ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO E VIDEO
CANTONE
19 min
Otto modi per scoprire la biodiversità delle foreste ticinesi
Il DT lancia un video promozionale e otto percorsi didattici sulla scia dell’omonima campagna federale.
VIDEO
CANTONE
1 ora
«Meno fatica + attenzione»
È la nuova campagna di sensibilizzazione per chi si sposta in sella a un e-bike.
CANTONE
1 ora
Il Ticino registra tre nuovi casi di coronavirus
Da inizio settimana sono 17 i tamponi risultati positivi al Covid-19 nel nostro cantone
VIDEO
CANTONE
3 ore
Ragazzo di Cadenazzo aiuta un senza tetto
Il video "gira" su TikTok. Tutta scena? No. Chi lo ha realizzato, lo ha fatto col cuore.
CANTONE
4 ore
«Non ci sono dati che il virus è più debole. Usate le mascherine»
Cifre che dicono tutto e niente. Valanghe di interrogativi. E l'epatologo Andreas Cerny non ci tira certo su di morale.
CANTONE
5 ore
Il coronavirus colpisce i Bed&Breakfast
Raiffeisen: «Probabilmente molti alloggi sono stati riconvertiti in appartamenti in affitto».
MENDRISIO
5 ore
La prima cieca laureata USI «Io, salva grazie alla lettura»
Per Cecilia Soresina, non vedente dalla nascita, la lettura ha rappresentato molto più che una semplice passione:
CANTONE
11 ore
Canicola bye bye
Il rischio di una nuova ondata di calore viene definito «molto basso» dagli esperti di Meteosvizzera
CANTONE
17 ore
La "bonaccia" prima della tempesta
«Tale dato non deve trarre in inganno» avverte Fernando Piccirilli, capo della nuova Sezione esecuzione e fallimento
FOTO
CANTONE
17 ore
Gli avvoltoi monaci sono tornati, puntualissimi
La scorsa estate ne erano stati avvistati quattro esemplari, quest'anno ce n'è (per ora) uno in più.
LUGANO
18 ore
«Tanta tristezza, ma ci sono altre priorità»
Niente rally del Ticino a causa del Covid. La delusione degli ultimi vincitori, Andrea Crugnola e Moira Lucca.
CANTONE
19 ore
Test in tempo reale, ecco il dispositivo portatile
Il progetto si chiama MicroCoVSens ed è sviluppato da SUPSI, IOR ed EPFL.
CANTONE
19 ore
Meno criminalità transfrontaliera durante il lockdown
Il fenomeno è dovuto alle restrizioni di viaggio. Per Berna i controlli sistematici alla frontiera «non sono necessari»
CANTONE / SVIZZERA
20 ore
Settore sanitario: il Governo risponde picche a Carobbio e Marchesi
La prima chiedeva di formare più medici, il secondo di non essere dipendenti dalla manodopera estera.
CONFINE
20 ore
Tragedia a due passi dal Gambarogno
Una donna è deceduta mentre si trovava in riva al lago. Inutile l'intervento dei soccorritori
QUINTO
21 ore
Al doppio della velocità consentita sull'A2
Un 54enne del Locarnese è stato fermato il 10 agosto in territorio di Quinto
CANTONE
21 ore
Anche il Rally del Ticino si arrende al virus
La 23esima edizione della competizione è stata rimandata al giugno del 2021.
CANTONE
22 ore
A caccia di punti (e a tutto sport) con B2Mission
B2Mission fa muovere le aziende in tutta la Svizzera. Così si rafforza lo spirito di squadra e si promuove la salute
LOCARNO
22 ore
Polizia in Piazza per aver un «maggior dialogo con la popolazione»
La campagna itinerante permetterà agli agenti incontrare i cittadini di Locarno e quelli dei Comuni convenzionati.
CANTONE
22 ore
Tre nuovi casi di Covid-19 in Ticino
Il totale d'infezioni da inizio pandemia ha raggiunto quota 3'463. Il bilancio dei morti resta fermo a 350.
VIDEO
ONSERNONE
23 ore
Swing the World è più dolce sul Pizzo Zucchero
L'altalena di Fabio Balassi ed Elisa Cappelletti è comparsa anche in Valle Onsernone
CASTEL SAN PIETRO
1 gior
Strada chiusa per oltre cinque mesi
Via Monte Generoso, fra la piazzetta di Gorla e la zona Croce, non sarà percorribile fino a febbraio 2021
MONTEGGIO
1 gior
Assalto al portavalori: due arresti
Un italiano in manette a Chiasso, un altro in Polonia. E cinque persone indagate all'estero
CANTONE
1 gior
Rientri dai paesi a rischio: controlli più efficienti
Ora le autorità cantonali ticinesi ricevono le informazioni sui viaggiatori direttamente dal Canton Zurigo
BIBORGO
1 gior
La Val Pontirone "ostaggio" di Swisscom
Nessuna copertura di rete mobile: un'interpellanza chiede al Comune di intervenire
FOTO
LOCARNO
1 gior
«Rilanciamo l'Astrovia con un'app»
Il percorso tra la foce della Maggia e Tegna è in stato d'abbandono. Ecco le idee per rinnovarlo
BELLINZONA
1 gior
Massaggi e minacce: mobbing in ufficio
L'azienda coinvolta sarebbe molto importante. Più dipendenti si sono rivolti ai sindacati.
LUGANO
1 gior
Il Covid colpisce anche via Nassa
Bucherer licenzia, ma tutto il settore orologiero in Ticino è in difficoltà. «Mancano i clienti arabi e americani»
CANTONE
1 gior
Gobbi sorpreso dalla decisione sugli eventi: «Si parlava di fine anno»
Secondo il Presidente del Governo cantonale, la decisione porrà molte competenze e costi sulle spalle dei cantoni
LUGANO
1 gior
Rivoluzione tecnologica nel calcio, un incontro con Massimo Busacca
L'evento con l'ex fischietto e oggi capo del Dipartimento arbitrale della Fifa è previsto stasera a Lugano
CANTONE
1 gior
Pornografia fra minorenni: «A chi sgarra confischiamo il telefono»
Il fenomeno dello scambio di materiale via chat o social è in aumento. Così come le segnalazioni alla magistratura.
LUGANO
20.09.2019 - 10:520
Aggiornamento : 15:30

