LUGANOA Lugano più spazio agli scacchi

04.03.22 - 16:00
Lo chiede la consigliera comunale Deborah Meili: «È un gioco che stimola memoria e creatività»
Archivio Tipress
A Lugano più spazio agli scacchi
Lo chiede la consigliera comunale Deborah Meili: «È un gioco che stimola memoria e creatività»

LUGANO - «La Città di Lugano ha un rapporto storico con il gioco di strategia degli scacchi». Un rapporto che si sta però perdendo, afferma la consigliera comunale Deborah Meili (Verdi) in un'interrogazione sul tema indirizzata al locale Esecutivo.

Eppure in tutta la Svizzera si osserva un boom degli scacchi, in particolare tra le persone giovani. E anche tra le ragazze, Probabilmente grazie alla recente ministerie Netflix “La regina degli scacchi”. Ecco dunque che pure sul territorio urbano il gioco andrebbe maggiormente promosso, secondo Meili.

A Lugano attualmente esistono una scacchiera “urbana” presso la Rivetta Tell, oltre a dei tavoli con scacchiere integrate in via Foce. Ma per poter utilizzare questi ultimi è necessario portarsi i propri pezzi personali.

Meili chiede dunque alla Città di prevedere la messa a disposizione di pezzi in loco, per esempio tramite delle cassette con un sistema di deposito accessibile sia con contanti che con mezzi di pagamento digitali. E interroga il Municipio anche sulla possibilità di installare ulteriori scacchiere “urbane” in altre zone pedonali (per esempio in Piazza Castello) e di fornirne la posizione sulla mappa dell'applicazione “Lugano servizi”.

«Gli scacchi - sottolinea - stimolano la comprensione, la memoria, la strategia, la logica e la creatività: sono virtù che risultano utili per tutte le età».

NOTIZIE PIÙ LETTE