foto Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
5 min
Architetto in "provincia" di Lugano, a mille euro al mese
CANTONE
14 min
Nuovi corsi per migranti con ACLI Servizi Ticino
CANTONE
19 min
Cantine aperte, c'è anche Mezzana
CANTONE
48 min
«Non avevo colto la gravità della situazione»
CANTONE
58 min
Autopostale, più corse in Verzasca e Onsernone
GAMBAROGNO
1 ora
Vandalismi e minacce di morte: due arresti
CANTONE
1 ora
Maestro di Arbedo, direttore a processo per favoreggiamento
LUGANO
1 ora
Ciclisti attenzione, il marciapiede non è per tutti
CANTONE
1 ora
Studi sulla Fashion Valley: «Evitiamo un altro flop»
CANTONE
2 ore
Piangono i lidi, non gli alberghi, mentre il meteo si promuove
CANTONE
3 ore
L'incubo di Sergio Devecchi dentro gli istituti per minori
CANTONE
3 ore
«Macchinisti stranieri ubriachi, quali sono i controlli?»
MORBIO INFERIORE
5 ore
È scomparsa Anastasia Kuebler
CANTONE
5 ore
«Mio figlio quasi si ammazza cadendo da quel ponte sospeso»
CANTONE
5 ore
Se una buona azione passa dal cibo
CANTONE
12.04.2016 - 08:160
Aggiornamento : 11:16

Plagio, il professore nei guai: «Sono distrutto»

Parla il docente dell'Usi sotto accusa. L'inchiesta partita su segnalazione di un collega americano

LUGANO - «Sono io, sì». È un professore tra i tanti, all'uscita di una lezione fra tante, nella facoltà di Scienze della comunicazione. Sullo sfondo, la bufera sollevata dall'inchiesta per plagio aperta nei giorni scorsi dall'Usi. Il nome del docente sotto accusa - avrebbe copiato passi di alcuni articoli pubblicati a suo nome - non è stato diffuso dall'Università: gli studenti, che escono a frotte dall'aula, non sanno nulla. O forse sì? «Non intendo fare dichiarazioni prima della decisione della Commissione etica - attacca il docente -. Rivolgetevi all'ateneo»

Ma la questione riguarda anzitutto lei, non l'ateneo. Un suo articolo è stato ritirato dall'editore per il sospetto di plagio. 

«Ho fatto degli errori, non lo nego e ne sono rammaricato. Ma il plagio è un'altra cosa: presuppone un'intenzionalità e sarà la Commissione etica a stabilire se vi è stata o meno»

 Lei, comunque, si professa innocente. 

«Come ho detto, una cosa è una dimenticanza o una distrazione, un'altra il plagio intenzionale. Non va fatta confusione»

È stata l'Università, però, a parlare di plagio.

«Si tratta di un sospetto, e come tale è giusto che venga preso in considerazione e vagliato attentamente. Confido che l'inchiesta determini in modo chiaro ogni tipo di responsabilità»

Nel frattempo si è auto-sospeso dalle cariche istituzionali all'interno dell'Usi, ma non dall'insegnamento. Perché?

«L'ho fatto per permettere alle indagini di procedere serenamente. Un dubbio non fugato, anche se solo un dubbio, sarebbe stato dannoso per l'ateneo. Finché non ci sarà un verdetto, il sospetto latente rimarrà negli studenti e nei colleghi... e temo, anche dopo»

In che senso?

«Il danno per la mia reputazione è enorme. E anche qualora la Commissione dovesse dichiararmi, come sostengo, innocente, la macchia rimarrà. Per me questo è un colpo durissimo, che mi ha moralmente distrutto» 

Ci risulta che l'inchiesta sia stata avviata a seguito di una segnalazione inviata all'Usi da un professore di un'università americana. Lei ne è al corrente? Ha intenzione di sporgere denuncia?

«Su questo preferisco non commentare. Valuterò eventuali azioni legali solo dopo la decisione della Commissione etica»

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-21 11:31:04 | 91.208.130.86