Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
3 ore
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
LOCARNO
3 ore
L'intenso anno vissuto dal PS di Locarno
Si è svolta ieri sera l'Assemblea ordinaria della sezione, con all'ordine del giorno anche il rinnovo delle cariche.
LUGANO
3 ore
Sanitari non vaccinati licenziati alla Moncucco, rifiutavano i test
«Chi non si sottopone al vaccino e nemmeno ai test non può lavorare in Clinica», così il direttore Christian Camponovo.
CANTONE
5 ore
Rissa alle Semine, c'è anche una denuncia in polizia
La conferma arriva dal Ministero Pubblico. A depositarla un giocatore finito per tre giorni in ospedale.
CANTONE
5 ore
Camera di commercio riunita in assemblea
La Cc-Ti ha tenuto oggi all'Espocentro la sua 104esima Assemblea generale ordinaria.
CANTONE
5 ore
«Preoccupati per il personale sanitario non vaccinato»
L'Associazione dei Comuni in ambito socio-sanitario lancia un grido d'allarme: «Proteggiamo chi è più vulnerabile».
CANTONE
6 ore
Si aprono oggi le porte dello Swiss Virtual Expo
Sono già diversi gli eventi in programma nelle prossime settimane
CANTONE
6 ore
Cinque sindaci, un orizzonte unico
Progetto Ticino 2020: dialogo e collaborazione sono le parole chiave per le cinque maggiori città ticinesi
CANTONE
6 ore
I prossimi radar? Ecco dove saranno
La prossima settimana i controlli mobili risparmieranno solo la Vallemaggia.
CANTONE
7 ore
Tre giorni di esercitazione per la Polizia cantonale
L'esercizio LEGIONE 21 era volto a migliorare la preparazione degli agenti di fronte a una minaccia puntuale.
VERZASCA
7 ore
Verzasca: si cercano idee per lo stemma comunale
Il Municipio ha deciso di pubblicare un bando di concorso aperto a tutti i ticinesi.
MESOCCO (GR)
8 ore
È morto Romano Fasani
L'ex sindaco di Mesocco è stato l'ultimo presidente del Gran Consiglio retico proveniente dalla Mesolcina.
LUGANO
15.03.2021 - 06:010
Aggiornamento : 08:24

Anche la fisioterapia fa un balzo nel digitale

Il coronavirus ha imposto la "distanza" in molte attività di contatto

Un limite ma anche un'opportunità terapeutica, come spiega il fondatore di Reactiv, Lorenzo Fornasari

di Redazione
Sofia Pelanda Mazza

LUGANO - Lorenzo Fornasari, giovane fisioterapista e fondatore di Reactiv, ci racconta come - in linea ad alcuni altri professionisti del suo stesso settore - abbia dovuto adattarsi alle nuove condizioni imposte dalla pandemia, scegliendo di seguire, laddove possibile, un approccio “a distanza” coi pazienti, così da garantire loro la continuità in sicurezza delle terapie riabilitative.

Come cambia con il virus la fisioterapia?
«Siamo nell’era della digitalizzazione e anche questo settore non è esente dalle nuove potenzialità che essa mette a disposizione. In aggiunta a questo, se si considera che il Covid ha profondamente indebolito la fiducia e alimentato molte paure delle persone che vengono riabilitate ogni giorno, si capisce come si sia cercato di trovare una nuova via».

Cosa intende?
«L’obiettivo in questo periodo particolare è quello di garantire un giusto equilibrio tra il rispetto dello spazio di sicurezza del paziente e, al contempo, fornirgli un servizio qualitativamente molto alto. Per questo motivo, sfruttando le tecnologie, abbiamo optato per la fisioterapia telematica, che gli permette di videochiamare, comodamente da casa, il suo professionista di fiducia e svolgere le sedute in questo modo per tutta la durata prevista».

L’importanza della presenza fisica del fisioterapista?
«Chiaramente continua a esserci laddove si necessiti di un intervento mirato e manuale sul paziente. Per il resto, sono convinto che la via telematica apra una strada molto interessante per il futuro della riabilitazione. Da un lato, permette di andare incontro alle esigenze di sicurezza dei soggetti più vulnerabili al virus, dall’altro è un sistema molto più flessibile ed efficiente, considerando che le sessioni virtuali possono essere prenotate con un anticipo anche di solo mezz’ora, andando altresì a eliminare il tempo di trasporto per giungere fisicamente a destinazione».

È possibile misurare i risultati a distanza?
«Certamente. Il fisioterapista deve sempre analizzare il proprio lavoro a ogni seduta, anche virtuale, avvalendosi di specifici metodi. Ve ne sono numerosi, per esempio è possibile utilizzare le scale di valutazione del dolore e vedere se il paziente è migliorato dall’ultima seduta rispetto alla prima. Inoltre, oltre alla sintomatologia, si può valutare anche la resistenza. Senza entrare in tecnicismi eccessivi, tutto ciò che è valutabile è misurabile, sia per i cambiamenti di breve che di lungo termine».

Vi è fiducia nella via telematica?
«Assolutamente sì. Abbiamo anche qualche caso di pazienti molto anziani che non si sono lasciati scoraggiare dall’ostacolo tecnologico di strumenti che non avevano l’abitudine di utilizzare, nonché indispensabili per continuare le sedute a distanza. Molti altri della stessa fascia d’età, tuttavia, hanno invece semplicemente preferito sospendere temporaneamente le sessioni per timore dei contagi. In generale, però, la grande maggioranza dei nostri pazienti ha accolto positivamente la possibilità di poter continuare a svolgere la loro terapia in questo modo, dandole piena fiducia».

La distanza pone il benessere nelle proprie mani
Lo specialista Lorenzo Fornasari non si lascia intimidire dalle sfide che il coronavirus ha lanciato alla sua professione e accoglie, invece, le opportunità che esse portano nel mondo della fisioterapia: «Credo che la pandemia, col conseguente imperativo della distanza, abbia messo l’accento su uno dei ruoli più importanti del fisioterapista, ossia quello di educare a prendersi cura di sé stessi», afferma il fondatore di Reactiv. «La riabilitazione telematica spinge il paziente a diventare pienamente padrone del proprio benessere, riducendo la tendenza a mettere nelle mani di un altro la responsabilità di star bene. Certamente, il fisioterapista indica che tipo di esercizi fare ogni giorno, quale stile di vita seguire, quale tipo di attività fisica e postura avere, ma il primo che deve volere e impegnarsi a tornare in salute è il paziente», conclude lo specialista di Lugano.

 

Reactiv
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-15 23:32:28 | 91.208.130.89