ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
24 min
Passaggio di poteri al Rotary Club Lugano
LUGANO
35 min
«Spariscono i parcheggi per disabili e l’accesso al centro e al lago è tabù»
BELLINZONA
11 ore
Fa la barista per ricordare l’amica morta
CONFINE
11 ore
Si ferma a soccorrere un capriolo e viene investito
CANTONE
12 ore
Mobilità, il Gran Consiglio pigia sull’acceleratore
LUGANO
12 ore
Via alla Roggia sarà dedicata ai Padri Redentoristi
CANTONE
13 ore
Legge sui fiduciari, Quadranti interroga (ancora) il Governo
BELLINZONA
13 ore
Ecco gli asilanti in sciopero della fame
ASCONA
14 ore
"Incidente" fotografico a JazzAscona
LUGANO
15 ore
Posata la prima pietra dell'asilo di Molino Nuovo
CANTONE
15 ore
Co-working Verzasca e Piano: il progetto è realtà
ASCONA
15 ore
Tutti i diplomati del Collegio Papio
CANTONE
16 ore
Ben 350mila franchi per la TI 7851. Ma è un errore
CANTONE
18 ore
In moto con la Polizia. Per sicurezza
CANTONE
19 ore
FFS: Tratta sbarrata tra Cadenazzo e Locarno
BREGANZONA
15.04.2019 - 14:080
Aggiornamento : 16:04

«Lasciateci sposare, non saremo una coppia di mantenuti»

Il dramma di Mariella e del suo compagno Naveed, che rischia di essere espulso dalla Svizzera. Da tempo lui sostiene che in Pakistan, sua terra d’origine, i talebani lo vogliano uccidere

BREGANZONA – In Pakistan, sua terra d’origine, i talebani lo vorrebbero uccidere. Come già hanno fatto con suo zio e suo cugino. Storia di Naveed, 25enne che vive a Breganzona e con un passato da militare. Da tre anni Naveed è in Svizzera. Ed è innamorato di Mariella, ragazza di 28 anni dal doppio passaporto, elvetico e italiano. I due si vogliono sposare. Ma dal Cantone fino a pochi giorni fa era stato emanato un veto ben preciso. «Siccome io sono parzialmente in assistenza – spiega Mariella –, temono che si crei una coppia di mantenuti. Ma lo giuro, non accadrebbe».

Una lunga serie di “no” – Della vicenda di Naveed, Tio/20 minuti si era già occupato lo scorso mese di agosto. Il giovane pakistano aveva raccontato la fuga dal suo Paese, dopo l’imboscata e le minacce dei talebani. E ci aveva elencato tutti i “no” incassati dalla Confederazione, che proprio non lo vuole vedere su suolo elvetico. La sua compagna aveva anche aperto una pagina Facebook intitolata “Uniti contro i rimpatri”.

Una quotidianità disperata – Nel frattempo le porte sbattute in faccia a Naveed sono aumentate. E la situazione è decisamente precipitata. Qualsiasi suo ricorso è stato rifiutato. «La polizia – dice in lacrime Mariella – potrebbe fermarlo da un momento all’altro. E farlo rimpatriare. Siamo disperati. Viviamo perennemente nell’ansia. Io mi sto dannando l’anima per lavorare nel settore del benessere. Sto cercando di uscire dall’assistenza. A Naveed, invece, alcuni amici sono pronti a offrire un lavoro nella ristorazione».

Arriva una buona notizia – Finalmente ora sembra essere arrivata una buona notizia per la coppia. «Dall’Ufficio cantonale della migrazione è arrivato un documento che, probabilmente, ci permetterà di sposarci». Il condizionale, per adesso, resta d’obbligo. «Avendo anche la cittadinanza italiana, dopo il matrimonio io sarei anche disposta a fare il sacrificio di lasciare la Svizzera e di trasferirmi in Italia. Se qui diamo “fastidio”, ce ne andiamo. Ma prima dobbiamo sposarci in Svizzera. Altrimenti Naveed, che non ha i documenti necessari neanche per stare in Italia, non potrebbe comunque seguirmi».

10 mesi fa Giovane pakistano disperato: «Se torno a casa, mi uccidono»
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-25 06:35:30 | 91.208.130.86