Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA 
1 min
«L'importante è aver fatto votare il popolo»
C'è delusione tra gli oppositori, anche se le speranze erano già svanite da tempo.
BERNA
5 min
Matrimonio per tutti: gioia fra i favorevoli
A Berna ci si sta già preparando a festeggiare per quello che sembra un esito ormai scontato.
SAN GALLO
16 min
36enne accoltellato, fermati due presunti colpevoli
Gli agenti hanno trovato l'uomo ferito in un appartamento.
BERNA
24 min
"Matrimonio per tutti" verso l'approvazione
Al momento non vengono ancora fornite le cifre, ma non dovrebbero esserci sorprese.
SVIZZERA/TICINO
1 ora
Urne aperte, chi la spunterà?
Matrimonio per tutti, 99 per cento, pigioni abusive e altro ancora. Si vota su due iniziative federali e tre cantonali
SVIZZERA
2 ore
«Sono estremisti monotematici»
I No Pass e No Vax in Svizzera stanno alzando il tiro. La Rete per la sicurezza: «Rischio radicalizzazione»
ZURIGO
3 ore
Va a fuoco un'azienda di rifiuti
Le fiamme sono divampate questa notte a Glattburg (ZH). I pompieri al lavoro fino all'alba
LUCERNA
4 ore
Ucciso a coltellate nella stazione di servizio
Una rissa tra diverse persone è finita tragicamente ieri sera a Geuensee (LU)
Ginevra
16 ore
Covid, dopo i vaccini si punta ai rimedi da banco
Alcuni sono già raccomandati, altri in fase avanzata, mentre altri ancora sono già stati scartati
SVIZZERA
18 ore
Tonnellate di CO2 in meno... solo allungando la vita dei prodotti
Ha luogo oggi la seconda edizione del Secondhand Day, per sensibilizzare gli svizzeri sui propri consumi
ZURIGO
18 ore
«Non siamo no-vax, siamo contro le restrizioni»
Ha avuto luogo oggi pomeriggio una manifestazione autorizzata contro le misure anti Covid
Svitto
18 ore
Un contadino muore sotto il suo mezzo agricolo
Il veicolo si è capovolto mentre raccoglieva l'erba tagliata
TURGOVIA
19 ore
I cavolfiori finiscono sui binari
Un curioso incidente ha interrotto la linea ferroviaria tra Wil e Weinfelden, oggi pomeriggio
SVIZZERA
22 ore
Gratis o no: altre due settimane di litigi
Il governo ha rimandato al 10 ottobre la decisione. I partiti e la popolazione sono spaccati
SVIZZERA
1 gior
È esplosa la corsa ai test
La richiesta è raddoppiata con l'obbligo del certificato Covid. E il governo teme che non si arresterà
Lucerna
1 gior
Schianto frontale in moto, grave una 17enne
La collisione ha coinvolto altri due motociclisti che si trovavano sulla strada
SVIZZERA
1 gior
Oggi gratis, domani a 75 franchi?
Il test antigenico potrebbe diventare a pagamento dall'11 ottobre. Gli addetti ai lavori speculano sui possibili prezzi
ZURIGO
1 gior
Al rettore non piace il certificato
All'università di Zurigo l'accesso è vietato agli studenti senza pass. «Una scelta dolorosa» per Michael Schaepman
SVIZZERA
24.02.2020 - 13:210

«L'iniziativa UDC è un attacco a tutti i lavoratori»

A dirlo sono i sindacati, secondo cui le condizioni di lavoro peggiorerebbero e la Svizzera verrebbe isolata

BERNA - L'approvazione dell'iniziativa "per un'immigrazione moderata (Iniziativa per la limitazione)", promossa dall'UDC, smantellerebbe la protezione dei salari, peggiorerebbe le condizioni di lavoro e isolerebbe la Svizzera. È quanto ritengono i sindacati, che oggi hanno lanciato la loro campagna contro il testo in votazione popolare il prossimo 17 maggio.