Lugano Airport, e se fosse una straordinaria opportunità?

Un gruppo di esperti in innovazione traccia un quadro a tinte decisamente meno fosche rispetto alle cronache più recenti: «Occorre tuttavia avere il coraggio di scelte radicali»

LUGANO - Un’analisi preliminare del SIDI (Swiss Institute for Disruptive Innovation - vedi box sotto) traccia per il futuro dell’aeroporto di Lugano un quadro a tinte assai meno cupe di quanto paventano le cronache più recenti. Per capirne di più ne abbiamo parlato con Pietro Veragouth, membro del board dell’istituto.

Signor Veragouth, le opinioni sul futuro dell’aeroporto di Lugano sono sempre avvolte da una cappa di negatività. Perché voi avete un parere diverso?
Riteniamo che, se il progetto fosse contestualizzato diversamente, avrebbe tutte le carte in regola per cogliere delle grandi opportunità nel medio e nel lungo termine. Occorre tuttavia avere il coraggio di scelte radicali, perché il futuro è molto più presente di quanto si creda.

Si spieghi meglio...
Elementi molto chiari ci fanno prevedere che tra 5-15 anni il panorama dei trasporti subirà enormi trasformazioni, sia sul piano terrestre che su quello aereo. Sul primo le prospettive sono piuttosto certe: volenti o nolenti la guida autonoma prenderà il sopravvento e, probabilmente, verrà resa obbligatoria nel momento in cui le statistiche dimostreranno concretamente che, grazie al pilota automatico, gli incidenti automobilistici, causati nella misura del 98% da fattori umani, saranno ridotti quasi a zero.

E per quanto riguarda il trasporto aereo?
In questo caso gli scenari sono ancora più sconvolgenti e dobbiamo cominciare a prenderne consapevolezza. Il trasporto personale autonomo a mezzo di droni, fino ad alcuni anni fa prerogativa dei film di fantascienza, sta per diventare realtà. Gli interessi in gioco sono enormi. Tutti i più grandi produttori di aeromobili stanno mettendo a punto i loro modelli ma anche altri colossi, realtà all’apparenza distanti dal settore, come Google, Amazon, Uber, DHL e Alibaba, hanno già da tempo sfornato i propri prototipi accumulando migliaia di ore di volo. Due anni fa ho assistito al volo inaugurale del primo taxi-drone a Dubai e alcuni Paesi, tra cui Cina e Singapore, hanno già avviato la sperimentazione su aree espressamente dedicate.

