Keystone (archivio)
PLR, PPD del Vallese romando, i partiti di sinistra e l'UDC si sono allineati alla posizione della Commissione di giustizia.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
5 min
Prezzi stracciati e semplicità: ecco perché Wish ci conquista
BERNA
9 ore
Limitare immigrazione, l'iniziativa UDC non fa breccia
ZURIGO
14 ore
Lui pubblica le foto porno. Lei si suicida. Pena ridotta per lui
SVIZZERA
15 ore
La legge sul diritto d'autore «è pronta per il voto finale»
SVIZZERA
15 ore
Avaloq ristruttura: minacciata una trentina di posti di lavoro
BASILEA CITTÀ
15 ore
Deragliamento causato dall'azionamento di uno scambio
GINEVRA
16 ore
«Solo insieme l'umanità riuscirà ad affrontare le sfide del futuro»
SVIZZERIA
16 ore
Gli automobilisti svizzeri sono molto restii a cambiare assicurazione
SVIZZERA
16 ore
Donazione di sperma: «Ora si può sapere chi è il padre»
SVIZZERA
18 ore
Raccolte in meno di 5 mesi le firme per i ghiacciai
SVIZZERA
18 ore
Più soldi per promuovere lo sport
SVIZZERA
19 ore
Roche si dice pronta a compensare le perdite causate dai biosimilari
SVIZZERA
19 ore
Scorie radioattive, autorizzate le perforazioni nel Giura
ARGOVIA
20 ore
A 18 anni perde la vita sulla moto
SVIZZERA
20 ore
Gli allievi maschi svantaggiati dalla scuola svizzera?
VALLESE
11.09.2019 - 11:080

Frode elettorale, non si tornerà alle urne

Il Gran Consiglio vallesano rifiuterà domani la richiesta del partito cristiano-sociale dell'Alto Vallese

SION - Il Gran Consiglio vallesano rifiuterà domani la richiesta del partito cristiano-sociale dell'Alto Vallese (CSPO) di tornare alle urne nella circoscrizione di Briga in seguito alla frode elettorale del 2017. Lo si evince dal dibattito di entrata in materia odierno.

Gli eletti di PLR, PPD del Vallese romando, i partiti di sinistra e l'UDC si sono allineati alla posizione della Commissione di giustizia, che aveva dato preavviso negativo alla domanda di revisione, inoltrata dal CSPO e da un gruppo di cittadini. Il PPD dell'Alto Vallese si è astenuto.

In minoranza, il CSPO depositerà una mozione: «In futuro, vogliamo che un riconteggio sia sistematicamente effettuato in caso di risultato stretto», ha spiegato il deputato Diego Clausen.

In occasione delle elezioni cantonali del marzo 2017 un individuo aveva rubato almeno 190 schede di voto dalle buche delle lettere a Briga, Naters e Visp, spedendole poi con firme false. Il 30enne svizzero, all'epoca dei fatti membro dell'UDC, è stato nel frattempo condannato a dodici mesi di carcere con la condizionale.

Secondo il CSPO, con questa azione illegale i democentristi hanno guadagnato un seggio a sue spese. Per tale ragione veniva richiesto un riconteggio dei voti o un ritorno alle urne.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 07:35:31 | 91.208.130.87