TiPress - foto d'archivio
COMANO
01.02.2021 - 20:410
Aggiornamento : 02.02.2021 - 20:48

Il "dossier molestie" passa di mano

Maurizio Canetta non se ne occuperà più, a causa di due tweet giudicati "inappropriati" risalenti allo scorso aprile

Enrico Carpani riferirà direttamente a Gilles Marchand.

COMANO - Due tweet di risposta con battute "sopra le righe". È questo il motivo che ha portato il presidente del consiglio di amministrazione della SSR Jean Michel Cina e il direttore generale Gilles Marchand a decidere di togliere il "dossier molestie" (segnalazioni di presunte molestie sessuali, mobbing e bossing) a Maurizio Canetta per metterlo nelle mani di Enrico Carpani. Lo riferisce la Regione.

I fatti risalgono allo scorso aprile. I contenuti dei tweet - "con intento scherzoso" - erano stati segnalati alle Risorse umane. Il direttore della RSI aveva riconosciuto l'errore, chiesto scusa ed eliminato le frasi inappropriate. Ma negli scorsi giorni qualcuno le ha ritirate fuori e le ha segnalate a SSR. Gilles Marchand ha quindi richiamato ufficialmente Maurizio Canetta per le parole "non consoni al ruolo e all'immagine" del direttore della RSI e ha deciso di togliergli la responsabilità del "dossier molestie". 

Una responsabilità - è bene precisarlo - che Canetta non avrà più solo per gli ultimi tre mesi che lo separano dalla pensione (gli subentrerà in aprile Mario Timbal) e che per il direttore «permette di portare avanti in modo sereno la discussione con il Sindacato svizzero dei massmedia (SSM) su un tema particolarmente sensibile come quello delle molestie e del mobbing».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-27 20:43:46 | 91.208.130.89