Ma queste sono rivoluzioni a livello mondiale, cos’hanno a che fare con un piccolo aeroporto come quello di Lugano?
Il principale problema nel settore dei droni, sia per quel che riguarda il trasporto di persone che di merci, non è di ordine tecnologico ma di ordine giuridico. Norme e codici evolvono in tempi assai meno rapidi rispetto all’evoluzione tecnologica. Sotto questo profilo, le inerzie della Svizzera come sistema-paese sono indubbiamente meno penalizzanti rispetto alla maggior parte dei Paesi sviluppati, e lo sono certamente meno rispetto ai Paesi che devono sottostare alle direttive europee. Questa condizione crea opportunità e potenziali vantaggi competitivi in molti settori, e senza dubbio in quello del trasporto aereo.

E qui entra in gioco Lugano... 
Esatto. L’aeroporto di Lugano, già in possesso di tutte le autorizzazioni per il volo tradizionale, con sforzi limitati, potrebbe trasformarsi un vero e proprio polo per l’innovazione dronica in quanto sarebbe in grado di offrire una palestra reale ai costruttori di tutto il mondo obbligati a rimanere a terra in attesa di autorizzazioni. Tra i vantaggi critici che potrebbe offrire il nostro aeroporto ve n’è un altro: quello, ovviamente, di possedere una pista. A differenza degli aeroplani che, grazie alla propulsione a combustibile e alla portanza data dalle ali, possono percorrere lunghe distanze, i droni odierni a decollo verticale hanno un raggio d’azione limitato. Una delle strategie per incrementarne l’autonomia è quello di decollare orizzontalmente.

Ma quanto costerebbe un progetto di questa entità?
Immaginiamo di organizzare il nostro aeroporto in modo tale che, accanto e insieme con l’attività tradizionale di trasporto,– i voli commerciali che conosciamo tutti – si sviluppi un polo di attrazione per un settore all’avanguardia, economicamente sostenuto dalle aziende che vi si vorranno insediare. Ciò permetterebbe non solo di ripartire vantaggiosamente costi fissi e di struttura, ma anche di creare attorno all’aeroporto tutta una filiera strutturata di aziende, laboratori e istituti realizzando un ecosistema in uno degli ambiti a maggior potenziale anche in una logica di lungo termine. Voglio dire che l’aeroporto di Lugano potrebbe diventare un punto di riferimento internazionale per tutto il settore generando un indotto economico e ricadute indirette di portata non indifferente.

Concretamente, come agirebbe se si trovasse nella situazione di Lugano Airport?
Non avrei dubbi, condurrei un’analisi approfondita che tenesse conto di ciò di cui si è parlato ponderando con obiettività opportunità e rischi. Alla luce dei risultati, se si confermassero come possibili le opzioni a cui ho sommariamente accennato, identificherei partner, stakeholder e finanziatori coi quali farlo ridecollare davvero.

