ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
2 ore
Dopo l'omicidio, nuovi guai
Via Odescalchi: uno dei condannati protagonista di un pestaggio in carcere.
CANTONE
4 ore
Covid, in Ticino università sul chi vive
Mascherina obbligatoria, sì o no? Usi e Supsi si preparano al rientro a settembre. Ecco come
CANTONE
6 ore
Un taxi “giallo” per la Val Verzasca
Il servizio, in fase di test nella valle, sarà aperto a tutti durante il prossimo fine settimana
VIDEO
LUGANO
7 ore
Salute dei ghiacciai: presentato il progetto Recogn.ice
Una cornice è stata posizionata sul San Salvatore per sensibilizzare l'opinione pubblica.
PARADISO
8 ore
Anche il Conca d'Oro getta la spugna
Il Lido di Paradiso ha deciso di non aprire quest'anno a causa dei vincoli imposti dalla pandemia.
LUGANO
8 ore
Aggredì la famiglia: «incapace di intendere e di volere»
La corte delle assise criminali ha disposto una presa a carico terapeutica intensiva.
BELLINZONA
10 ore
La Città sostiene gli apprendisti
Il Municipio di Bellinzona ha deciso di creare un fondo da 200'000 franchi per la loro assunzione.
CANTONE
10 ore
Recluta muore durante una marcia
È stata ritrovata dopo una breve ricerca. Inutili i tentativi di rianimazione.
LUGANO
10 ore
Parcheggi moto a pagamento: «Ecco un altro balzello»
Interrogazione della Lega al Municipio sulla possibilità di introdurre tasse di parcheggio anche per le due ruote
CAPRIASCA
12 ore
Addio a Carlo Nobile
Classe 1938, era noto per le sue attività di attore, doppiatore e docente. Oggi i funerali a Lugano.
FOTO
FAIDO
12 ore
Incidente sull'A2, disagi verso sud
Protagonista una coppia di anziani francesi. Sul posto la Polizia con due veicoli e un'ambulanza
LUGANO
13 ore
Case anziani: un premio per l'impegno del personale durante la pandemia
Ad oggi nelle strutture cittadine sono stati registrati undici contagi, con un decesso
CANTONE
13 ore
Lavori in corso a Sorengo e Lugano
Parte lunedì 20 luglio la posa di pavimentazione fonoassorbente
Melano
13 ore
Nuova pista ciclopedonale a Melano
I lavori partiranno il 20 luglio e dureranno circa un mese.
VIDEO
CANTONE
13 ore
Alla Centrale d'Allarme, tutti insieme appassionatamente
Anche i pompieri, col 118, sotto lo stesso tetto della polizia. Una svolta cruciale. Guarda il video.
CANTONE
14 ore
In Ticino un solo nuovo contagio
Nessun decesso e nessun nuovo ricovero. I dati nelle ultime 24 ore
LUGANO
16 ore
Villa, macchine e piscina: la vita segreta dei due arrestati
Operazione anti droga di Molino Nuovo. Dettagli interlocutori sulla coppia “insospettabile”.
FOTO
SERRAVALLE
16 ore
Incidente sulla strada della Val Malvaglia
Non si registrano feriti. Il collegamento è rimasto chiuso per circa un'ora e mezza
AGNO
18 ore
«Dalla Foce il problema si è spostato qui»
Davanti al World Trade Center bottiglie, lattine, cartoni, spazzatura, anche una bustina con della marijuana.
CANTONE
26.09.2019 - 06:040

Sicurezza al 9% della spesa, mentre la scuola è ultima della classe

Confronto intercantonale dell’IRE sulle finanze pubbliche ticinesi. Gobbi replica: «Alle stesse condizioni spendiamo meno». Bertoli auspica invece l’approvazione degli investimenti per la scuola

