Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
5 ore
Incendio in appartamento, un morto
È successo oggi pomeriggio sulla Manessestrasse
SVIZZERA
8 ore
«Ecco cosa succede quando Maurer gioca a fare Trump»
Il Presidente dei Verdi, Balthasar Glättli, attacca Ueli Maurer. Ma c'è anche chi lo difende
SVIZZERA
9 ore
Un detective per Berset
La Procura federale vuole vederci chiaro sul tentativo di estorsione da parte di una donna
SVIZZERA
10 ore
Test a pagamento: le reazioni dei partiti
Soddisfatto il PLR, mentre altri promettono battaglia
SVIZZERA
11 ore
Incidente aereo a St.Moritz: ex capo squadriglia assolto
La sentenza è stata emessa dal Tribunale militare 2: il comportamento dell'uomo non sarebbe stato la causa dell'accaduto
SVIZZERA
11 ore
Alla frontiera con test o certificato: le risposte ai principali dubbi
A partire da lunedì 20 settembre, al confine varrà la regola del “doppio test” per i non vaccinati e i non guariti
SVIZZERA
11 ore
Test alle frontiere: i Cantoni temono difficoltà di monitoraggio
È comunque accolta favorevolmente l'introduzione della restrizione alla frontiera
GINEVRA
12 ore
Il super-evasore imbarazza Mirabaud
L'americano Robert Brockman avrebbe nascosto 1 miliardo di dollari a Ginevra
BERNA
12 ore
Incidente in piscina, muore una bambina di otto anni
È successo ieri a Bienne: la piccola è stata trovata in acqua priva di sensi. Oggi in ospedale è spirata
Svizzera
12 ore
Dodicenne muore durante la lezione di ginnastica
Solo un anno fa, un altro allievo moriva nelle stesse circostanze
SVIZZERA
13 ore
Corruzione, condannato ex funzionario della Seco
Aveva acquistato materiale informatico a prezzi non concorrenziali. In cambio di regali e inviti
SVIZZERA
13 ore
Entrata in Svizzera da lunedì solo per vaccinati, testati o guariti
Per i testati sarà inoltre necessario, tra il quarto e settimo giorno di permanenza, effettuare un secondo tampone.
SVIZZERA
14 ore
Dopo il “no” alla Legge sul CO2, ecco come salveremo il clima
Entro la fine dell'anno il DATEC dovrà presentare un progetto di legge senza nuove tasse ma con più incentivi
SVIZZERA
15.09.2020 - 11:530

Legge Covid-19: «Importanti divergenze tra le due Camere»

Il Nazionale ha ribadito di voler aiutare i lavoratori indipendenti la cui attività è intralciata dalle misure.

Inoltre intende prevedere anche finanziamenti a fondo perso per determinati settori colpiti duramente dal virus.

BERNA - Permangono ancora differenze importanti tra i due rami del parlamento in merito alla Legge Covid-19, norma elaborata per consentire anche in futuro al Consiglio federale di adottare quelle decisioni che s'impongono per far fronte alla pandemia di coronavirus.

In particolare, il Consiglio nazionale ha ribadito oggi di voler aiutare i lavoratori indipendenti la cui attività è intralciata dalle misure di protezione stabilite dal governo e di prevedere anche finanziamenti a fondo perso per determinati settori colpiti duramente dal virus.

Indipendenti - La legge, 14 articoli in tutto e destinata a entrare in vigore immediatamente, contempla la possibilità di concedere Indennità per perdita di guadagno (IPG) a quei lavoratori indipendenti la cui attività è stata intralciata dai provvedimenti governativi. Per gli Stati, un diritto agli aiuti andrebbe previsto solo se l'attività è stata interrotta del tutto, e non solo ridotta.

Gli indipendenti che avrebbero diritto a un sostegno, secondo il Nazionale, non devono guadagnare più di 150 mila franchi l'anno e l'IPG concessa non deve superare i 196 franchi al giorno. Questa regola varrebbe fino al giugno 2021.

Il plenum, poi, ha ribadito, a differenza degli Stati, di volere estendere la possibilità di chiedere il lavoro ridotto per i lavoratori su chiamata, per chi beneficia di un contratto a tempo determinato, per gli apprendisti e per chi è impiegato da una società di lavoro interinale.

Cultura e turismo - Circa gli aiuti alla cultura, il Nazionale ha ribadito, diversamente dagli Stati (e dalla proposta del Consiglio federale), di volere accrescere di 20 milioni di franchi a 100 milioni gli aiuti a questo settore. L'UDC e il PLR hanno difeso la versione della Camera dei cantoni, appellandosi al rigore finanziario.

Per quanto attiene alle imprese attive nel settore del turismo, delle manifestazioni e servizi colpite duramente dal coronavirus, la legge prevede un sostegno finanziario per i casi di rigore o difficili, a patto però che i cantoni partecipino all'operazione. La sinistra avrebbe voluto inserire anche un sostegno alle strutture di accoglienza dell'infanzia, ma è stata battuta.

La Camera del Popolo chiede anche la possibilità di finanziamenti a fondo perso per quelle imprese che si trovano in una situazione particolarmente delicata e che rischiano il fallimento.

Aiuto allo sport - Per quanto riguarda le società sportive, le camere sono d'accordo nel concedere prestiti rimborsabili in dieci anni. L'importo potrebbe arrivare fino a un quarto dei costi operativi dei club per il 2018/2019. I club dovranno fornire garanzie fino al 25%.

Rispetto agli Stati, il Nazionale vuole consentire alla Confederazione di concedere ai club relegazioni a un grado inferiore per i prestiti, e ciò per non spingere al fallimento i sodalizi sportivi.

Partner sociali da consultare - Il Consiglio nazionale, come gli Stati, ha stabilito che il governo debba consultare i cantoni prima di adottare decisioni per lottare contro il coronavirus che interessano le loro competenze, ma ribadito diversamente dai "senatori" la proposta di associare anche le organizzazioni mantello dei partner sociali.

Al pari dei "senatori" non vuole però associare le associazioni dei comuni e delle città, una versione quest'ultima difesa, invano, oggi ancora dal campo rosso-verde.

Stranieri - Per quanto attiene alle misure riguardanti gli stranieri, le camere sono d'accordo sul principio che se il Consiglio federale limiterà l'entrata o il soggiorno di queste persone, dovrà escludere da questa disposizione il ricongiungimento familiare e l'entrata dei concubini, nonché dei loro figli.

In caso di pandemia, i termini per l'allontanamento dei richiedenti asilo la cui domanda è stata respinta dovranno essere allungati, così come anche per le persone ammesse provvisoriamente. Questa aggiunta voluta dagli Stati è stata approvata anche dal Nazionale, nonostante l'avversione dell'UDC. Per la maggioranza, non è sensato rinviare un persona nel suo paese di origine se in quest'ultimo è in corso una pandemia.

Frontalieri, favorire libera circolazione - Approvata anche la proposta, sempre formulata dai "senatori", di obbligare il Consiglio federale ad adottare, in caso di chiusura delle frontiere, quei provvedimenti necessari per assicurare al meglio il diritto alla circolazione dei lavoratori frontalieri e degli abitanti che hanno legami particolari - per esempio di parentela - nella zona di confine.

Il Consiglio federale si è dichiarato d'accordo con questa aggiunta che i democentristi volevano stralciare, sostenendo che la tutela della salute viene prima della libera circolazione delle persone, come tra l'altro perorato la settimana scorsa agli Stati dal "senatore" Marco Chiesa (UDC/TI).

Il dossier ritorna agli Stati.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 04:48:33 | 91.208.130.85