Il SIDI (Swiss Institute for Disruptive Innovation) ha come missione quella di analizzare le innovazioni per determinare l’impatto che esse avranno sulla vita di tutti noi e sul tessuto economico delle società evolute. Un’attività complessa che deve tenere conto di molte variabili ma che è sempre più indispensabile al fine di operare scelte coerenti con l’evoluzione del mercato e della società in generale. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Raven7 10 mesi fa su tio
Nonostante il giustificato pessimismo che dilaga nei commenti credo invece ci sia bisogno delle persone che nei progetti per migliorare la vita di tutti ci credono e si mettono al lavoro per realizzarli. Invece che lamentarci tutti limitandoci a criticare dovremmo chiederci cosa possiamo fare noi cittadini in prima persona per contribuire al cambiamento.
Ade Gheiz 10 mesi fa su fb
Cifre nere da due anni. Sarebb io caso di usarli bene quei soldi
Alessandro Riboldi 10 mesi fa su fb
Deve diventare il terminal 3 di malpensa
comp61 10 mesi fa su tio
Ma ancora con questo aeroporto? Ora che arrivano i droni quanti milioni ci butteremo dentro? Poi se avessi un drone atterrerei sul tetto di casa mica ad agno!? Dai chiudiamo tutto che almeno 10 palazzi ci stanno!!!
Flavio Zana 10 mesi fa su fb
straordinaria è una parola che userei per le dimissioni del papa, per la pace nel mondo, per l’abolizione del razzismo.. per l’aeroporto di lugano.. beh dai vi tengo i pugni. (mavaff..)
Mirketto 10 mesi fa su tio
Non riescono a fare una ciclopista e volgio fare ciò??? ma per favore....Abbiamo una politica di 50 anni fà rispetto ad altre realtà in Svizzera, mai nessuno si spingerà così oltre!!! la politica in Ticino è antica.
F.Netri 10 mesi fa su tio
Mi sembra un'ottima prospettiva. Ho però seri dubbi che il tessuto socio-economico ticinese sia all'altezza per cogliere e valutare oggettivamente questa opportunità.
ziopecora 10 mesi fa su tio
Non metto in dubbio le competenze e conoscenze del signor Veragouth in molti campi, ma in quello dell'aviazione decisamente non è molto pratico. Per chiunque cerchi un luogo per sperimentazioni con velivoli, e a maggior ragione con droni, un parametro fondamentale è la scarsa densità abitativa. Sono cose che si fanno in luoghi disabitati e con molto spazio a disposizione. In zone dove il volo di altri velivoli viene vietato. Per ovvii motivi. Un agglomerato come quello di Lugano è il perfetto esempio di dove cose del genere non vanno neppure immaginate. Inoltre, seppur internet abbia ridotto le distanze, si cerca di posizionarsi non troppo distanti da dove si trova la tecnologia che serve per lo sviluppo del progetto. In questo caso laddove si concentrano la ricerca e lo sviluppo di software e hardware necessari. Nessun polo di queste competenze è presente in Svizzera, se non marginalmente presso Pilatus.
matteo2006 10 mesi fa su tio
Idea visionaria e molto interessante ora bisogna solo trovare qualcuno che metta i soldi per costruire un polo del genere in pochi anni non tra 10-15 massimo 5 così da essere attivi prima che tutti siano già in giro che auto volanti oppure come sempre in Svizzera saremo gli ultimi perchè abbiamo paura delle novità. E soprattutto chiuderlo immediatamente così da non spendere ulteriori soldi utilissimi ad un nuovo progetto. Ci ho creduto, per pochi secondi, 39 anni, non lo vedrò mai questo polo avveniristico in Ticino purtroppo.
daniele77 10 mesi fa su tio
prima o poi forse, ma non entro 5-15 anni direi piuttosto 15-30 anni. nel 2005 (4 anni fa) si era iniziato a parlare del progetto di trasporti con un drone dal civico all'italiano. è stato messo in pratica 3 anni dopo e ancora oggi ogni tanto succede qualcosa che obbliga il blocco. bus autonomi in varie città ogni tanto ne combinano qualcuna, malgrado sia qualche anno che ci sono. e tutto questo tempo per un singolo drone e una manciata di bus sperimentali. vogliamo davvero credere che tra 5-15 anni lugano sarà pieno di taxi droni volanti e che i veicoli a guida autonoma saranno obbligatori? impossibile, prima o poi lo sarà, ma come detto non sarà prima di un paio di decenni minimo. fino ad allora come teniamo in vita il paziente lugano airport?
Pulentaebrasaa 10 mesi fa su tio
@daniele77 Evviva l'aritmetica.....!
daniele77 10 mesi fa su tio
@Pulentaebrasaa vabbè, ovvio che ho sbagliato a digitare, non 2005 ma 2015....
Sonia Macchi 10 mesi fa su fb
Indipendentemente dalle idee esposte sul futuro del trasporto aereo (che possono essere più o meno valide), credo che la conclusione sia assolutamente corretta: bisognerebbe che finalmente ci sia un'analisi degna di questo nome, realizzata da esperti, sulle possibilità di tenere aperto l'aeroporto nello stato attuale o in forma diversa a quella attuale (come proposto per esempio nell'articolo). Io finora ho solo sentito un sacco di promesse e idee campate in aria. Vogliamo decidere sul futuro dell'aeroporto? Cominciamo a tirare assieme dei dati concreti. Il resto é fuffa e politica.
