Ti Press
«Una situazione già prossima al collasso»
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
BELLINZONA
2 ore
Auto divorata dalle fiamme in un parcheggio
L'incendio è divampato questa notte in una proprietà privata di Via al Miglio a Bellinzona.
LUGANO
11 ore
I docenti "silenziosi" finiscono in Procura
«Sapevano delle violenze, ma non hanno denunciato». La Pp Marisa Alfier vuole vederci chiaro
CANTONE
12 ore
«Le mascherine vanno indossate anche in ufficio»
Emergenza Covid, i rischi nascosti della trasmissione aerea. Christian Garzoni mette in guardia
CANTONE
18 ore
«Sospendiamo chi sapeva ma ha taciuto»
M. Robbiani chiede d'intervenire nei confronti dei docenti che non hanno segnalato le violenze subite da due allievi.
GORDOLA
18 ore
Trovato in gravi condizioni il 34enne scomparso
L'uomo di cui si erano perse le tracce il 3 luglio era rimasto vittima di una caduta sui Monti di Metri.
CANTONE
20 ore
Scossa sismica nel Sopraceneri
L'epicentro è stato localizzato dal Servizio sismico svizzero presso la Cima dell'Uomo.
CANTONE
23 ore
Fuori dalla quarantena: nessun sintomo per i giocatori
È terminato ufficialmente venerdì l'isolamento per i venti componenti di una squadra sottocenerina del calcio regionale.
CANTONE / URI
23 ore
Quaranta minuti di attesa al San Gottardo
Al portale nord della galleria si registravano quattro chilometri di coda questa mattina.
CANTONE
1 gior
A colloquio con due massoni, e le loro rivelazioni
Ne abbiamo incontrati due. Hanno rivelato ciò che accade nei gruppi massonici e chi sono. Qualcosa di inquietante è emerso
FOTO / VIDEO
LUGANO
1 gior
Il venerdì sera deserto della Foce
Prima serata di chiusura per lo sbocco del Cassarate. La zona sarà off-limits dopo le 20 anche domani e domenica
PORZA
1 gior
Qualche goccia di pioggia, un po' di sole... e spunta l'arcobaleno
La breve parentesi di temporale ha regalato uno spettacolo di colori in cielo
CANTONE
1 gior
Padre despota condannato a 8 anni
Il 48enne siriano è stato ritenuto colpevole di tre tentati omicidi intenzionali
CAPOLAGO
1 gior
I vecchi binari del Generoso hanno riaperto la chiesetta
Il restauro è stato finanziato con la vendita dei vecchi pali disseminati lungo il percorso che conduce in vetta
CANTONE
1 gior
La Galleria di Grancia è rimasta chiusa per «problemi tecnici»
È successo attorno alle 17:30 di questa sera per poi riaprire circa 15 minuti dopo con qualche disagio al traffico
CANTONE
1 gior
Radar sull'attenti in quattro distretti
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti per la prossima settimana
SONDAGGIO
CANTONE
1 gior
«Rilanciamo il turismo con un hovercraft tra Locarno e Bellinzona»
Una mozione UDC invita il Ticino a risollevare il settore con idee innovative
VEZIA
1 gior
Ecco come mantenere in vita i negozi di paese
Sono stati presentati i risultati di uno studio promosso dall'Ente regionale per lo sviluppo del Luganese
LUGANO
1 gior
Un giro di boa per la traversata ai tempi del coronavirus
La nuotata popolare avrà luogo il prossimo 23 agosto e la partecipazione è limitata ai residenti in Svizzera
CANTONE
16.10.2019 - 17:410

Chiusura della "Verbano Orientale", il Malcantone si ribella

A causa dei lavori di risanamento dalla SS394, alcuni deputati temono un travaso di traffico che paralizzerebbe la già precaria viabilità della regione

BELLINZONA - È notizia di ieri che la strada statale "Verbano Orientale" (SS394), fra Luino e Colmegna, verrà parzialmente chiusa a causa dei lavori di risanamento di alcuni viadotti. La chiusura è prevista da domani (17 ottobre) e durerà circa 400 giorni.

Da quanto si è appurato, diverse autorità svizzere come pure i vari servizi di trasporto (Autopostale, Navigazione, ecc.) sarebbero state preavvisate della chiusura solo alcuni giorni fa. E questo nonostante sia una tratta interessata dal transito di circa 10'000 veicoli leggeri al giorno, ai quali si aggiungono diversi mezzi pesanti e pullman.

Evidentemente questi mezzi pesanti saranno deviati su altri percorsi, in primis verso il valico di Ponte Tresa. E andranno a congestionare - unitamente ai veicoli leggeri che sceglieranno tragitti alternativi - la già precaria viabilità del Malcantone.

