TiPress
+4
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
5 ore
«La TV "sfrutta" le donne? Preoccupatevi dei social»
Luca Tiraboschi, ex direttore di Italia 1, ospite di Piazza Ticino. Guarda la video intervista. 
CANTONE
7 ore
«Non sapendo chi è vaccinato dobbiamo indossarla ancora»
Negli Stati Uniti gli immunizzati possono nuovamente circolare a viso scoperto. Il tema sta tenendo banco.
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Fiducia riconfermata a Massimo Suter
Durante la 130esima assemblea il ticinese è stato brillantemente rieletto alla vice-presidenza di GastroSuisse.
FOTO
MASSAGNO
9 ore
Prima seduta per il nuovo Legislativo di Massagno
Nella serata di ieri i neo-eletti Consiglieri comunali hanno sottoscritto la dichiarazione di fedeltà alla Costituzione.
FOTO
BELLINZONA
10 ore
Una panchina anti Covid fatta... ad arte
Si tratta del progetto “Point of View” di Patrizia Pfenninger presentato oggi davanti alla stazione FFS di Bellinzona
LOCARNO
11 ore
Soppressa per un giorno la fermata di Piazza Castello
I passeggeri dovranno usufruire delle fermate vicine da giovedì alle 19 a venerdì alle 5 a causa di un cantiere.
MUZZANO
11 ore
Posa di asfalto fonoassorbente
Il cantiere notturno è previsto lungo via Piodella dal 25 maggio al 19 giugno
CANTONE
11 ore
La Scuola che verrà... secondo l'Udc
I democentristi presentano cinque decreti legislativi per rinnovare la scuola dell'obbligo
CANTONE
13 ore
Delitto alla pensione La Santa: chiesti diciassette anni
Si è aperto questa mattina il processo nei confronti dell'austriaco accusato di assassinio
LOCARNO
07.02.2018 - 12:020
Aggiornamento : 14:06

Scoprire l'ospedale grazie a un peluche

Da martedì a venerdì La Carità ospita il progetto Teddy Bear Hospital. Gli studenti ticinesi di medicina accolgono i bambini dai 3 ai 5 anni con i loro amici di stoffa bisognosi di cure

LOCARNO - Aiutare i bambini ad affrontare la paura dell’ospedale, facendogli vestire i panni del genitore. È questo l’obiettivo che si pone il progetto Teddy Bear Hospital, ospitato da martedì a venerdì presso l’ospedale La Carità di Locarno. Ai bambini delle classi dell’asilo viene chiesto di portare con sé un peluche che viene preso in carico all’interno della struttura da un team di studenti ticinesi di Medicina, che eseguono diagnosi e trattamento sul pupazzo.

«Vengono accolti nella sala d’aspetto - ci spiega Fabio Moretti, responsabile del progetto, al quarto anno di Medicina presso l’Università di Berna -. Viene poi eseguita l’anamnesi, dove il bambino ci presenta il suo pupazzo e ci dice qual è il problema. Solitamente è caduto, si è rotto una gamba, ha mal di pancia o ha la tosse». All'interno dell'ospedale è stata allestita una sala radiografie e una sala gessi per peluche. «Ad alcuni viene eseguita una piccola operazione o, se sono rotti, vengono ricuciti».

Un successo anche in Ticino - È il secondo anno che il progetto Teddy Bear Hospital viene ospitato in Ticino, mentre in Svizzera è già una realtà da più tempo. Lo scorso anno si è tenuto per due giorni presso l’ospedale San Giovanni di Bellinzona, mentre quest’anno sull’arco di quattro giorni ospiterà circa 350 bambini.

Questo pomeriggio anche le mamme avranno la possibilità di portare i loro bambini, fuori dagli orari dell’asilo. Il prossimo anno il progetto intende spostarsi nel Sottoceneri.

Un gioco educativo - «Ci sono bambini entusiasti, che ci raccontano i problemi del peluche. Altri sono più timidi e timorosi. Già in sala d’aspetto cerchiamo di metterli a loro agio - continua Fabio Moretti -. È presentato tutto come un gioco. Alla postazione farmacia somministriamo dei medicamenti al peluche, spiegando al bambino che servono per stare meglio e che vanno presi solo in presenza del medico o di un genitore».

Alcuni bambini conoscono già la realtà ospedaliera, perché affetti da una malattia o a causa di un genitore che soffre di problemi di salute. Per questo motivo è previsto un formulario che viene mandato in anticipo alle scuole dell’infanzia, in cui possono essere segnalati “casi particolari”. I volontari di Teddy Bear Hospital sono informati in anticipo, «ma ne parliamo con il bambino solo se è lui ad affrontare l’argomento e volerne discutere».

A contatto con i bambini - Per gli studenti di Medicina «è un’esperienza arricchente più dal punto di vista umano, che non dal punto di vista lavorativo - conclude Moretti -. Ma è un progetto molto bello, in cui crediamo, che aiuta noi e insegna ai bambini a non temere l’ambiente sanitario».

TiPress
Guarda tutte le 8 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-19 02:20:08 | 91.208.130.85