Keystone
I due candidati vodesi già usciti allo scoperto: Jacqueline de Quattro e Olivier Français.
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
1 ora
Nuovi cestini in città, «ma il buco è troppo piccolo»
Sono pensati per contrastare i "furbetti" della spazzatura casalinga, ma per alcuni sono scomodi. La Città: «Ce li vogliono imitare»
LUGANO/ITALIA
3 ore
«La cassa malati mi ha scaricato qui»
L'odissea tra le cliniche di Dario Siciliano, bancario 33enne operato per un grave problema al cervello. Sanitas: «Obbligati a verificare»
CANTONE
5 ore
Lo psichiatra va in Appello
Era stato condannato per abusi su alcune pazienti
FOTOGALLERY
BELLINZONA
5 ore
Incastrato nell'auto, le immagini dell'incidente
Tre veicoli si sono scontrati a Claro. Uno è finito nel riale che costeggia la strada cantonale. Tre i feriti
CANTONE
6 ore
Gli animali vanno online: nasce l’Instagram per cani e gatti
A lanciare il simpatico progetto due ragazzi del Luganese, Mirko Cotti Piccinelli e Anna Gianfreda. «Gli adulti dovrebbero capire di più il potenziale dei social»
CANTONE
6 ore
La tappa locarnese del Knie è a rischio
Il circo nazionale potrebbe non tornare nella città sul Verbano: «Il sito finora utilizzato non è più idoneo alle rappresentazioni»
CANTONE
8 ore
Un weekend sui diritti dei bambini per i 120 monitori
Ha avuto luogo l’annuale corso per i monitori maggiorenni attivi nei progetti della Fondazione IdéeSport
CANTONE
8 ore
«Il minimo che si poteva sperare, il massimo che si poteva proporre»
Il PS è fermamente deciso a sostenere l'introduzione del salario minimo sociale. Gli emendamenti proposti dalla destra? «Vogliono salvarsi la faccia di fronte al proprio elettorato»
CALANCA (GR)
10 ore
Henrik Bang è il nuovo direttore del Parco Val Calanca
Il suo compito sarà quello di condurre i lavori della fase di istituzione del parco naturale regionale
CHIASSO
11 ore
A Chiasso c'è «un gruppo armato che terrorizza la città»
Nei pressi della stazione sono stati affissi dei volantini parecchio pungenti contro la Polizia
FOTO
LUGANO
11 ore
Passaggio di comando nei pompieri di Lugano
Federico Sala ha preso questa mattina ufficialmente il posto di Mauro Gianninazzi
MENDRISIO
12 ore
Rossi e Verdi presentano L'Alternativa
«I tempi sono maturi per compiere un passo verso una nuova alleanza»
CANTONE
12 ore
L'idea di giustizia di Dick Marty in un libro
Verrà presentato martedì al Lac e raccoglie alcune delle più importanti indagini che Dick Marty ha seguito nel corso della sua carriera
FOTO
BELLINZONA
13 ore
Greina è tornata in libertà
La coturnice era stata trovata intontita, sottopeso e scoordinata nei movimenti. Ma la SPAB l'ha rimessa in sesto
CANTONE
13 ore
Salario minimo, sono 24 gli emendamenti dell’Mps
Proposto un salario orario lordo tra 24 e 24.50 franchi, perché «3'200 franchi non consentono una vita dignitosa»
CANTONE/SVIZZERA
15 ore
La solidarietà colpisce ancora
In due giorni Telethon ha raccolto 2,1 milioni di franchi
CHIASSO
1 gior
Un corteo contro le frontiere che uccidono
Dal Palapenz fino alla dogana, diversi giovani hanno voluto dire basta a un modello di società «sempre più spietato, disumano e schiavista»
CANTONE
1 gior
Rosso di sera... bel tempo si avvera
Le prossime giornate saranno contraddistinte da cieli generalmente sereni. In montagna ci sarà qualche nuvola in più e non mancherà il vento
CANTONE
1 gior
Per le Comunali nasce "TIResidenti. Il Movimento"
L'obiettivo del fondatore Stefano Introzzi è risolvere all'interno delle istituzioni i problemi «con soluzioni concrete e senza la propaganda che accomuna gli altri partiti politici»
TICINO/VAUD
24.07.2017 - 15:450
Aggiornamento : 18:24

Il dossier vodese: «Non c’è l’urgenza di eleggere un ticinese»

Un documento interno del Plr vodese vuole smontare le ambizioni ticinesi: «Le donne e i vodesi sono sottorappresentati in Consiglio federale»

LOSANNA - Se qualcuno pensava che al Ticino avrebbero regalato il seggio in Consiglio federale occupato sinora da Didier Burkhalter, si è sbagliato. La prova? Un dossier redatto dalla sezione vodese del Plr, svelato ieri dal quotidiano romando 24 heures e che tio.ch/20 minuti ha potuto visionare. Questa l'estrema sintesi del documento: le donne sono fortemente sottorappresentate in Consiglio federale, il Canton Vaud è sottorappresentato, il Ticino è «fortemente sovrarappresentato». Il documento a uso interno è stato redatto per offrire argomenti ai candidati e ai portavoce romandi di fronte alle accuse di voler contrastare le ambizioni ticinesi e dimostrare che, semmai un cantone abbia qualcosa da pretendere, questo sia proprio Vaud.

