Tio/20minuti
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
CANTONE
4 ore
Una cerimonia (in presenza) per i diplomati della Facoltà di scienze economiche
In tutto sono 186 gli studenti che hanno ottenuto un Bachelor o un Master. Ecco chi sono.
CANTONE
4 ore
Certificato Covid, le proposte che non convincono il Ticino
Il Consiglio di Stato ha risposto alla consultazione del Consiglio federale sullo sviluppo del pass.
SVIZZERA
10 ore
L'aereo è partito senza Chiesa
Il presidente Udc doveva partecipare a un viaggio di rappresentanza negli Stati Uniti. Ma è rimasto bloccato al check-in
CANTONE
12 ore
Donazione di sangue: a decine tra politici e dipendenti cantonali
Per 27 di loro si è trattato della prima donazione.
CADENAZZO
13 ore
Risparmio "green" con Acquì
Il progetto promuove il consumo dell'acqua di rubinetto.
CANTONE
16 ore
Idroelettrico: Ticino e Vallese uniti per rafforzare la formazione
HYDRO Exploitation SA e AET hanno siglato un accordo di collaborazione che prevede scambi interaziendali
LUGANO
16 ore
Infortunio sul lavoro a Cadro, 59enne in fin di vita
L'uomo è caduto da un'altezza di circa un metro e mezzo, battendo la testa. La sua vita è in pericolo.
CANTONE
16 ore
«È scattata la corsa ai rialzi dei salari dei capisezione?»
L'MPS chiede conto a Gobbi sugli scatti di classe annunciati dal Dipartimento dell'Istituzioni sull'onda del Territorio
BELLINZONA
16 ore
Altre 28 postazioni per il bike sharing di Bellinzona
Il Municipio intende aumentare ulteriormente il numero di biciclette disponibili sul territorio comunale
CANTONE
17 ore
I nuovi contagi in Ticino sono 36
Quattro le sezioni in quarantena nelle scuole ticinesi
CANTONE / SVIZZERA
17 ore
Fallimenti, Ticino in controtendenza
In Svizzera sono in aumento, mentre nel nostro cantone sono in calo (-7%)
CANTONE
18 ore
Tecnologie: «Si sta creando una tribù di esclusi»
Il "divario digitale" si è amplificato con la pandemia. Serenella Morinini, 73enne valmaggese, suona la carica.
CANTONE / SVIZZERA
19 ore
Un problema tecnico affligge le FFS
Le Ferrovie sono confrontate con un disguido a livello nazionale (ma non in tutte le stazioni).
LUGANO
19 ore
L'uomo che vuole costruire lo stadio
Chi è l'imprenditore che realizzerà il Polo Sportivo, votazione permettendo? Lo abbiamo intervistato.
CANTONE
21.09.2020 - 00:050

«L'epilessia è stata la causa principale di licenziamento»

Per Fabia, 29 anni, la sua malattia non è un impedimento a una vita normale.

«È un ospite che ogni tanto bussa», racconta, ma col quale spesso le persone non sanno come comportarsi.

LUGANO - Fabia, 29 anni, convive con l’epilessia da quando è adolescente. Questo non le ha impedito di vivere una vita normale. A farla soffrire di più sono le reazioni di alcune persone nei confronti della sua malattia. 

Quando ha scoperto di essere malata?
«Me l’hanno diagnosticata dopo il primo attacco, a 12 anni. All’inizio pensavano che fosse dovuto allo sviluppo, però negli anni la situazione è peggiorata. Ho cominciato a fare delle visite più mirate col neurologo e a prendere farmaci». 

Con che frequenza ha le crisi? 
«Da piccolina erano molto distanziate, ma crescendo sono peggiorate, fino a diventare 20 in un anno, nonostante le medicine». 

Un attacco può avere effetti collaterali?
«È possibile. A me è capitato durante una crisi di essere rimasta troppo tempo senza ossigeno e ora ho delle perdite di memoria».

Cosa succede dopo una crisi?
«A me arriva una forte stanchezza. Ho bisogno di parecchie ore di sonno». 

