Ti Press
CANTONE
11.07.2019 - 11:140

Pacchetto fiscale: «Una riformetta senza coraggio»

La Lega dei Ticinesi critica il messaggio per l'adeguamento alla RFFA presentato ieri

LUGANO - Sulla riforma fiscale cantonale in adeguamento alla RFFA, presentata ieri dal Governa, la Lega dei Ticinesi «constata che ancora una volta le proposte governative mancano del necessario coraggio».

Per il partito di via Monte Boglia, la parola "riforma" viene infatti usata a «sproposito», visto che si tratterebbe piuttosto di una «riformetta “mignon”, fatta con la limetta per le unghie», e «nell’esasperata ricerca di un consenso globale» – che comunque non c’è – «vengono mischiate a sproposito misure fiscali, sociali ed addirittura scolastiche».

In un comunicato stampa, la Lega dei Ticinesi reputa poi che, in particolare per le persone fisiche, le misure proposte siano irrisorie: «Il ceto medio di uno sgravio del 2% nemmeno se ne accorge. E ancora una volta le persone singole, malgrado il profluvio di opportunistiche promesse pre-elettorali, sono state completamente dimenticate». Anche le misure proposte per le aziende vengono giudicate insufficienti per scongiurarne la partenza verso cantoni più attrattivi.

 

In conclusione, la Lega si sarebbe attesa una riforma fiscale «degna di questo nome», a sostegno del ceto medio e delle persone singole, accompagnata da concrete misure di risparmio nell’ambito delle spese dell'amministrazione cantonale.

La Lega dei Ticinesi si riserverà quindi di formulare degli emendamenti in sede parlamentare, sia per quanto attiene le persone fisiche, che per quelle giuridiche.

2 mesi fa «Una riforma che proietta il Ticino nel futuro»
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-20 04:15:29 | 91.208.130.86