La questione femminile - Gli statistici del Plr vodese hanno scelto due momenti storici per valutare il funzionamento della formula magica: il 1971, ossia l’anno in cui le donne hanno ottenuto il diritto di voto, e il 1986, elezione dell’ultimo ticinese a Berna, Flavio Cotti. Le donne sono il 50% della popolazione svizzera, dal 1971 hanno rappresentato solo il 17% dei ministri, dal 1986 il 24%.

«Ben rappresentato» - Il Ticino, invece, dal 1971 ha avuto il 4,6% dei consiglieri federali e il 5,6% dal 1986. Insomma, in entrambi gli scenari più della sua quota di popolazione, il 4,3%. Ecco quindi il commento degli stesori: «Benché sia il momento di eleggere un ticinese al Consiglio federale, in particolare perché le minoranze devono essere ben rappresentate per far valere le loro particolarità, le statistiche dimostrano che non ve n’è l’urgenza».

«I deficit di rappresentazione vodese» - Il cantone romando è ben più popoloso del Ticino, con i suoi quasi 750mila abitanti rappresenta il 9,5% della popolazione elvetica. Di consiglieri federali, però, ne ha avuti il 6% dal 1971 e il 7,9% dal 1986. Ecco quindi su cosa si basano le rivendicazioni del Plr cantonale: «Avere due consiglieri federali vodesi non pone problemi di sovrarappresentazione del Canton Vaud, perché ciò deve compensare il deficit di rappresentazione degli ultimi decenni».

Sovrarappresentati quanto Berna - La stoccata al Ticino arriva nel terzo grafico contenuto nel dossier, in cui è calcolata la percentuale di sovrarappresentazione. Il Ticino, con un eccesso di ministri rispetto alla popolazione del 29% dal 1986, è quasi al pari di Berna che si fissa al 30% (e che attualmente ha due concittadini in Consiglio federale). I due cantoni sono descritti come «fortemente sovrarappresentati». Vaud, invece, secondo questi parametri è sottorappresentato del 37%. Medesimo discorso per le donne, sottorappresentate del 52% dal 1986.

 

