Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
BELLINZONA
8 min
Greina è tornata in libertà
La coturnice era stata trovata intontita, sottopeso e scoordinata nei movimenti. Ma la SPAB l'ha rimessa in sesto
CANTONE
46 min
Salario minimo, sono 24 gli emendamenti dell’Mps
Proposto un salario orario lordo tra 24 e 24.50 franchi, perché «3'200 franchi non consentono una vita dignitosa»
CANTONE/SVIZZERA
2 ore
La solidarietà colpisce ancora
In due giorni Telethon ha raccolto 2,1 milioni di franchi
CHIASSO
15 ore
Un corteo contro le frontiere che uccidono
Dal Palapenz fino alla dogana, diversi giovani hanno voluto dire basta a un modello di società «sempre più spietato, disumano e schiavista»
CANTONE
16 ore
Rosso di sera... bel tempo si avvera
Le prossime giornate saranno contraddistinte da cieli generalmente sereni. In montagna ci sarà qualche nuvola in più e non mancherà il vento
CANTONE
18 ore
Per le Comunali nasce "TIResidenti. Il Movimento"
L'obiettivo del fondatore Stefano Introzzi è risolvere all'interno delle istituzioni i problemi «con soluzioni concrete e senza la propaganda che accomuna gli altri partiti politici»
MENDRISIO
19 ore
Processioni storiche, la prossima è la settimana decisiva
In Colombia verranno valutate le candidature per entrare a far parte del Patrimonio immateriale dell'Unesco. Due quelle che provengono dalla Svizzera
LUGANO
19 ore
«Lo stabile ARL passi in mani pubbliche»
A chiederlo è l'Associazione cittadini per il territorio di Viganello: «È un luogo storico, da proteggere»
POSCHIAVO (GR)
21 ore
Rubò orologi, fermato quattro mesi dopo
Il 35enne romeno è stato fermato dalle Guardie di confine a Castasegna
FOTO
MESOCCO (GR)
23 ore
In galleria uno scontro frontale
A causa del violento impatto, un'auto con targhe ticinesi si è rovesciata sul tetto
FOTO
RIVIERA
23 ore
Va a fuoco una ruota dell'auto
Le fiamme sono state spente dai poliziotti con un estintore
MESOCCO (GR)
1 gior
Incidente in galleria, disagi sull'A13
Il tunnel è stato chiuso in entrambe le direzioni. Gli automobilisti sono invitati a seguire la deviazione
LUGANO
1 gior
C’è un nuovo Movimento in città
Due ex Ppd alla base: Domenico Barletta presidente, Giovanni Albertini vice
FOTO E VIDEO
ACQUAROSSA
1 gior
Schianto a Motto, lo salva il guardrail
Ha rischiato tantissimo l'automobilista protagonista dell'incidente avvenuto in Valle di Blenio: se la protezione avesse ceduto, il suo veicolo sarebbe precipitato nel fiume Brenno
FOTO E VIDEO
TESSERETE
1 gior
Esce di casa e precipita in un burrone, ferito un anziano
L'uomo è stato recuperato dell'Unità di Intervento Tecnico dei pompieri di Lugano
CANTONE
1 gior
«Altri soldi per il Pardo? Solo risparmiando in altri settori culturali»
La Lega dei Ticinesi pone le proprie condizioni per appoggiare la richiesta di aumento del contributo cantonale decisa dal Consiglio di Stato
CANTONE
07.06.2019 - 07:290
Aggiornamento : 12.06.2019 - 11:37

Martignoni si dimette da giudice. Critico sul non uso dei supplenti

L’avvocato lascia la carica dopo un anno e punta il dito sul suo «impiego assai limitato». I numeri parlano da soli, conferma un altro magistrato. Ecco la classifica di chi fa più processi

BELLINZONA - Colpo di scena del giudice supplente Brenno Martignoni. Se ne va. Non sbattendo, ma comunque chiudendo con un certo clamore la porta. La decisione, come spiega nella lettera recapitata ieri all’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio, è «sostanzialmente da ricondurre ad un impiego, su chiamata, assai limitato, rispetto invece alla preclusione assoluta dell’attività forense nel campo della giustizia penale». Detto altrimenti, l’avvocato critica le poche convocazioni ai processi. Scarse per rapporto all’obbligo, per chi ricopre la carica, di non poter esercitare in parallelo la professione di difensore in ambito penale.

A latere… anzi in panchina - Il suo è un abbandono che ridesta recenti mal di pancia su un utilizzo abbastanza nebuloso dei magistrati supplenti. E fornisce argomenti a chi parla di un sottoimpiego di questa figura, il giudice a latere, che affianca il presidente nei processi alle Assise criminali. Una figura che consentirebbe, forse, di amministrare la Giustizia in tempi più ragionevoli. Anche perché, come evidenziato lo scorso novembre dalla Commissione della legislazione, «un giudice supplente può, di fatto, svolgere tutte le attività attribuite al magistrato ordinario». Senonché, come lascia intendere Martignoni nella sua lettera, è breve il passo tra l’essere impiegato “a latere” e il restare per mesi in panchina. Uno spreco di risorse, insomma.