L'iniziativa, sostenuta anche dall'Azione per una svizzera neutrale e indipendente (ASNI), rappresenta un «attacco a tutti i lavoratori», ha dichiarato in conferenza stampa a Berna il presidente dell'Unione sindacale svizzera (USS), Pierre-Yves Maillard. L'obiettivo dei promotori - ha spiegato - è «sostituire i contratti collettivi (CCL) e i controlli salariali con una concorrenza feroce da parte di tutti contro tutti».

Anche la presidente di Unia, Vania Alleva, ha messo in guardia contro i pericoli di un'adozione dell'iniziativa: i CCL e i salari minimi non potranno più essere controllati e imposti come lo sono finora. Ciò significherebbe la fine del principio del «salario svizzero per il lavoro svolto in Svizzera», ha aggiunto.

Rischio per i salari - Con l'entrata in vigore degli accordi bilaterali, secondo Travail.Suisse e USS, sono stati compiuti progressi sostanziali. Grazie alle misure di accompagnamento, i salari e le condizioni di lavoro sono sistematicamente monitorati dai partner sociali.

Questo sistema permette di smascherare e punire gli abusi e i salari troppo bassi possono essere corretti verso l'alto. È inoltre possibile introdurre salari minimi anche nei settori in cui gli stipendi sono sotto pressione.

Secondo i sindacati, in questo modo ci sono più CCL e ciò migliora la protezione contro il dumping salariale e gli abusi. L'accettazione dell'iniziativa metterebbe a repentaglio l'intero modello, che in conferenza stampa è stato definito «il più importante ed efficace sistema di protezione dei salari di tutta Europa».

UE, partner fondamentale - Un "sì" nelle urne il 17 maggio porrebbe inoltre fine alle relazioni bilaterali con l'Unione europea, il più importante partner commerciale della Svizzera, è stato sottolineato, ricordando che gli scambi con l'UE offrono sbocchi per prodotti e servizi svizzeri di alta qualità.

Secondo i sindacati, l'accettazione dell'iniziativa metterebbe anche fine all'integrazione della Svizzera in importanti programmi internazionali, per esempio nei settori dell'istruzione e della ricerca.

«Le misure per migliorare la conciliazione tra lavoro e vita privata, per promuovere l'istruzione e la formazione continua e per fornire prestazioni transitorie ai disoccupati anziani sono il modo migliore per garantire che la libera circolazione delle persone vada a beneficio di tutta la popolazione», ha da parte sua affermato Adrian Wüthrich, presidente di Travail.Suisse.

L'iniziativa - L'iniziativa per la limitazione esige che la Svizzera regoli in maniera autonoma l'immigrazione degli stranieri. Impedisce inoltre ogni nuovo trattato di obbligo internazionale per la libera circolazione.

