Immobili
Veicoli
Tipress (archivio)
CANTONE
09.07.2019 - 11:430
Aggiornamento : 10.07.2019 - 16:44

Processo EOC: «L’atto d’accusa non poteva essere modificato»

Lo sostiene la difesa, che parla di violazione del principio accusatorio e chiede che l’incarto sia rimandato al ministero pubblico o l’abbandono della procedura

BELLINZONA - «Dopo che è stata pronunciata la sentenza, l’atto d’accusa è immutabile». Sono le parole dell’avvocato difensore Mario Molo, che oggi in pretura penale ha aperto il processo bis per il contagio da epatite C all’Ospedale Civico di Lugano con la richiesta di rinviare l’incarto al Ministero Pubblico o di abbandonare la procedura. «Perché l’atto d’accusa non poteva essere modificato».

La sentenza di primo grado del 21 novembre 2016, che condannava l’Ente ospedaliero cantonale (EOC) a una multa di sessantamila franchi per lesioni colpose gravi, era stata successivamente annullata dalla Corte di appello e revisione penale (CARP). L’atto d’accusa era stato rimandato al pretore e quindi al procuratore pubblico, che lo aveva poi completato con la violazione della legge sanitaria, «sulla quale era stata fondata la condanna» ha detto il difensore, aggiungendo: «Il rinvio dell’atto d’accusa per imprecisioni nella descrizione dei fatti non è accettabile, viola il principio accusatorio».

Non ci sta il procuratore pubblico Moreno Capella, che ha ereditato l’incarto dall’allora procuratore generale John Noseda: «Il pretore - ha replicato - ha rimandato l’atto d’accusa al Ministero Pubblico chiedendo, conformemente alle disposizioni della CARP, di modificarlo o completarlo». Quindi: «Evidentemente questo significa aggiungere elementi che mancano, ma che sono evincibili dagli atti del procedimento. Ed è questo che è stato fatto».

La difesa ha anche parlato di prescrizione (i fatti risalgono al 19 dicembre del 2013), sostenendo che il procedimento riguarda una contravvenzione. E che la decisione della CARP «non arresta il decorso della prescrizione». Per il procuratore Capella, invece, «sostenere che il reato corrisponda alle norme della contravvenzione, mi sembra un eccesso».

La questione è ora nelle mani del giudice Siro Quadri che alle 14 si pronuncerà sulle questioni pregiudiziali avanzate dalla difesa.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-25 11:54:21 | 91.208.130.85