Chi ne fa 9 e chi 1 - Le statistiche confermano la tesi di Martignoni? «I numeri parlano da soli» si limita a dire un altro giudice, che non vuol essere citato. E allora questi numeri li abbiamo chiesti allo stesso Tribunale penale cantonale. Una richiesta che, ci è stato detto, non può essere subito evasa. Gli aggiornamenti dei processi scaricabili dal sito del Cantone permettono tuttavia di ottenere una parziale, riguarda i primi sei mesi dell’anno, classifica dei giudici supplenti più utilizzati. In testa, ma è un discorso a parte, c’è Manuela Frequin Taminelli che il governo lo scorso agosto ha promosso a giudice effettivo (da qui l’alta vigilanza chiesta sulla “promozione” di Frequin Taminelli da parte del deputato Matteo Pronzini, che conferma la sua critica: «È stata una forzatura del Consiglio di Stato, avrebbero potuto utilizzare i giudici supplenti senza procedere a quella designazione»). Da gennaio a oggi Taminelli ha presieduto 12 processi. Seguono, però solo impiegati come giudici a latere, Renata Loss Campana (9), Aurelio Facchi (7), Manuel Borla (6), Fabrizio Filippo Monaci (6), Luca Zorzi (5), Brenno Martignoni Polti (4), Carlo Luigi Caimi (1).

Una figura centrale - Basterebbero i numeri pubblicati per mostrare la mancanza di una parità di trattamento e la disparità potrebbe essere maggiore allargando la statistica agli anni passati (prima che il “caso” Taminelli spingesse ad un certo equilibrio ancor oggi lontano dall'essere raggiunto). Perché la faccenda va un po’ oltre il gettone di presenza (800 franchi per giornata intera) e investe anche l’essenza della Giustizia stessa. «Nelle cronache giornalistiche dei processi esiste solo il presidente. Si pensa che il giudice a latere non serva a niente, e invece in una corte criminale composta da tre giudici le maggioranze le fanno i supplenti» ricorda un addetto ai lavori. Ecco perché la loro scelta non è mai neutrale.

Commenti
 
anndo76 6 mesi fa su tio
finche' vengono nominati dai partiti politici.....
Gus 6 mesi fa su tio
Ho l'impressione che anche con gli assessori giurati vi siano preferenze. Chi ( di regola povenienti dalle valli) fa un processo ogni due anni e chi (di regola sottocenerini) ne fa molti di più. Anche la Giustizia sembra luganocentrica.
Mac67 6 mesi fa su tio
@Gus I giudici andrebbero scelti in base a competenze, non al partito, come nel resto del mondo. Concorso i migliori diventano giudici. Da alcune sentenze lette... i giudici nostrani, non brillano per preparazione, cultura generale e buon senso. Poi ci sono i buonisti che per reati gravi hanno la penna leggera e per reati minori pesante. Sistema totalmente da riformare e svincolare dai partiti, non dovrebbe essere un principio costituzionale, la divisione dei poteri? Ma se sei assunto in base ad un partito... che indipendenza avrai?
Mr. Freeze 6 mesi fa su tio
Er compagno scompagno Un Gatto, che faceva er socialista solo a lo scopo d'arivà in un posto, se stava lavoranno un pollo arosto ne la cucina d'un capitalista. Quanno da un finestrino su per aria s'affacciò un antro Gatto: - Amico mio, pensa - je disse - che ce so' pur'io ch'appartengo a la classe proletaria! Io che conosco bene l'idee tue so' certo che quer pollo che te magni, se vengo giù, sarà diviso in due: mezzo a te, mezzo a me... Semo compagni! - No, no: - rispose er Gatto senza core io nun divido gnente co' nessuno: fo er socialista quanno sto a diggiuno, ma quanno magno so' conservatore!
Alessio Nesurini 6 mesi fa su fb
Manie di protagonismo
Nmemo 6 mesi fa su tio
Martignoni si è "messo di traverso ai grandi" in diverse occasioni rivestendo cariche politiche istituzionali, con il senno di poi, a ragione. Stavolta fa uscire dalle "segrete camere della Giustizia" quello che tutti gli addetti ai lavori sanno, ma per convenzione o convenienza, non divulgano.
albertolupo 6 mesi fa su tio
@Nmemo Che si sia messo di traverso nessun dubbio, se a ragione, ho qualche problema in più a sottoscriverlo. In questo caso direi che almeno tutti i torti non ha, ma di sicuro tanto di quello che fa il buon Brenno lo fa per la boria personale (quando uno si mette a litigare anche per fare il Rè del carnevale, direi che cadono tutti i dubbi…).
Nmemo 6 mesi fa su tio
@albertolupo In particolare alludevo alla sua posizione contro la proposta, PLR e contorno, di alienare l'allora azienda elettrica comunale.
Fufabi 6 mesi fa su tio
Legge e giustizia
tip75 6 mesi fa su tio
beh viva il Ticino....d'altronde legge e politica dovrebbe essere due organi ben separati invece...baciamo le mani
anndo76 6 mesi fa su tio
@tip75 si, poi parlano di mafia....ahahahah ridicoli
Valerio Castellani 6 mesi fa su fb
La solita roda almeno uno con gli attributi stem a vedee 👀⏰⏰⏰⚒⚒⚒⚒🐺
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-08 11:05:38 | 91.208.130.89