Fotolia
LUGANO
10.08.2018 - 09:040
Aggiornamento 13:02

Ottanta sfumature di rosso: le bottiglie dell’ex candidato all’asta

Il debitore è la Viva Transfer, una società finanziaria accusata dagli inquirenti italiani di essere una «lavanderia di soldi sporchi»

LUGANO - È alla fine di tutto… resta il vino. È un curioso messaggio subliminale a favore del settore vitivinicolo cantonale quello che lancia la bacheca online delle aste fallimentari. Il prossimo 20 agosto - i cultori di Bacco prendano nota - presso la sede della Viva Transfer Sa, società escussa di via Lambertenghi, verrà messa all’incanto una «partita di bottiglie» di Merlot del Ticino “Tripudio 2010”.

Un rosso, come in rosso risulta essere questa società finanziaria che, nel 2015, è finita al centro di un’indagine anti-mafia della magistratura italiana relativa a un gigantesco traffico di cocaina, più di una tonnellata, dal Sudamerica all’Italia. Gli inquirenti, come riferisce un articolo de L’Espresso dello scorso anno, additavano Viva Transfer come una «lavanderia di soldi sporchi». Sulla vicenda, in un’intervista alla tv, si era espresso anche il procuratore aggiunto Michele Prestipino, del Tribunale di Roma, definendola «un caso esemplare di riciclaggio internazionale di denaro mafioso». Mentre il procedimento risulta ancora in corso, l’amministratore unico della Viva Transfer, Raffaele Tognacca respinge ogni addebito, dicendosi estraneo alle accuse che gli vengono mosse.

È lo stesso Tognacca che nel 2010 era stato costretto repentinamente a ritirarsi da candidato del Plrt nella corsa al governo, dopo che il suo nome era finito in un’altra inchiesta per una presunta truffa del gas ai danni del Gruppo Erg. All’interno della «principale compagnia petrolifera italiana» - come scrive lui stesso sul proprio sito - era stato «responsabile per un periodo di 3 anni della produzione termoelettrica, del business del gas e delle strategie per l’energia rinnovabile». Anche questa inchiesta risulta tuttora pendente e anche in questo caso Tognacca si dichiara estraneo.

Prima delle 80 bottiglie di Merlot, lo scorso maggio l’Ufficio esecuzioni di Lugano aveva messo all’asta un motoscafo, di proprietà dell’ex candidato Plrt, ancorato (il natante) al pontile di Barbengo. Difficoltà ticinesi, di cui non si trova tuttavia riscontro nel sito professionale, dove l’ingegnere continua a prestare la propria consulenza, tra energie rinnovabili e sviluppo di attività nel mercato sudamericano.

Tags
transfer
candidato
bottiglie
viva
rosso
viva transfer
asta
tognacca
ex candidato
società
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -  Cookie e pubblicità online  -  Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-08-15 18:54:11 | 91.208.130.86