Ferdinando Bernasconi 10 mesi fa su fb
Gente competente, come Dario Kessel, che da parecchio tempo ha perfettamente spiegato la situazione e le sole alternative ce n'è. Ma la realtà è che con il solo volo su Zurigo -finche rimane...- un aeroporto non può rimanere aperto. Al massimo lo si declassifica come aerodromo, senza voli di linea. Come quello di Locarno. L'unica via è aggiungere altre destinazioni per altri voli di linea, che saranno sempre e comunque deficitari, considerare l'aeroporto un investimento e pagare anno dopo anno il buco che si viene a creare. E qui vi sono due problemi. Il primo è che ci vorrebbe un CdA con gente competente al posto dei politici che di aviazione non capiscono nulla. Il secondo è che non è così certo che sarebbe un investimento sensato. Ovviamente si parla di indotto di centinaia di milioni. Calcolato in modo da far invidia al Mago Otelma, mentre i valori reali rischiano di essere decisamente più modesti. Tutti temporeggiano, perché sanno perfettamente che qualsiasi decisione in questo senso, visto pure l'aumento di partecipazione del Cantone in LASA, porterebbe ad un referendum immediato. Con la quasi certezza che la maggioranza dei Ticinesi boccerebbero l'idea di usare i soldi delle proprie tasse per una cosa del genere. Quanto all'idea di sperimentare voli con droni di grosse dimensioni in un area fortemente popolata come Lugano, la possiamo passare alla sezione barzellette della settimana enigmistica.
Sonia Macchi 10 mesi fa su fb
Ferdinando Bernasconi Grazie per l'esaustiva risposta, estremamente interessante!
GI 10 mesi fa su tio
bene....di solito si usa dire che "non è mai troppo tardi" ma, visto il perdurare di questa situazione, per quale ragione si manifesta solo in vista "del decesso" ??
Equalizer 10 mesi fa su tio
Probabilmente il Signor Veragouth si dimentica di vivere nel paese dove si inventano le regole prima dei giochi, pur ammettendo la bontà della visione, questa volta è il caso di dire, come in altre situazioni futuristiche grandi più di un programma di computer, che questa non è l'America.
Pongo 10 mesi fa su tio
Dovrebbero occuparlo i molinari hahaha
Raven7 10 mesi fa su tio
Non capisco i commenti negativi. È stato chiesto un parere ad un esperto e lui ha risposto con visione assolutamente corretta. Invece di essere sempre pessimisti, anche se ci sono ottimi motivi per esserlo, sarebbe ora che qualcuno si mettesse al lavoro per trasformare le chiacchiere in realtà. Speriamo che questo "SIDI" lo faccia ma avrà sicuramente il bisogno del sostegno di tutti... se non si fa niente difficilmente le cose cambiano
bledsoe 10 mesi fa su tio
@Raven7 Forse corretta lo sarà, ma anche un bel po' esaltata. Mi ricordo bene come sul finire degli anni '90 la rivista Focus e altre che non ricordo, prevedevano che in 10-15 ci saremmo tutti spostati con i segway. Risutato: ne vedo alcuni ogni tanto negli aeroporti orientali e in pochi altri luoghi. Quando dice che fra 5-15 anni la guida autonoma prenderà il sopravvento pensa che c'è (parecchia) gente a cui piace guidare, a cui piace non sempre rispettare le regole, che è affezionata al proprio veicolo, che mai metterebbe il deretano su di un veicolo "tracciato" (stile Tesla per farla semplice), etc..
jena 10 mesi fa su tio
accanimento terapeutico per un malato terminale...
lecchino 10 mesi fa su tio
Per favore!!! Datemi il numero del suo pusher
Pulentaebrasaa 10 mesi fa su tio
@lecchino Lugano Droneport, un crocevia di collegamento tra Malcantone, Piazza Riforma and beyond..... "là, dove nessuno è mai giunto prima [cit.]" Hihihihi
KilBill65 10 mesi fa su tio
Non sanno piu' cosa inventarsi…..Pur di tenersi questo cimitero di aereoporto…..Omai morto e sepolto…..L'unico motivo di cui mi dispiace e' la sorte di chi lavora….Spero in un futuro migliore per loro!!!.....
SosPettOso 10 mesi fa su tio
Vorrei proprio vedere un "taxi-drone" che vola nelle turbolenze di un bel vento da nord... Se non si schianta prima i passeggeri lo pitturano di vomito.
seo56 10 mesi fa su tio
Megalomani
Bayron 10 mesi fa su tio
Esaltati!’n
elvicity 10 mesi fa su tio
ecco questa soluzione mi sembra straordinaria e sensata.
KilBill65 10 mesi fa su tio
@elvicity Si ma per quale saccoccia?...….
daniele77 10 mesi fa su tio
@elvicity straordinaria e sensata fra 20 anni
elvicity 10 mesi fa su tio
@KilBill65 in che senso?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 11:07:27 | 91.208.130.87