Keystone
BERNA
21.05.2021 - 19:530

Guy Parmelin sottolinea i progressi nella lotta alla pandemia

Durante il vertice mondiale della salute è stata adottata la "dichiarazione di Roma"

BERNA - Il presidente della Confederazione Guy Parmelin ha partecipato oggi virtualmente al vertice mondiale sulla salute durante il quale si è discusso tra l'altro di quali siano gli insegnamenti da trarre dalla crisi dovuta al Covid-19. Altro tema trattato è stato quello di come la comunità internazionale possa migliorare la tutela della salute a livello globale attraverso la cooperazione solidale.

Il vertice - organizzato dalla Commissione europea e dall'Italia in qualità di presidente del G20 - ha adottato una "dichiarazione di Roma" che definisce i principi per rafforzare la cooperazione in materia di tutela della salute e prevenire le future possibili crisi sanitarie, ha comunicato oggi il Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR). Gli Stati partecipanti hanno sottolineato la necessità di agire e ribadito l'importanza dell'accesso globale ai vaccini e ad altri dispositivi medici nella lotta contro la pandemia. È stato inoltre messo in evidenza il ruolo fondamentale delle organizzazioni internazionali e in particolare dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Sono state anche discusse le questioni del finanziamento, della governance e dell'attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile 2030.

Parmelin ha sottolineato gli enormi progressi nella lotta contro la pandemia. Tuttavia le nuove varianti del virus continuano a costituire un grande pericolo e la crisi socioeconomica deve ancora sortire i suoi principali effetti. Il presidente della Confederazione ha affermato che «la pandemia sarà finita solo quando tutti i Paesi l'avranno superata», aggiungendo che «dall'inizio della crisi la Svizzera si è impegnata nella ricerca di soluzioni globali per consentire un accesso rapido, equo e a basso costo ai rimedi contro la crisi causata dal COVID-19».

A titolo di esempio Parmelin ha citato la decisione del Consiglio federale del 28 aprile 2021 di sostenere con 300 milioni di franchi l'iniziativa "Access to Covid-19 Tools Accelerator". Durante la sessione estiva - precisa il comunicato - il Parlamento dibatterà sul corrispondente credito aggiuntivo. Si tratta di un'iniziativa che intende migliorare l'accesso a vaccini, test e farmaci nei Paesi in sviluppo e rafforzare i sistemi sanitari di questi ultimi.
 
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-17 05:10:50 | 91.208.130.85