Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
COMANO
58 min
Molestie all'ordine del giorno? La RSI non ci sta
L'azienda di Comano prende posizione a seguito delle dichiarazioni della presidente della sezione luganese del SSM
LAMONE
58 min
Auto contro scooter a Lamone: un ferito
L'incidente si è verificato oggi attorno alle 18 sulla strada principale, nelle vicinanze dell'ufficio postale
CANTONE
2 ore
Scuola a distanza: quali aiuti per i ragazzi più in difficoltà?
Ronald David e Marco Noi hanno inoltrato un'interpellanza al Municipio di Bellinzona
CANTONE
3 ore
Ecco dove potrebbe spuntare un radar
La polizia cantonale comunica i controlli previsti tra il 25 e il 31 gennaio 2021
CANTONE
4 ore
Pensioni dei consiglieri di Stato, non luogo a procedere
Per il pc Andrea Pagani non si ravvisa il reato di abuso di autorità
COMANO
4 ore
Le molestie in RSI si scontrano con un primo scoglio
La direzione vuole un pool di avvocati in maggioranza uomini. Il sindacato SSM: «Non possiamo accettarlo»
BELLINZONA
5 ore
Scuole elementari e Covid: «Ce la raccontate giusta?»
Interpellanza della Lega dei ticinesi, che segnala «una situazione impegnativa» nella zona Nord della capitale
BELLINZONA
6 ore
Al via le vaccinazioni: seicento 80enni in quattro giorni
La prima giornata si è svolta senza intoppi né ritardi
BELLINZONA
6 ore
Nuova direttrice operativa per Castellinaria
Cristiana Giaccardi è stata nominata dai vertici del Festival del cinema giovane
CANTONE
7 ore
Spese personali con i crediti Covid: due arresti
I due hanno percepito - fornendo, si sospetta, informazioni false - oltre un milione e mezzo di franchi
CANTONE
8 ore
Bus strapieni: il Cantone interviene (in parte)
Sono molte le richieste e le lamentele inoltrate al Dipartimento del territorio
CONFINE
9 ore
Sciopero dei treni in Italia, anche TILO
Coinvolte le linee TILO RE10, S10, S30 e S50 dalle 03.00 di domenica alle 02.00 di lunedì
FOTO
LOCARNO
10 ore
Ecco la prima vaccinata del Fevi
La campagna vaccinale anti-Covid è scattata ieri: la prima a ricevere il preparato è stata la signora Silene Fasnacht.
CANTONE / SVIZZERA
15.01.2019 - 14:190
Aggiornamento : 17:27

«Nessun rimborso» per i frontalieri pagati in euro

È la decisione presa oggi dal Tribunale federale, che ha accolto un ricorso delle aziende interessate. Il sindacato è deluso: «Persa un'occasione»

LOSANNA - Due frontalieri che hanno ricevuto i loro salari in euro a causa del franco forte non hanno diritto ad un rimborso. È la decisione presa oggi dal Tribunale federale, che ha in questo modo accolto un ricorso delle rispettive aziende interessate.

Secondo i due dipendenti - uno della Marquardt Verwaltungs-GmbH e uno della vonRoll production SA - la misura era contraria alla libera circolazione delle persone e i rispettivi tribunali cantonali avevano dato loro ragione. Le aziende hanno però fatto ricorso al TF, che per la prima volta ha trattato la questione dei salari in euro.

Nel 2011 la Marquardt aveva avvertito i dipendenti delle difficoltà legate al franco forte e della decisione di pagare il 70% dei salari in euro, e il restante in franchi, dal gennaio 2012. Un impiegato licenziato nel 2014 ha ottenuto 20'475 di arretrati davanti al Tribunale cantonale si Sciaffusa. Secondo questa corte si è trattato di una discriminazione indiretta dei lavoratori europei rispetti ai colleghi domiciliati in Svizzera, contraria all'accordo sulla libera circolazione.

vonRoll aveva dal canto suo instaurato un sistema dinamico, che prevedeva il pagamento degli stipendi in euro in funzione delle variazioni del franco rispetto alla valuta europea. Un frontaliere francese, davanti alla giustizia giurassiana, nel 2016 ha ottenuto 18'881 di rimborso per le perdite dovute al salario in euro, decisione confermata nel 2017. Anche in questo caso è stata ravvisata una violazione dell'accordo sulla libera circolazione.

Il TF ha però accolto il ricorso delle due aziende. Secondo l'Alta corte di Losanna entrambi i lavoratori avevano accettato nel 2011 una modifica contrattuale proprio sui salari in euro. Conoscevano quindi le circostanze particolari nelle quali si iscrivevano le misure, ovvero le gravi difficoltà economiche dei datori di lavoro.

Oltre a questo, erano perfettamente a conoscenza del fatto che un salario versato in franchi e convertiti al tasso di cambio effettivo avrebbe garantito un salario in euro più elevato di quello percepito. In queste circostanze - conclude il tribunale nella sua sentenza - non si può richiedere un risarcimento a posteriori.

Sindacati delusi - In un comunicato, il sindacato Impiegati svizzeri deplora il fatto che la questione della discriminazione dovuta ai salari in euro resti aperta.

«Il Tribunale federale ha perso l'occasione di definire il principio 'lavoro uguale, salario uguale'. Lascia i lavoratori soli davanti alla scelta di accettare una discriminazione o perdere il posto di lavoro»; ha affermato l'avvocato del sindacato Pierre Derivaz.

L'organizzazione si opporrà al versamento di salari in euro ai frontalieri se una questione simile dovesse ripetersi.

Simile la posizione di Unia, che si rammarica del fatto che la corte non abbia affrontato il tema della discriminazione, «riconosciuto invece dai tribunali cantonali di Giura e Sciaffusa». Spostando la responsabilità dell'accettazione dei salari in euro sulle spalle degli impiegati, «il TF ignora le realtà del mondo del lavoro», denuncia il sindacato in una nota.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
moma 2 anni fa su tio
I frontalieri devono ringraziare mamma Svizzera che li accoglie e gli da lavoro per sfamarsi, altrimenti sarebbero disoccupati e affamati nella loro amata patria di Garibaldi. Di sicuro, avrebbero da perdere più loro che noi, in caso di licenziamento di massa.
ciapp 2 anni fa su tio
eh bé mi sembra giusto
seo56 2 anni fa su tio
Giusta sentenza!!!
Danny50 2 anni fa su tio
Vai in Italia a farti pagare in franchi o in Inghilterra a farti pagare in euro. Ti mandano giustamente a fan....lo, a giusta ragione.
tip75 2 anni fa su tio
invece di preoccuparci sempre di chi viene da fuori perché non ci preoccupiamo degli aumenti che non fanno mai e dei salari che sono fermi da un decennio mentre i costi sono lievitati oltremisura ?
Bandito976 2 anni fa su tio
@tip75 Purtroppo é lo sport nazionale, per lo straniero si fanno anche inc...re.
Zico 2 anni fa su tio
@tip75 i frontalieri l'aumento lo hanno avuto: fai il conto del franco/euro a 1,20 e rifallo a 1,10. vedi siamo noi a non avere aumenti di salario. loro sì e poi si lamentano!
MIM 2 anni fa su tio
@Zico da 1.50 a 1.10 poi arrivò a 1.00 e intervenne la BNS. Quindi da 1.50 a 1.10 l'aumento è stato di euro 240 ogni 1000 franchi, un aumento del salario netto del 24%
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-22 21:27:10 | 91.208.130.86