando le necessarie misure, alla problematica dell’invecchiamento delle persone con disabilità, conseguenza della stagione del baby boom che riguarda anche questa fascia della popolazione». Inoltre sarà importante dare delle risposte alla sfida dell’autismo, per la quale il Cantone da alcuni anni si sta portando promotore della sperimentazione di forme di presa in carico adatte a questa casistica particolarmente fragile. «Verrà accentuato lo sforzo in favore dei famigliari curanti, attraverso la promozione di progetti ad hoc e lo sviluppo dei posti di soggiorno temporaneo, che rappresentano per le famiglie un’importante possibilità di sgravio nel loro difficile compito».

Posti per le urgenze - Parallelamente il Consiglio di Stato intende implementare sul territorio dei posti dedicati alle urgenze, definendo compiutamente questo concetto. Per la già citata casistica psichiatrica sarà necessario trovare soluzioni adeguate quando questa si abbina a disabilità da dipendenze, evitando ricoveri impropri in strutture che non sono state create per questa fascia di popolazione.

I costi derivanti dalla realizzazione dei nuovi posti per il quali esiste già un avvallo formale o informale sono in linea con il preventivo e il piano finanziario di gestione corrente 2021-2023. Si prevede un maggiore investimento di 3,6 milioni nel 2020, 2 milioni nel 2021 e 3,5 milioni nel 2022.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-06 03:56:45 | 91.208.130.85