Dopo queste ore di sonno può tornare alla normalità?
«Dipende dall’intensità della crisi, ma generalmente dopo un paio di giorni posso tornare alla mia normale routine». 

Quali sono le situazioni scatenanti?
«Nel mio caso, gli esami medici non hanno mai trovato niente nel mio cervello che fosse anormale. Quindi, gradualmente, abbiamo constatato che il troppo stress, la stanchezza e le situazioni emotive forti sono le cause scatenanti. A volte, però, la crisi arriva apparentemente senza motivo». 

Quali sono le cose che gli altri dovrebbero fare quando assistono a una crisi?
«Bisogna fare attenzione che non ci siano oggetti che potrebbero ferire e controllare la durata della crisi. Se si prolunga oltre i tre minuti bisogna chiamare il medico o l’ambulanza. Una volta che le convulsioni terminano bisogna mettere la persona sul fianco in modo tale che riesca a respirare bene. Di più non si può fare, la crisi si deve sfogare».

In quali altri modi la malattia condiziona la sua vita?
«Vivo sola da 10 anni e svolgo varie attività, come la monitrice di atletica. Ho comunque dovuto rinunciare alla patente e non ho potuto fare la professione che avrei voluto, la maestra di pre-asilo».

A livello lavorativo come si organizza?
«Spiego ai miei datori di lavoro cosa potrebbe accadere. E regolarmente vengo licenziata a causa della malattia. Nonostante io dica di cosa si tratta, trovarsi davanti a una crisi è tutt'altra cosa. In quei momenti io non sono cosciente, quindi non so che reazione ha chi vi assiste. Ma spesso, dopo, si comportano in un altro modo. Preferisco che mi si dica subito se non si è in grado di gestire una situazione del genere o se la mia situazione crea disagi. Una volta avevo fatto un abbonamento in una palestra e non sembrava ci fossero problemi. Purtroppo ho avuto una crisi anche lì e in seguito mi hanno fatto capire che non dovevo più tornare perché avevo spaventato gli altri clienti».

Ha paura di avere una crisi quando è da sola?
«Ne sono capitate e quando mi sono ripresa ho chiamato la mia persona di riferimento. Se dovessi pensare a tutte le situazioni che mi potrebbero creare dei danni non vivrei più. Per me la malattia è qualcosa con cui convivere, che ogni tanto si affaccia e poi torna nella sua tana. Ho sofferto di più l’incapacità di alcune persone nel dover accettare la mia situazione che la malattia stessa». 

«Un attacco epilettico non è prevedibile»

«L’epilessia è una malattia neurologica caratterizzata dalla persistente predisposizione a manifestare delle crisi epilettiche», spiega la Dottoressa Pamela Agazzi, neurologa dell’EOC di Lugano. Si stima che in Svizzera ne siano affette circa 70mila persone. Le cause sono diverse e possono essere di origine genetica o acquisita: «Le crisi epilettiche sono legate a un’attività eccessiva di un gruppo di neuroni del cervello che iniziano ad attivarsi in una maniera esagerata», continua la Dottoressa. «Le manifestazioni sono di solito improvvise e di breve durata, da alcuni secondi a qualche minuto e possono essere diverse a seconda delle aree cerebrali coinvolte». Non sono dunque sempre le classiche convulsioni con perdita di coscienza, ma per esempio anche con stati confusionali. «Di solito in una persona tendono a presentarsi nello stesso modo, ma con frequenza diversa e non sempre prevedibile. L’insorgenza repentina può generare paura e renderne difficile la gestione», conclude Agazzi. Per sensibilizzare la popolazione, la Lega Svizzera contro l'epilessia ha lanciato una campagna d'informazione.

Per ulteriori informazioni sull'epilessia, potete contattare la Società Epilettici della Svizzera italiana - SeSi, Via Ghiringhelli 6a, 6500 Bellinzona, +4191 825 54 74 segretariato@sesi.ch

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 03:31:39 | 91.208.130.86