BELLINZONA - Cresce la spesa per garantire ordine pubblico e sicurezza, diminuisce quella per la formazione… e siamo gli ultimi della classe. A dirlo è il “Rapporto sulle finanze pubbliche in Ticino” pubblicato ieri dall’Istituto di Ricerche Economiche. Nel confronto intercantonale effettuato dall’Ire con gli ultimi dati disponibili (anno 2016) spiccano questi due aspetti, oltre ai costi sanitari superiori alla media (ma questo fa meno notizia). La sicurezza pubblica assorbe il 9% del totale delle spese (era l’8.5% nel 2015) e il Ticino è passato dalla dodicesima alla quarta posizione tra i cantoni. La spesa per residente è di 1’248 franchi contro i 1’175 della media nazionale. «A essere cresciute - rileva l’Ire - sono soprattutto le spese per la sicurezza pubblica, maggiori del 35% rispetto alla media dei cantoni e le spese per la difesa, cresciute del 28%. La spesa per il funzionamento della giustizia presenta invece un valore sostanzialmente simile alla media dei cantoni (inferiore del ‐2% rispetto alla media), mentre le spese per i Vigili del Fuoco sono minori del ‐20%». 

La reazione di Gobbi - Sollecitato a chiarire quali fattori fanno del Ticino un cantone quasi cittadino per investimenti in sicurezza e ordine pubblico, il direttore del Dipartimento delle Istituzioni ribatte, sottolineando che «tra i Cantoni di riferimento per questa spesa il Ticino rimane sotto la media. Ciò significa che alle stesse “condizioni di partenza” spendiamo meno». I Cantoni di riferimento, citati da Gobbi, nello studio sono i cosiddetti “cantoni sociali”, caratterizzati da elevate spese nelle reti sociali e sanità (tra questi ci sono Berna, Ginevra, Neuchâtel, Sciaffusa, Soletta e Vaud).  Il direttore del DI evidenzia quindi un altro aspetto: «La spesa pubblica cumula Cantone e Comuni: difficile vedere dallo studio con quale entità i due livelli istituzionali abbiano inciso». E per il suo Dipartimento ricorda che «il DI nel 2016 contribuì a diminuire la spesa cantonale tra preventivo e consuntivo 2016, che scese di 40 milioni». Infine Gobbi ricorda che: «Promuovere la sicurezza per cittadini e aziende è un obiettivo centrale del Governo».

Formazione voce povera - Le spese di formazione per allievo, rileva l’Ire, sono state nel 2016 le più basse tra tutti i cantoni, in ulteriore diminuzione rispetto all’anno precedente. La spesa media per studente iscritto è stata stimata in Ticino a 17'673 franchi, risultando inferiore rispetto al valore medio procapite di 22'575 franchi calcolato per tutti i cantoni. Ad incidere sono soprattutto le spese inferiori per la scuola dell’obbligo, mentre per formazione professionale di base e università si investe sopra la media.

La reazione di Bertoli - Anche il direttore del Dipartimento dell’educazione, cultura e sport parte da una premessa metodologica: «Bisogna capire bene - dice Manuele Bertoli - cosa considerano e cosa non considerano questi dati, perché per esempio in Ticino molti allievi delle scuole obbligatorie fanno 12 anni (il primo facoltativo alla scuola dell’infanzia) invece di 11». Per Bertoli ad incidere è però un aspetto: «Comunque sia, credo che il dato sulla scuola dell’obbligo sia in gran parte imputabile ai salari dei docenti, più bassi di quelli dei colleghi della Svizzera, come in genere purtroppo lo sono gli stipendi dei salariati ticinesi (privati o pubblici) se confrontati con quelli svizzeri. Non dimentichiamo che è proprio la spesa salariale il “grosso” della spesa scolastica». Il direttore del Decs ricorda che il risultato è figlio anche di un percorso ad ostacoli: «Certamente il fatto che nella scuola dell’obbligo una serie di proposte di riforma, che implicavano spese, hanno avuto vita dura in Parlamento o davanti al popolo contribuisce a non far evolvere il dato. Anche alla luce di questi dati auspico che il Gran Consiglio approvi gli investimenti di 17.4 milioni annui previsti dal Decs per questo settore scolastico».

