TiPress - foto d'archivio
ASTANO
07.10.2019 - 13:150
Aggiornamento : 14:07

Moltiplicatore al 130%: «Gobbi, siamo poveri non ladri»

Andrea Genola risponde al direttore del Dipartimento delle istituzioni che sul suo blog ha citato come mezzo di paragone Leukerbad

ASTANO - Nel 2019 Astano avrà un moltiplicatore d'imposta al 130%. Lo ha deciso il Consiglio di Stato giustificandolo con la volontà di «evitare il dissesto finanziario di una realtà in evidente difficoltà». Andrea Genola - primo firmatario, insieme a Fabio Manfrini, della petizione “Basta penalizzare gli abitanti dei piccoli comuni. A ognuno le proprie responsabilità” - ha chiesto al Municipio di dimettersi in corpore per «costringere il Consiglio di Stato ad applicare provvedimenti eccezionali tra i quali aiuti finanziari e l’avvio del processo aggregativo».

Ed è lo stesso Genola che ora si rivolge a Norman Gobbi, prendendo le difese di quello stesso Municipio definito «incapace di assolvere il suo compito, ma onesto».

Il direttore del Dipartimento delle istituzioni ha infatti espresso la propria opinione sulla situazione di Astano nel suo blog personale, titolandola “Autonomia, responsabilità e conti da pagare”. Gobbi ha definito «emblematica» la situazione di Astano: «In passato, quasi come un buon padre, il Cantone ha richiamato l’attenzione dell’autorità locale su certe scelte finanziarie, ma non solo (qui penso soprattutto all’occasione avuta nel 2004 di aggregarsi con Bedigliora, Curio, Miglieglia e Novaggio) che potevano indirizzare le finanze del Comune su altri binari. I cittadini di Astano in assoluta libertà hanno preso le proprie decisioni». Una scelta collegata alla mancanza di «responsabilità». E ancora: « Chiedere ora che siano tutti i cittadini del Cantone  a farsi integralmente carico delle mancanze degli astanesi (un po’ come – mutatis mutandi – è avvenuto in Vallese con il dissesto di Leukerbad) può essere comprensibile. Sarebbe un cattivo esempio e un precedente pericoloso. Anche invocare più soldi legati ai contributi geografici o a una migliore perequazione finanziaria vuol dire non aver capito che questi ultimi due strumenti non sono stati voluti per mettere cerotti a chi si è dato una martellata sul dito, ma per sostenere chi ha fatto scelte responsabili».

Genola, però, non ci sta al paragone di Astano con Leukerbad. «Che i municipali non siano al posto giusto sono io il primo a dirlo da tempo - scrive in una presa di posizione -. Ma da lì al paragonarli al Municipio di Leukerbad condannato per truffa e paragonare Astano, senza servizi e nemmeno un esercizio pubblico aperto tutto l’anno a Leukerbad, è uno sproposito». L’Esecutivo cittadino viene quindi definito nuovamente «incapace, ma onesto». E come paragone viene citato Faido «che nel 2014 riceveva aiuti a fondo perso per il parcheggio di Carì (1’500’000 franchi), ma senza l’accusa di essere a carico di tutti gli altri ticinesi (1’500’000 franchi è pari a 8 anni di contributi supplementari col 130% di Astano)».

4 sett fa Moltiplicatore al 130%, c’è chi vuole le dimissioni del Municipio
1 mese fa Moltiplicatore al 130% per evitare il tracollo finanziario
Commenti
 
vulpus 1 sett fa su tio
Basta con questi toni paternalistici. Ad Astano va tutta la solidarietà possibile. È una vergogna in primis, che un consigliere di stato si permetta di banalizzare una situazione economica di un ente pubblico, su un social. Dimostra ignoranza e mancanza di serietà. Continua in modo evidente la politica delle costrizioni, volte ad aggregazioni forzate , con il subdolo ricatto ai cittadini e a chi li governa. Questa misura non farà che portare maggior dissesto . Si può ben pensare quanti siano i contribuenti di un certo livello ad Astano. È gente che lavora nell'artigianato e nell'industria, che ha sicuramente uno stipendio e altrettanto sicuramente avrà costruito la propria casetta investendo e relativa ipoteca: la conseguenza sarà che per una tranquillità economica loro, venderanno e si sposteranno in un'altra zona, con conseguente ulteriore spopolamento.Ci vuole solidarietà e non penalizzazioni.
polonord 1 sett fa su tio
Se i cittadini di Astano avessero accettato, anni fa, la fusione ora non sarebbero in questa situazione. Ora tutti devono assumersi le proprie responsabilità.
Cregaz 1 sett fa su tio
Un paio di radar in più e vedrete che l’onorevole i soldi necessari li può trovare
Meck1970 1 sett fa su tio
Povero Ticino ....
albertolupo 1 sett fa su tio
Su questo ha ragione Genola: a Leukerbad hanno rubato e chi ha pagato sono stati i contribuenti dei Comuni che aderivano al fondo di compensazione comunale (non so come si chiamasse realmente), tra cui molti ticinesi.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-21 15:19:40 | 91.208.130.87