Tio/20minuti
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
LIVE
Covid: scatta l'obbligo della mascherina all'aperto
Gobbi, De Rosa e Merlani parlano alla popolazione dal Palazzo delle Orsoline
LOCARNO
1 ora
La funicolare del San Salvatore fa tappa a Locarno
La mostra itinerante per i 130 anni dell'impianto è visitabile nella cornice dei Giardini Arp
LUGANO
2 ore
È di nuovo tempo di Artecasa
La fiera avrà luogo al Padiglione Conza di Lugano dal 28 ottobre al 1. novembre 2020
CANTONE
2 ore
Fregati dalla solitudine e dal bisogno di affetto
Col Covid-19 aumentano i rischi di truffe amorose. Il ricercatore Luca Brunoni si è trasformato in esca.
CONFINE
4 ore
«Siamo stati picchiati, perché avevamo chiesto di mettere la mascherina»
L'appello dal Rifugio dell'Alpe di Colonno, in provincia di Como, pubblicato sui social
FOTO
BELLINZONA
4 ore
Un altro mattone per far rivivere Prada
L'antico nucleo medievale di Bellinzona è diventato comparto protetto d'interesse cantonale nell'autunno del 2019.
VERNATE
5 ore
Un'aula senza tetto né pareti
In compenso, ha un grande totem di legno. È stata realizzata dalle scuole di Vernate
CANTONE
5 ore
Quando gli applausi non bastano più
Al via la settimana di protesta per migliori condizioni per gli operatori sociosanitari
CANTONE
6 ore
Una classe in quarantena al Liceo di Lugano 2
Ieri la misura era stata decisa anche per allievi della Scuola cantonale di commercio
CANTONE
6 ore
Coronavirus in Ticino: altri 147 contagi e 15 ricoveri in 24 ore
Negli ospedali ticinesi sono attualmente ricoverate 80 persone positive al coronavirus.
CANTONE
7 ore
In perdita i trasporti, il sindacato scrive a Simonetta Sommaruga
Il SEV teme un aumento delle perdite d’introiti per le imprese di trasporto. Chiede un maggiore sostegno
CANTONE
7 ore
Anche il Ticino avrà il suo rumorometro
È iniziata negli scorsi giorni la sperimentazione del congegno che informerà sul livello di rumore generato dai veicoli.
CANTONE
9 ore
Negazionisti ticinesi: ecco come la pensano
Anche in Ticino i Covid-scettici e i "no mask" non mancano. L'esperto Garzoni risponde ad alcuni di loro
CONFINE
9 ore
Prendeva il reddito di cittadinanza, ma il marito lavorava in Ticino
La donna, residente a Carlazzo, è stata denunciata alla Procura di Como.
MUZZANO
10 ore
«Pesavo 29 chili: così sono ripartita»
Apryl Franchini, 20 anni, ha sofferto di anoressia nervosa. Oggi aiuta chi è confrontato con disturbi alimentari.
CANTONE
21 ore
Vaccino anti-influenzale: la prima fornitura è già esaurita
Nonostante potesse essere prescritto solo ai gruppi a rischio, il primo stock del vaccino è già terminato
VIDEO E FOTO
SOBRIO
1 gior
Giovane si ferisce in una stalla, interviene la Rega
Il ragazzo sarebbe stato colpito da una parete caduta all'interno della struttura.
CANTONE
21.09.2020 - 00:050

«L'epilessia è stata la causa principale di licenziamento»

Per Fabia, 29 anni, la sua malattia non è un impedimento a una vita normale.

«È un ospite che ogni tanto bussa», racconta, ma col quale spesso le persone non sanno come comportarsi.

LUGANO - Fabia, 29 anni, convive con l’epilessia da quando è adolescente. Questo non le ha impedito di vivere una vita normale. A farla soffrire di più sono le reazioni di alcune persone nei confronti della sua malattia. 

Quando ha scoperto di essere malata?
«Me l’hanno diagnosticata dopo il primo attacco, a 12 anni. All’inizio pensavano che fosse dovuto allo sviluppo, però negli anni la situazione è peggiorata. Ho cominciato a fare delle visite più mirate col neurologo e a prendere farmaci». 

Con che frequenza ha le crisi? 
«Da piccolina erano molto distanziate, ma crescendo sono peggiorate, fino a diventare 20 in un anno, nonostante le medicine». 

Un attacco può avere effetti collaterali?
«È possibile. A me è capitato durante una crisi di essere rimasta troppo tempo senza ossigeno e ora ho delle perdite di memoria».

Cosa succede dopo una crisi?
«A me arriva una forte stanchezza. Ho bisogno di parecchie ore di sonno». 

Dopo queste ore di sonno può tornare alla normalità?
«Dipende dall’intensità della crisi, ma generalmente dopo un paio di giorni posso tornare alla mia normale routine». 