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Sandra Moser 9 mesi fa su fb
Cosa si intende esattamente per "sicurezza"?! È possibile che la gente (CH) onesta venga spiata, solo per danneggiarla e derubarla ?! Secondo mie informazioni, penso proprio di sì !!!! https://m.tio.ch/ticino/attualita/1 366230/i-ticinesi-spiati-e-intercettati
Maurizio Roggero 9 mesi fa su fb
Altro trofeo da mettere nella bacheca di questo favoloso governo cantonale! 👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻
Bacaude 9 mesi fa su tio
Più ignoranti=più delinquenza e questa spirale non si ferma se non con investimenti nella cultura. Mi rendo anche conto che una popolazione meno scolarizzata è più facile da ingannare. Mi permetto anche di sollevare questo dibattito: a fini elettorali quanto conviene soffiare sul fuoco della paura? Infine è molto facile distribuire appalti e favori agli amici nel settore della sicurezza (pubblica e privata, le inchieste recenti lo dimostrano). Molto più difficile è farlo nella scuola dove i fondi andrebbero a strutture e risorse già pubbliche...Rifletteteci
MIM 9 mesi fa su tio
@Bacaude Da bacchettare quindi è il cds del DECS?
miba 9 mesi fa su tio
@Bacaude ....ed hai scritto una cosa tremendamente importante e cioè che una popolazione meno scolarizzata è più facile da ingannare...e che non è neppure in grado di pensare/ragionare con la propria testa ma si lascia infinocchiare da ogni scemenza che viene propinata.....
Arminda Armi 9 mesi fa su fb
Bobby Seven,..? I computer fanno schifo, vorrebbe sempre l ultimo modello superperformante, da usare per fare ricerca ? le stampanti si inceppano, si chieda ,con quale cura e da chi vengono usate . Lo stesso vale per i proiettori. Poi il cibo della mensa è pessimo, vorrebbe avere i cuochi del Chez Maxim ? col liste separate per : nouvelle cuisine, ..vegan speciality,....o magari un cuoco giapponese ,che prepari del suschi ..e cos altro ancora...Ma la perla è ,quando afferma :,che i docenti non hanno voglia di insegnare , Ho sempre pensato , che alcuni,per la verità pochi ,alunni non avessero voglia di studiare,ma mi chiedo : non è per caso , che sia piu* comodo dare le colpe a destra e a manca per giustificare gli scarsi risultati e le note insufficenti ? Mi permetto di dare una nota al suo commento. .BOCCIATO.
Bobby Seven 9 mesi fa su fb
Arminda Armi quindi se gli studenti non hanno voglia di studiare è per forza colpa loro? Ci sono tanti fattori che influenzano la voglia di studiare. Il mio commento è generico e diretto, per fortuna non ho tempo per descrivere al meglio la mia opinione sul sistema scolastico su Facebook ma se fossi invitato per parlarne con chi di dovere o addirittura incaricato personalmente sono sicuro di mettere a posto il sistema scolastico del Ticino! Certe volte il miglior maestro è lo studente!
sedelin 9 mesi fa su tio
lamentarsi qui può andar bene ma non basta: servono politici che abbiano a cuore i cittadini e il loro bene, quindi basta votare ed eleggere i "meno peggio".
shooter01 9 mesi fa su tio
meno frontiere spalancate meno spesa per l'rdine pubblico. Dobbiamo continuare a pagare le scelleratezze di chi vuole più europa. E comunque nella scuola di Bertoli sono contento di non investire
miba 9 mesi fa su tio
....insomma un cantone che privilegia i radar all'educazione ed alla formazione....
Nilo221 9 mesi fa su tio
@miba Miraccomando votate sempre lega
yvan 9 mesi fa su tio
più soldi per la soppressione che per l'istruzione, è così che i politicanti ci tengono in pugno
interceptors 9 mesi fa su tio
IRE....un garanzia di affidabilità..
ugobos 9 mesi fa su tio
Ragazzi se aspettate il cantone che vi formi per il futuro scordatevelo. purtroppo dovete arrangiarvi da soli. Non é facile parlo per esperienza.
Bobby Seven 9 mesi fa su fb
Ecco perché nella mia scuola c'è un buco gocciolante da 6 anni, i computer fanno schifo, le stampanti si inceppano, i docenti non hanno voglia di insegnare, stampano carta come se non ci fosse un domani, i proiettori non si vedono, le tende sono inutili, e il cibo della mensa è pessimo. Non dico che la sicurezza è meno importante ma l'educazione deve essere al primo posto! Ma il canton ticino preferisce spendere i soldi per creare una scuola inutile e lasciar degradare le altre facendole sfornare DISOCCUPATI!!! YEEEEE
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-15 00:59:14 | 91.208.130.85