PEV
CANTONE
30.01.2019 - 15:470

Il Partito evangelico scende in campo con sei candidati

In occasione del proprio centenario, il PEV si presenta per la prima volta alle elezioni cantonali ticinesi

BELLINZONA - In occasione del proprio centenario, il Par­tito evan­ge­lico (PEV) si pre­senta in Ticino per la prima volta, con sei can­di­dati e con l'obiettivo di ent­rare nel Par­la­mento tici­nese.

Dal 1919, il PEV lavora «per una Sviz­zera forte e unita, fon­data sui valori cris­tiani. Da all­ora, donne e uomini di tutte le gene­ra­zioni, pro­ve­ni­enti dai con­testi più dis­pa­rati, da tutta la Sviz­zera e da tutte le chiese nazio­nali e libere lavor­ano per gli ideali del PEV», si legge nel comunicato.

Il PEV è con­vinto che la fede cris­tiana debba espri­mersi in un impegno poli­tico con­creto, «a sostegno dei deboli e degli svan­tag­giati, a sal­va­guar­dia della crea­zione, della respons­a­bi­lità per­so­nale e dell'economia sociale di mer­cato». «La cosci­enza ha la prio­rità sugli inter­essi eco­no­mici, l'uomo viene prima del potere», si legge ancora.

Ecco i candidati al Gran Consiglio sulla lista del PEV:

- Edda Zoppi, casa­linga, Piotta
- Claude Trin­chera, Con­su­lente del per­so­nale, Giubiasco
- Rai­mondo Branca, alber­ga­tore, Locarno-Monti
- Phil­ipp Schranz, Chef di cucina Ascona
- Marco Bischof, pic­colo imp­ren­di­tore, pen­sio­nato, Cor­te­glia
- Roberto Zer­bola, docente delle scuole pro­fes­sio­nali, Quar­tino

Dal 1919 il PEV ha fon­dato sezioni can­to­nali in molti can­toni ed è attivo anche nella Sviz­zera romanda da circa 15 anni. Il PEV è rap­p­re­sen­tato nel Par­la­mento nazio­nale da Mari­anne Streiff del Can­ton Berna e Nik Gug­ger del Can­ton Zurigo. Inoltre, il PEV ha attu­al­mente un totale di 37 seggi in diversi par­la­menti can­to­nali e circa 150 man­dati nelle assem­blee com­u­nali.

Commenti
 
pillola rossa 10 mesi fa su tio
"...il PEV è con­vinto che la fede cris­tiana debba espri­mersi in un impegno poli­tico con­creto..." diciamo che la politica è al soldo della nostra religione e non il contrario. Religione e politica devono essere indipendenti. Da Mussolini e i patti Lateranensi in poi siamo sempre peggio.
Dioneus 10 mesi fa su tio
Anzi, ho visto il loro programma, ritiro tutto
Dioneus 10 mesi fa su tio
Ottima notizia, i miei migliori auguri a loro!
lügan81 10 mesi fa su tio
Ma allora non sono una leggenda! Ahahahha
tamagni.tato@bluewin.ch 10 mesi fa su tio
w IL TICINO LAICO!!
seo56 10 mesi fa su tio
Ci mancava anche questo!!
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 11:35:09 | 91.208.130.87