Commenti
 
pulp 2 anni fa su tio
Obiettivamente se é questo che vogliono proporre i PLR vodesi, significa che hanno davvero poco da offrire. Primo perchè questi calculi, applicati ad altri cantoni svizzeri, metterebbero in evidenza che di vodesi per un po' non ce ne dovrebbero andare nel CF. Secondariamente un candidato ticinese non rappresenterebbe solo il canton Ticino, ma l'area italofona (quindi una regione). Per quanto riguarda le donne.... beh mi sembra una polemica sterile.... é uscito un uomo e non mi sembra che all'ultima elezione fosse così imperativo scegliere una donna. Insomma sembra un maldestro tentative di polemizzare la scelta ticinese (che può piacere o meno) ma in totale assenza di argomenti validi e concreti.....
Mat78 2 anni fa su tio
Bei tempi quando il canton Vaud non esisteva ma era parte del canton Berna!
madras 2 anni fa su tio
Ma cosa volete la michetta e il cioccotino assieme, avete già Parmelin e ancora non vi basta. Non pensavo che i vodesi erano così egoisti, ma mi devo ricredere forse vorrebbero che tutto il CF sia Vodese. Ma fatemi un piacere !!!
beta 2 anni fa su tio
I Vodesi non sono mica l'ombelico della Svizzera ! Ci saranno pure, negli altri cantoni che non sono mai accessi al CF , delle personalità adatte ? Oppure questi elementi preferiscono scantonare da un teatro di marionette ???
vulpus 2 anni fa su tio
La nostra democrazia, tra tante belle cose, purtroppo comprende anche questo teatrino. I PLR ticinesi hanno ancora una chance il 1° di agosto di sistemare le cose una volta per tutte.Inutile continuare a dire Cassis , Cassis, Cassis.Lo vogliono le grandi imprese e industrie svizzere tedesche. Nemmeno in Ticino fa l'unanimità nè nel PLR nè fuori. Una trasmissione alla TSI di ieri sera ne è stata l'eloquente dimostrazione. La signora Pantani che dovrà votare ha schivato l'uliva in tutte le maniere pur di non dire che non lo voterà. Suvvia siamo trasparenti.In Ticino solo i capi lo spingono. In Romandia stiamo vedendo cosa faranno i PLR. Gli svizzeri tedeschi hanno detto che vogliono prima un ticinese, ora un latino, meglio se donna. E allora il Ticino che proponga una seconda candidatura , al femminile. E volenti o nolenti , non rimane che la Masoni che abbia ampie chance di essere eletta.
Meridiana 2 anni fa su tio
.... le donne vodesi sono sottorappresentate ..... ma per favore.... e allora le donne e uomini i ticinesi ????? Il PLR farebbe centro con una doppia candidatura con la signora Masoni, ma il PLR ticinese crede ancora alla cicogna !! Adattarsi non costa niente .... auguri
GIGETTO 2 anni fa su tio
L'importante è che non ci sia la Sadis (miss a podi fa nagott.....) tra i candidati!!!
dino 2 anni fa su tio
Ecco che il plr tira fuori il coniglio da cappello! Ma anche il nostro plr ha tirato fuori il suo. Si metta su il migliore o la migliore senza giochi politici. Io sinceramente il nostro non lo vedo a Berna , ma credo che non ne vorrei nemmeno uno/una vodese
dino 2 anni fa su tio
@dino Il CF dovrebbe essere eletto dal popolo! candidature Apolitiche e valutate , non solo da politici ma da accademici e persone profilate. Debbono essere eletti solo i migliori. Lo so è utopico.
pontsort 2 anni fa su tio
@dino Sei illuso se pensi che il popolo eleggerebbe i migliori. Ci sarebbero solo zurighesi e bernesi, e gli altri si attaccano
TheZec 2 anni fa su tio
Ma di base hanno ragione, non vi è ragione di scegliere un politico ticinese. Come non vie è ragione di sceglierne uno vodese. Il problema è che si ragiona per interessi di partito e quindi si fa la scelta che risulta più popolare - che può essere ticinese, vodese, donna, ... - ignorando magari il candidato che sarebbe migliore. Anzi... ignorando anche il fatto che il candidato popolare possa essere il candidato peggiore...
Sylvia Airoldi Pirovano 2 anni fa su fb
Giusto vogliamo COMPETENZA e ONESTA'.
Claudiolugano 2 anni fa su tio
Il canton Vaud non è una regione svizzera ma un cantone a differenza del Ticino che è una regione territoriale/linguistica oltre ad essere anche un cantone. La regione romanda mi sembra sia sempre stata molto rappresentata in consiglio federale a dispetto del Ticino a cui vengono attribuiti i seggi con cadenze ventennali.
albertolupo 2 anni fa su tio
@Claudiolugano Propongo Alessandro Manzoni. Per la lingua, garantisce già solo il nome. Non è ticinese e quindi ci risparmia dalle critiche di sciovinismo cantonale. E così magari ci sostengono anche i grigionesi.
albertolupo 2 anni fa su tio
@albertolupo acc... per il partito, che i PLR se lo prendano come indipendente, che così danno anche una bella dimostrazione di apertura :-)
Sarà 2 anni fa su tio
Il PLR ha sbagliato la scelta del candidato Ticinese.
LeadingSport 2 anni fa su fb
Non mi interessa molto la politica ma: se ne parla da tempo ormai. Deve essere un Ticinese, meglio se donna. Poi no, deve essere una Vodese. E perché poi non uno Svizzero Tedesco ? Ho letto il documento del PLR Vodese. Ma la cosa mi spaventa parecchio... possibile che in tutte queste settimane, non si sottolinea piuttosto la necessità di avere un Consigliere che sia COMPETENTE ? Chissenefrega se uomo, donna, Ticinese, Vodese o Appenzellese. Va beh, torno a disinteressarmi di politica.
Александар Павловић 2 anni fa su fb
Io penso che a livello di personaggi politici, la competenza gioca un ruolo secondario... Infatti non è il personaggio XY che si occupa delle facende ordinarie o di routine, lui/lei fa di tutto per facilitare i compiti dell'amministrazione... L'unica competenza é quella di poter condurre una politica, una strategia, una visione per la società e alla fine anche per l'apparato burocratico.... É per questo che seppur eletto Trump non ha ancora distrutto mezzo mondo ???
GI 2 anni fa su tio
Ma Parmelin non è vodese ? Delamuraz non era vodese ? Couchepin...non molto lontano dall'essere vodese...gente con la memoria corta....i ma sumea un pu tantu goss......della serie "après moi le déluge"....peu importe !
ilarios 2 anni fa su tio
Basta prendere un ticinese e trasferirlo a Vaud tanto guardano il cantone e non la lingua! Ma se hanno un consigliere che neanche conosce le lingue nszionali!
matteo2006 2 anni fa su tio
Visto che piacciono le statistiche da quando purtroppo si eleggono persone più per giochi politici che per le qualità?
senz_ch 2 anni fa su tio
Sono seriamente queste le motivazioni?
Pepe Ticino 2 anni fa su fb
Hanno ragione. Certi cantoni nemmeno l'hanno mai avuto un consigliere federale.
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 00:16:09 | 91.208.130.87