Per questo alcuni deputati - la maggior parte residenti nel Malcantone, ma appartenenti a diversi partiti - non sono rimasti con le mani in mano e hanno presentato un'interpellanza al Governo. Nell'atto parlamentare vengono sottoposte le seguenti domande:

  1. È confermato che da parte Svizzera si è saputo della chiusura solo pochi giorni fa? Come intende reagire il Consiglio di Stato?
  2. È consapevole il Consiglio di Stato che a dipendenza delle soluzioni operative che adotteranno l’Italia e ANAS, il traffico non più consentito o disincentivato a causa dei lavori sulla SS394 si riverserà sulle strade del Malcantone, che saranno pure loro toccate dai cantieri previsti nell’ambito del Piano di Pronto Intervento viario? Che misure si possono adottare per minimizzarne gli effetti? Il Consiglio di Stato prevede di avere un ruolo attivo nella ricerca di soluzioni?
  3. Come valuta il Consiglio di Stato la possibilità di richiedere ad ANAS delle finestre di transito libero sulla SS394 soprattutto il mattino in andata e la sera al ritorno dei frontalieri? Si intende insistere con questa soluzione presso ANAS?
  4. Non ritiene il Consiglio di Stato che, se sono garantite le condizioni di sicurezza della statale SS394, sarebbe preferibile chiedere all’ANAS e all’Italia di differire l’inizio dei lavori di un anno, fino all’adozione del nuovo concetto di Trasporto Pubblico 2021 che prevede un potenziamento dell’offerta nell’ordine di un + 88% e la cui entrata in vigore è stabilita per l’inizio di dicembre 2020, così da avere migliori alternative al traffico privato e di conseguenza poter elaborare trasporti sostitutivi efficaci?

Ad aver presentato l'interpellanza sono stati Giovanni Berardi (primo firmatario), Piero Marchesi, Eolo Alberti, Cristina Maderni, Nicola Corti, Sabrina Aldi, Tiziano Galeazzi, Maristella Polli, Sara Imelli e Maddalena Ermotti Lepori.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GIGETTO 8 mesi fa su tio
Basta un cantierino nelle immediate vicinanze del confine IT-CH per mandare letteralmente in tilt quasi mezzo Canton Ticino a livello di traffico stradale....aaaahh ma siamo messi proprio bene!
klich69 8 mesi fa su tio
Tanto i vicini tricolori avendo ristrettezze in tutti i sensi e senso protetti dai truffaldini ue fanno come vogliono poi la classe politica ticinese pensa alle poltrone come i tricolori fannulloni.
centauro 8 mesi fa su tio
Leggo alcuni commenti che esprimono unicamente un sacco di minchiate, c'è chi tira in ballo la chiusura delle frontiere paragonandole ai cantieri, chi tira in ballo i frontalieri ecc.......Se questi interventi sono fatti per prevenire quanto è successo al ponte Morandi è normale che ci saranno disagi sul traffico. Dubito che le vostre capacità cerebrali possano comprendere la situazione.......ma andate aff........
Marco Ermeti 8 mesi fa su fb
400 giorni, si, come no? Anche il ponte di Genova doveva essere pronto per Natale 2019, essendo Italia ci vorranno 4000 giorni, non 400...
Marco Ermeti 8 mesi fa su fb
I bilaterali... ah i bilaterali... per fortuna che ci sono i bilaterali...
Marco Ermeti 8 mesi fa su fb
Adesso si chiama Verbano orientale?
DeRossi Daniele 8 mesi fa su fb
é 2 mesi che ci sono cartelli che sarà chiusa la strada 🤣🤣
vulpus 8 mesi fa su tio
Ma quanto ragliare per niente. Altri cantieri in Ticino dovrebbero creare alzate di scudi. Quì si tratta di rifare alcuni ponti in cattivo stato, ma il cantiere ne affronta uno alla volta con relativa semaforizzazione, quindi i tratti sono contenuti. Maggiore preoccupazione potrebbe essere il limite di tonnellaggio . ma anche quì grazie ai nostri talebani, il trasporto di inerti ha dovuto essere spostato su strada.
Bandito976 8 mesi fa su tio
Come nel medioevo, l’invasione dei barbari!
Gianbattista Camplani 8 mesi fa su fb
Dalla padella alla brace
curzio 8 mesi fa su tio
Avete voluto i frontalieri per portare benefici economici? Ora teneteveli!
Mattiatr 8 mesi fa su tio
@curzio Vero, concentrare tutte quelle aziende, con tutti quei lavoratori, in un'area così piccola non è stato molto furbo. Ora chi ne paga le conseguenze è chi ci vive e chi passa per andare altrove (autostrada, ...). Una buona mossa cantonale sarebbe quella di rendere meno sfavorevole una zona industriale nella bassa Leventina-Riviera. Che so, aree di carico e scarico merci ferroviarie, entrare all'autostrada, o altro. In fondo nella regione si è più vicini alla CH centrale ed evidentemente problemi con il frontalierato sono più rarefatti.
centauro 8 mesi fa su tio
@Mattiatr Pecunia non olet!
Val Caste 8 mesi fa su fb
Andrea Weber 8 mesi fa su fb
Prendetevela con i comuni di Manko, Bioggio, ecc, che da anni permettono alle aziende di impiantarsi nel loro territorio e assumere vagonate di frontalieri.
Elena Re 8 mesi fa su fb
Concordo per rancore. Una delle aziende di Bioggio mi ha rimbalzato perché costo troppo. 😡 questa situazione é ridicola! 😒
Andrea Weber 8 mesi fa su fb
Ti capisco, purtroppo, la politica comunale è cantonale è complice di questo sistema.
Treccani Danilo 8 mesi fa su fb
Si ribella in che senso 😂😂
Alessio Nesurini 8 mesi fa su fb
Figata... Geograficamente il Ticino è messo molto male!!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-12 10:40:00 | 91.208.130.89