Keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
19 min
LAMal, l'autorizzazione a esercitare passa al Cantone
Il Consiglio di Stato ha approvato la modifica dell'ordinanza sull'assicurazione malattie.
CANTONE
22 min
Festeggiati 440 neolaureati della SUPSI
Sono quindi 791 in totale i titoli Bachelor rilasciati dalla SUPSI nel 2021, ai quali si aggiungono 268 Master.
CANTONE
28 min
In Ticino oltre 400 casi e tre decessi nel weekend
I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 77.
CANTONE / SVIZZERA
34 min
Turismo estivo: la pandemia ha giovato al Ticino
In gran parte della Svizzera si è ancora lontani dai pernottamenti registrati nel 2019. Il nostro Cantone fa eccezione.
LUGANO
42 min
Accademia in lutto, è morto Aurelio Galfetti
Aveva creato l'Accademia di architettura di Mendrisio. Aveva 85 anni.
CANTONE
1 ora
Controlli e multe in vista per chi è al telefono alla guida
L'operazione della Polizia cantonale ha il via già da questo mese.
CANTONE
2 ore
Per rimpiazzare i boomer non basteranno i salari
In vista del pensionamento di massa dei boomer è necessario, secondo l'AITI, puntare di più sulle condizioni di lavoro.
CANTONE
4 ore
Passa da Berset il caso dei neo-psicologi non riconosciuti
Il Consiglio di Stato ha scritto al ministro dell'Interno proponendo una soluzione
CANTONE
4 ore
La Nuova Valascia scivola sui pagamenti agli artigiani
La nuova Valascia ha qualche problema di liquidità. Malumori tra chi ha eseguito i lavori
ASCONA
13 ore
«Così ho perso lentamente la mia amica»
Nelly Morini racconta il dramma dell'Alzheimer nel romanzo Clarianne, ispirato a una storia vera.
MESOCCO (GR)
19 ore
Ventenni escono di strada e finiscono nella scarpata
L'incidente è avvenuto la scorsa notte in zona Alp Frach. I due occupanti del veicolo sono rimasti leggermente feriti.
CANTONE / SVIZZERA
13.01.2020 - 06:050
Aggiornamento : 10:00

Povero Mister Prezzi: 2000 lamentele all’anno

E anche i ticinesi ci mettono del loro. Specialmente per quanto riguarda la modifica della tassazione sui rifiuti. Stefan Meierhans racconta le sue “pene”

LUGANO – Povero Mister Prezzi. Con il costo della vita che continua a salire, e con gli stipendi che, specialmente in alcuni cantoni come il Ticino, sono in stallo se non al ribasso, è sommerso di critiche. Dura la vita di Stefan Meierhans. Tio/ 20 Minuti lo ha intervistato.

Cosa vuol dire essere Mister Prezzi in Svizzera all’alba del 2020?
«L’obiettivo principale è sempre il medesimo. Da quando, oltre 10 anni fa, ho iniziato con l’incarico di Sorvegliante dei prezzi, lotto contro i prezzi abusivi stabiliti da eventuali cartelli e da imprese dominanti sul mercato o dallo Stato. Supporto, inoltre, i cittadini e le imprese svizzere in queste battaglie».

E ci riesce?
«Voglio fare il necessario per garantire che i prezzi si formino secondo i principi della concorrenza. In particolare impedendo aumenti di tariffe derivanti da cartelli o da accordi analoghi. Osservo l’andamento dei prezzi e informo il pubblico».

Riceve tanti reclami?
«Ogni anno ricevo diverse centinaia di annunci da cittadini svizzeri che si lamentano sui prezzi. Quasi 2000 nel 2018».

Quali sono le lamentele più frequenti?
«Concernono: le tariffe dei trasporti pubblici, le telecomunicazioni, in particolare sui costi aggiuntivi per l’invio cartaceo della fattura e per i costi di pagamento allo sportello postale, i costi della sanità, con una proporzione importante sui prezzi dei medicamenti, e i costi per gli invii di lettere e pacchi, inclusi quelli di sdoganamento».

Cosa si può migliorare?
«Nel campo della sanità esiste un ampio margine di miglioramento. Per questo è necessario cambiare profondamente gli incentivi. Oggi viene premiata la quantità dei servizi offerti, mentre dovrebbe essere messo l’accento sul risultato. Sulle vite salvate o migliorate».

Parliamo di servizio pubblico?
«Sarebbe necessario garantire una migliore trasparenza dei costi dei servizi e applicare delle tariffe corrette che corrispondano alla vera copertura dei costi».

Ci fa un esempio concreto?
«In alcuni casi, come per il progetto della nuova legge sull’approvvigionamento di gas, bisognerebbe evitare lo sviluppo di un’eccessiva regolamentazione, poiché porterebbe a un aumento dei costi legati alla burocrazia, senza produrre un vero miglioramento dal punto di vista delle tariffe. Nel caso specifico, sarebbe sufficiente optare per un semplice adeguamento della legge sugli impianti di trasporto in condotta, con costi burocratici nettamente inferiori». 

Che richieste particolari arrivano dal Ticino? 
«Le lamentele dei cittadini ticinesi, rispecchiano in grandi linee quelle degli altri svizzeri. Nell’ultimo anno, però, sono stato ampiamento sollecitato a seguito della modifica della tassazione sui rifiuti di una gran parte dei comuni ticinesi».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
patacca 1 anno fa su tio
Per lo stipendio annuo che si becca costui io ne prenderei 4000 di lamentele..poi per il resto sorvolo.
tip75 1 anno fa su tio
vabbeh i ticinesi ci mettono del loro si poteva anche risparmiare di dirlo.....dovrebbe lavorare un esercito da mister prezzi con la disonestà che dilaga anche a livello di decision politiche (vedi iva e cm, ecc...)
nisicom 1 anno fa su tio
Abbassate il costo della vita e gli oneri sociali, invece di voler aumentare i salari. Così che i datori di lavoro possano assumere gente e la gente possa arrivare a fine mese.....
anndo76 1 anno fa su tio
@nisicom troppo comllicato da capire per un politico...gente che non ha mai lavorato e che non conosce i problemi quotidiani
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-06 10:33:23 | 91.208.130.85