TiPress
+4
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 min
Sostegno a più di 130 imprese culturali
È scaduto il 20 settembre il termine delle richieste d'aiuto per uno dei settori più pesantemente toccato dalla pandemia
CANTONE
55 min
50 nuovi ingegneri SUPSI
Assegnato a Ivan Gasparini il premio Argor-Heraeus per il miglior lavoro di tesi sul tema della sostenibilità ambientale
BELLINZONA
1 ora
Olio ovunque: "colpa" del camioncino del Comune
Doveva pulire la strada. Ma è finito a fare il contrario. Vie della capitale imbrattate.
CANTONE
1 ora
Tre nuove infezioni e un nuovo dimesso nel weekend
Dall'inizio dell'emergenza, i casi positivi registrati nel nostro cantone salgono a 3'637. I decessi restano 350
CANTONE
2 ore
«Dopo il Covid, spirito di sacrificio e professionalità non bastano più »
Le richieste degli operatori sociosanitari attraverso il Sindacato VPOD, dal 26 al 31 ottobre ci sarà una mobilitazione
CANTONE
5 ore
«Parrucchieri, basta scuse: mettete la mascherina»
La mancata obbligatorietà creerebbe confusione. Davide Bianco, presidente di categoria: «Questa è resistenza».
LOCARNO
6 ore
La rivoluzione di Radio Ticino: news 7 giorni su 7
Rafforzata la presenza sul territorio per raccontare la realtà della Svizzera italiana
CANTONE
15 ore
Quadri: «Tutti ci hanno remato contro»
Per il consigliere nazionale leghista l'esito della votazione sull'iniziativa UDC era scontata.
CANTONE
19 ore
Chi piange 🙁 e chi ride 😊 per l’iniziativa per la limitazione
Perdenti e vincitori a confronto sull’immigrazione moderata
LOCARNO
07.02.2018 - 12:020
Aggiornamento : 14:06

Scoprire l'ospedale grazie a un peluche

Da martedì a venerdì La Carità ospita il progetto Teddy Bear Hospital. Gli studenti ticinesi di medicina accolgono i bambini dai 3 ai 5 anni con i loro amici di stoffa bisognosi di cure

LOCARNO - Aiutare i bambini ad affrontare la paura dell’ospedale, facendogli vestire i panni del genitore. È questo l’obiettivo che si pone il progetto Teddy Bear Hospital, ospitato da martedì a venerdì presso l’ospedale La Carità di Locarno. Ai bambini delle classi dell’asilo viene chiesto di portare con sé un peluche che viene preso in carico all’interno della struttura da un team di studenti ticinesi di Medicina, che eseguono diagnosi e trattamento sul pupazzo.

«Vengono accolti nella sala d’aspetto - ci spiega Fabio Moretti, responsabile del progetto, al quarto anno di Medicina presso l’Università di Berna -. Viene poi eseguita l’anamnesi, dove il bambino ci presenta il suo pupazzo e ci dice qual è il problema. Solitamente è caduto, si è rotto una gamba, ha mal di pancia o ha la tosse». All'interno dell'ospedale è stata allestita una sala radiografie e una sala gessi per peluche. «Ad alcuni viene eseguita una piccola operazione o, se sono rotti, vengono ricuciti».

Un successo anche in Ticino - È il secondo anno che il progetto Teddy Bear Hospital viene ospitato in Ticino, mentre in Svizzera è già una realtà da più tempo. Lo scorso anno si è tenuto per due giorni presso l’ospedale San Giovanni di Bellinzona, mentre quest’anno sull’arco di quattro giorni ospiterà circa 350 bambini.

Questo pomeriggio anche le mamme avranno la possibilità di portare i loro bambini, fuori dagli orari dell’asilo. Il prossimo anno il progetto intende spostarsi nel Sottoceneri.

Un gioco educativo - «Ci sono bambini entusiasti, che ci raccontano i problemi del peluche. Altri sono più timidi e timorosi. Già in sala d’aspetto cerchiamo di metterli a loro agio - continua Fabio Moretti -. È presentato tutto come un gioco. Alla postazione farmacia somministriamo dei medicamenti al peluche, spiegando al bambino che servono per stare meglio e che vanno presi solo in presenza del medico o di un genitore».

Alcuni bambini conoscono già la realtà ospedaliera, perché affetti da una malattia o a causa di un genitore che soffre di problemi di salute. Per questo motivo è previsto un formulario che viene mandato in anticipo alle scuole dell’infanzia, in cui possono essere segnalati “casi particolari”. I volontari di Teddy Bear Hospital sono informati in anticipo, «ma ne parliamo con il bambino solo se è lui ad affrontare l’argomento e volerne discutere».

A contatto con i bambini - Per gli studenti di Medicina «è un’esperienza arricchente più dal punto di vista umano, che non dal punto di vista lavorativo - conclude Moretti -. Ma è un progetto molto bello, in cui crediamo, che aiuta noi e insegna ai bambini a non temere l’ambiente sanitario».

TiPress
Guarda tutte le 8 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Russo Barbalonga 2 anni fa su fb
Bella esperienza!!!?

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-28 12:03:56 | 91.208.130.85