Sisa
+ 7
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
5 ore
Congedo paternità, libertà di adesione per i membri dell'Udc
Il comitato cantonale dei democentristi si è riunito oggi per la prima volta dopo il successo delle elezioni federali
CANTONE
7 ore
«Dobbiamo aggiornare la cartina», ma attenzione... è un contratto
Torna la modalità di vendita telefonica scorretta che ti fa sottoscrivere un servizio in abbonamento senza che te ne renda conto
CANTONE
7 ore
Mortale di Sigirino, per l'accusa è omicidio intenzionale
L'uomo che provocò il decesso di uno scooterista 36enne comparirà davanti alle Assise criminali
CANTONE
10 ore
Promuovere la comprensione reciproca e la pace
I ragazzi della scuola Sant’Anna di Lugano hanno preso parte al concorso promosso dal Lions Club Lugano
GAMBAROGNO
10 ore
Casa per anziani Cinque Fonti: dopo tre mesi via il direttore
Bocche cucite sulle ragioni della scelta. L'uomo avrebbe ricevuto una disdetta ordinaria. Alla base dovrebbe esserci una nuova strategia
CANTONE
10 ore
Controlli della velocità in cinque distretti
La prossima settimana i distretti di Blenio, Riviera e Vallemaggia saranno risparmiati da radar
LUGANO
10 ore
Sussidio di centomila franchi per San Giorgio che si sgretola
Il Municipio è pronto ad aiutare finanziariamente il Consiglio parrocchiale di Castagnola, ma traccia anche una radiografia preoccupante sullo stato dell’edificio sacro
CANTONE
10 ore
Non chiamateli "vecchi", ora c'è un sito Internet a loro dedicato
Lanciato questa settimana www.65piu.ch. Il fondatore: «Enti e associazioni riuniti su un'unica piattaforma per aiutare over65 e familiari»
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
Patricia Danzi nuova direttrice dello sviluppo e della cooperazione
È stata nominata oggi dal Consiglio federale al posto di Manuel Sager. Cassis: «Si è dimostrata la candidata migliore al termine di un lungo percorso di selezione»
Attualità
12 ore
In diretta giorno e notte per i bambini in difficoltà
Anche quest'anno Radio Ticino partecipa alla raccolta benefica Ogni Centesimo Conta, e per l'occasione lavorerà 24 ore su 24
CANTONE / BERNA
12 ore
Negozi: in un anno sono 72 in meno
Commercio al dettaglio in fase di contrazione. In Ticino il dato era in controtendenza, ma non quest'anno
CANTONE
07.11.2018 - 15:540

Gli studenti insorgono: «Basta con la precarietà negli studi»

Oggi in tutto il Cantone si è tenuta un'azione di protesta promossa dal Sindacato Indipendente Studenti e Apprendisti

LUGANO - In vari istituti scolastici ticinesi, studentesse e studenti hanno manifestato oggi in difesa del diritto allo studio. Numerosi studenti hanno esposto degli striscioni, rivendicando la fine dei tagli al sistema di aiuto allo studio e perorandone il rafforzamento.

Il SISA (Sindacato Indipendente Studenti e Apprendisti) ha promosso i presidi di protesta, i quali sono avvenuti nell’ambito della “Giornata d’azione sulla precarizzazione nella formazione”. Un tema d'attualità, come confermano le conclusioni di un recente studio dell’Ufficio federale di statistica, secondo il quale ben il 23% degli studenti svizzeri valuta negativamente il proprio stato di salute (a fronte del 6% della popolazione totale della stessa fascia d’età). Una situazione, quest’ultima, che sarebbe direttamente collegata alle privazioni materiali che spesso caratterizzano la vita studentesca e all’esercizio di un’attività lavorativa à côté del percorso formativo (onere che in Svizzera riguarda ben 3 studenti universitari su 4).

A difesa del diritto allo studio - Già nell’aprile di quest’anno il SISA aveva consegnato oltre 2200 firme a sostegno della petizione "Per un rafforzamento delle borse di studio", di cui gli studenti attendono con ansia la discussione in Parlamento. Questa petizione richiedeva l’annullamento delle precedenti e nocive misure di risparmio, nonché un ampliamento delle misure a garanzia dell’accesso agli studi superiori per gli studenti di tutte le origini sociali.

Con la ripresa della scuola diverse assemblee studentesche - quelle dei licei cantonali di Lugano 2, Mendrisio e Locarno, così come quelle del Centro Scolastico per le Industrie Artistiche (CSIA) e della Scuola Cantonale di Commercio (SCC) di Bellinzona - si sono espresse in difesa del diritto allo studio, richiedendo al GC di dare seguito alla stessa petizione, votando una risoluzione presentata dal sindacato. Il messaggio è chiaro e perentorio da parte della maggioranza del corpo studentesco ticinese: «La petizione del SISA è valida e dev’essere accolta».

«Se il Parlamento pensa di ignorarci, si sbaglia» - Gli studenti e le studentesse attendono dunque che il tema sia discusso dal Parlamento, non capacitandosi dell’assenza del tema nell’ordine del giorno della seduta in attualmente in corso: «Se alcuni membri della Commissione scolastica, la quale dovrebbe aver già concluso da tempo i propri lavori e consegnato i rispettivi rapporti, ritengono di potere ignorare le richieste degli studenti - senza suscitare clamore e trattando il tema a margine dei lavori sul preventivo 2019 - si sbagliano», rilava il SISA.

Sisa
Guarda tutte le 11 immagini
Commenti
 
sedelin 1 anno fa su tio
cosa ne sai tu di quanto guadagno io, se faccio o non faccio beneficenza? ecco, allora stai zitto una buona volta e, soprattutto, studia.
sedelin 1 anno fa su tio
@sedelin RISPOSTA a MATTIATR! (TIO, possibile che ogni volta il post viene diretto altrove?)
Mattiatr 1 anno fa su tio
@sedelin A me non frega niente di quello che fai e di quello che guadagni. Quello che ho semplicemente voluto dire è: Visto che non ti faresti problemi a levare i soldi senza criterio ad altra gente per il semplice fatto che ne ha di più, sei anche disposto a farlo sulla tua pelle? Lo farai dopo sto commento o continuerai a pretendere che le altre persone facciano cose che (forse) nemmeno tu sei disposto a fare?
sedelin 1 anno fa su tio
@Mattiatr per una questione di coerenza faccio SEMPRE ciò che auspico anche altri facciano!
samarcanda 1 anno fa su tio
Salario per tutti gli studenti. Poveri o ricchi che siano. La loro formazione ci arricchirà, ma devono poter compiere il mestiere più stressante e difficile del mondo: studiare.
sedelin 1 anno fa su tio
diventa sempre più dura per tutti, fuorchè per i vari ceo, amministratori, calciatori e..."ladri". qualcuno dice che siamo in troppi, io dico che ci sono troppi miliardari che con qualche franchetto, poca cosa per loro, potrebbero risollevare la sorte della plebe.
Mattiatr 1 anno fa su tio
@sedelin I miliardari, esattamente come te, hanno tutto il diritto di spendere i loro soldi come vogliono.¶ Hai uno stipendio assurdo rispetto ad altre nazioni, se tu andassi da loro saresti ricco, hai già donato cifre a due zeri? In rapporto a quello che guadagni in un anno 3/400 franchi sono poca roba no? Te li hai già donati in beneficenza? La mia docente di italiano fa i tuoi stessi discorsi ma non ha mai donato soldi ai poveri, troppo facile muovere la bocca ma un po' meno muovere il borsino.
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-14 03:19:42 | 91.208.130.86