Guardia di Finanza
+ 1
CONFINE
28.01.2020 - 07:550
Aggiornamento : 16:20

Un panetto di hashish in auto, ma 200 chili di droga a casa

È il risultato di una perquisizione in provincia di Como scattata a seguito di un controllo sul territorio

VALMOREA - È finito in un controllo della Guardia di Finanza in provincia di Como. E ha capito di non avere scampo: un cittadino italiano di 45 anni al volante di un fuoristrada ha allora consegnato ai militi un panetto di hashish del peso di circa cento grammi che teneva nascosto nei pantaloni.

Ma il rinvenimento, avvenuto lo scorso 25 gennaio, è poi sfociato in una perquisizione a casa del 45enne, a Valmorea. Il risultato? I militi hanno trovato droga e armi.

Nell'abitazione c'erano infatti 150 grammi di marijuana e una serra per la coltivazione indoor.

E non solo: all'interno di un box auto nelle vicinanze della casa sono stati trovati sei borsoni con 198 chilogrammi di hashish, sigillati sottovuoto e cosparsi di gasolio, così da passare inosservati a un eventuale controllo delle unità cinofile.

In un secondo box c'erano poi altri 16 chilogrammi di marijuana imbustati e pronti per essere consegnati, due bilance professionali e quattro armi da fuoco, di cui un fucile a pompa, due carabine dotate di binocolo di precisione e un'ultima carabina, modificata e dotata di silenziatori. E c'erano anche oltre cento proiettili, calibro 12, 22 e 44.

Da una prima stima, l’immissione sul mercato dell’imponente partita di hashish e marijuana sequestrata avrebbe fruttato oltre 2,5 milioni di euro. L'uomo è finito in manette.

Guardia di Finanza
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
Alessandro Ale Marra 3 sett fa su fb
la difesa: condanna solo per il panetto, in casa i ladri anziché rubare gli hanno lasciato per dispetto 200kg di droga, se serve un avvocato io esercito con la fantasia 🤣
Violet Barrow 3 sett fa su fb
Vacca !
Cris Bi 3 sett fa su fb
sarà uno con i santi in paradiso che gli pagheranno un avvocato super che lo farà uscire presto un mafioso un narcotrafficante
Rocco Dimasi 3 sett fa su fb
E ti fai beccare con un panetto in giro gran bel genio
sedelin 3 sett fa su tio
se il “mostro” canapa fosse depenalizzato e regolamentato non ci sarebbero idioti in possesso di armi connessi alla mafia.
don lurio 3 sett fa su tio
I nostri politici sanno benissimo che la polizia, guardia di finanza , carabinieri esteri controllano in modo professionale bene il loro territorio , ,motivo di non controllare spendere in uomini e mezzi nostri.
Evry 3 sett fa su tio
e con le frontiere SPAlancate CIRCOLANO TRANQUILLAMENTE dall'Italia alla Svizzera. A BERNA NON si DORME MA SI "RONFA" sulle STELLE.
anndo76 3 sett fa su tio
@Evry dimentichi che qui fino a 15 anni fa' si vendeva in Italia ( e non solo ) droga con i canapai ? dai, non fare il sacciente per nulla...purtroppo la droga e' richiesta, per cui che circoli liberamente non e' una questione di dogane etc. ricordi a Zurigo un famoso parco tossici degli anni 90 ??? rifletti...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-25 01:22:59 | 91.208.130.85