Quali sono le situazioni scatenanti?
«Nel mio caso, gli esami medici non hanno mai trovato niente nel mio cervello che fosse anormale. Quindi, gradualmente, abbiamo constatato che il troppo stress, la stanchezza e le situazioni emotive forti sono le cause scatenanti. A volte, però, la crisi arriva apparentemente senza motivo». 

Quali sono le cose che gli altri dovrebbero fare quando assistono a una crisi?
«Bisogna fare attenzione che non ci siano oggetti che potrebbero ferire e controllare la durata della crisi. Se si prolunga oltre i tre minuti bisogna chiamare il medico o l’ambulanza. Una volta che le convulsioni terminano bisogna mettere la persona sul fianco in modo tale che riesca a respirare bene. Di più non si può fare, la crisi si deve sfogare».

In quali altri modi la malattia condiziona la sua vita?
«Vivo sola da 10 anni e svolgo varie attività, come la monitrice di atletica. Ho comunque dovuto rinunciare alla patente e non ho potuto fare la professione che avrei voluto, la maestra di pre-asilo».

A livello lavorativo come si organizza?
«Spiego ai miei datori di lavoro cosa potrebbe accadere. E regolarmente vengo licenziata a causa della malattia. Nonostante io dica di cosa si tratta, trovarsi davanti a una crisi è tutt'altra cosa. In quei momenti io non sono cosciente, quindi non so che reazione ha chi vi assiste. Ma spesso, dopo, si comportano in un altro modo. Preferisco che mi si dica subito se non si è in grado di gestire una situazione del genere o se la mia situazione crea disagi. Una volta avevo fatto un abbonamento in una palestra e non sembrava ci fossero problemi. Purtroppo ho avuto una crisi anche lì e in seguito mi hanno fatto capire che non dovevo più tornare perché avevo spaventato gli altri clienti».

Ha paura di avere una crisi quando è da sola?
«Ne sono capitate e quando mi sono ripresa ho chiamato la mia persona di riferimento. Se dovessi pensare a tutte le situazioni che mi potrebbero creare dei danni non vivrei più. Per me la malattia è qualcosa con cui convivere, che ogni tanto si affaccia e poi torna nella sua tana. Ho sofferto di più l’incapacità di alcune persone nel dover accettare la mia situazione che la malattia stessa». 

«Un attacco epilettico non è prevedibile»

«L’epilessia è una malattia neurologica caratterizzata dalla persistente predisposizione a manifestare delle crisi epilettiche», spiega la Dottoressa Pamela Agazzi, neurologa dell’EOC di Lugano. Si stima che in Svizzera ne siano affette circa 70mila persone. Le cause sono diverse e possono essere di origine genetica o acquisita: «Le crisi epilettiche sono legate a un’attività eccessiva di un gruppo di neuroni del cervello che iniziano ad attivarsi in una maniera esagerata», continua la Dottoressa. «Le manifestazioni sono di solito improvvise e di breve durata, da alcuni secondi a qualche minuto e possono essere diverse a seconda delle aree cerebrali coinvolte». Non sono dunque sempre le classiche convulsioni con perdita di coscienza, ma per esempio anche con stati confusionali. «Di solito in una persona tendono a presentarsi nello stesso modo, ma con frequenza diversa e non sempre prevedibile. L’insorgenza repentina può generare paura e renderne difficile la gestione», conclude Agazzi. Per sensibilizzare la popolazione, la Lega Svizzera contro l'epilessia ha lanciato una campagna d'informazione.

Per ulteriori informazioni sull'epilessia, potete contattare la Società Epilettici della Svizzera italiana - SeSi, Via Ghiringhelli 6a, 6500 Bellinzona, +4191 825 54 74 segretariato@sesi.ch

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Alice Pedrioli 1 mese fa su fb
Claudia Tettamanti 1 mese fa su fb
Ti auguro di trovare un lavoro e che le persone dovrebbero non emarginare le persone con delle patologie come la tua ma informarsi come si possono aiutare !! 🤗❤🌹
Violet Barrow 1 mese fa su fb
A me mi è capitato a Monaco di Baviera in una scuola una ragazza che seduta ha tirato indietro i gomiti e urlava fortissimo poi è caduta lateralmente sembrava morta con la bava alla bocca .Quest'immagine la ricordo ancora oggi dopo tanti anni. Non so che dire questa ragazza e altri con il problema dovrebbero riunirsi e avere un lavoro fatto per loro
Antonella Corrent 1 mese fa su fb
Ho avuto il piacere di conoscere Fabia. Una ragazza determinata e con una grande forza! 🍀
Marisa Fariña Botta 1 mese fa su fb
Te capisco la sofro anche io
Şerife Vurşan 1 mese fa su fb
🥀
Gloria Bergamo 1 mese fa su fb
Che dire..
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-26 16:40:26 | 91.208.130.85