Se l'iniziativa venisse accettata dal popolo, le autorità avrebbero un anno per negoziare la fine dell'accordo con Bruxelles. Se non si dovesse trovare una soluzione, il Consiglio federale dovrebbe uscire dall'intesa nel mese successivo, col rischio di far cadere l'insieme degli accordi bilaterali.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Galium 1 anno fa su tio
I Sindacati hanno perfettamente ragione. L'economia svizzera è fortemente legata a quella degli altri paesi europei, e la fine degli accordi bilaterali sarebbe disastrosa. Basta vedere le statistiche di importazioni ed esportazioni. Non parliamo poi del terziario. Difficile farlo capire a chi ragiona in termini sovranisti e xenofobi. Del resto il popolo deciderà come sempre, e spero in modo corretto
tazmaniac 1 anno fa su tio
partner commerciali importanti, anche più dell'Europa ce ne sono, basta volerlo. Chiudiamo contratti con Cina e Russia e a quel punto chissene dell'UE. Non bisogna fossilizzarsi su chi ci sta attorno, il mondo, per fortuna, è molto più vasto... Quando l'UE non esisteva, e le frontiere erano ben delineate, si stava di gran lunga meglio e gli affari si facevano comunque...basta con questo terrorismo mentale, fatto da chi difende l'immigrazione selvaggia solo perchè sono i primi a lucrarci sopra
klich69 1 anno fa su tio
Sindacati mai dalla parte del lavoratore più volte si è visto che pensano solo ai loro interessi. Non siamo più nel 1920.
Lore62 1 anno fa su tio
@klich69 invece TUTTA la politica artefice dello scempio nel mondo del lavoro e sociale specialmente in Ticino dall'introduzione della "libera circolazione dei disperati", è dalla parte del lavoratore...già..
fromrussiawith<3 1 anno fa su tio
"peggiorerebbe le condizioni di lavoro e isolerebbe la Svizzera" a livello globale, ci sono un'enormità di paesi che non applicano la libera circolazione e né questi sono mai stati isolati, o penalizzati a livello economico e/o sociale, anzi. La libera circolazione in Europa è un modo per sostenere un sistema economico inefficiente; i sindacati falliscono non solo in UK, Svizzera, ma anche in altri paesi UE ha far rispettare i diritti ed evitare lo sfruttamento. Solo per questa menzogna, un tentativo di fomentare l'irrazionale paura, bisognerebbe votare contro la libera di circolazione. La Svizzera deve essere aperta a tutto il mondo non solo e in particolare all’UE. C'era un politico americano che disse: "il punto non è se e quando la Svizzera entra in Europa, ma se l' Europa entrerà mai in Svizzera" cosa che i nostri politici opportunisti non hanno compreso e forse mai comprenderanno. È ora che la Svizzera si liberi di questa palla al piede, se L'UE è veramente per il rispetto della diversità, non avrà problemi a capire e rispettare la nostra decisione, e non ci penalizzerà per l'innato bisogno umano di essere diversi
Mattiatr 1 anno fa su tio
Sbaglio o hanno detto la stessa cosa sulla votazione riguardante le armi? ''Se la approvate saltano i bilaterali''. A quanto pare la strategia è funzionata una volta, perché non provarci una seconda?¶ Non entro nel preciso sul tema perché devo ancora divertirmi a spulciare tutte le novità proposte, ora ho riunioni e carnevali a cui pensare! ;-)
volabas 1 anno fa su tio
I sindacati hanno dimenticato di dire che poi ci sara' una glaciazione ( solo in svizzera pero') torneremo a cacciare con la clava, saremo invasi dai puffi e sara' svelato chi è babbo natale. Chi nascera' sara' automaticamente iscritto a qualche sindacato ( la scelta sara' ovviamente libera).
Zico 1 anno fa su tio
@volabas ovvio, ma hai dimenticato di dire che ci sarà un unico sindacato, nella più classica delle sinistre tradizioni UE
fonta 1 anno fa su tio
Perfettamente d'accordo. I sindacati oggigiorno vogliono solo giustificare con il loro agire, la loro esistenza. Non servono a nulla, non difendono nulla se non la loro cadrega. Misure di accompagnamento....... la solita parola con la quale si lavano la bocca i sindacalisti. Non hanno ancora capito che sono diventati i servi dell'ue! Servi di poco conto!
Bayron 1 anno fa su tio
I sindacati e le agenzie interinali sono il “cancro” dei lavoratori!!!
Lore62 1 anno fa su tio
@Bayron Invece TUTTA la politica Ticinese che ha VOLUTO questa situazione disastrosa cosa sono?
Tato50 1 anno fa su tio
Certo che per i Sindacati può andare di traverso. Molti meno tesserati e diminuzione del proprio stipendio-;((((((
patrick28 1 anno fa su tio
UDC preparatevi alla solita legnata a maggio ! Dal 09.02.2014 non ne avete vinta più una ! FORZA UE, SEMPE !!!!!!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 12:34:18 | 91.208.130.89