Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
1 ora
Insulta la poliziotta e le spegne una sigaretta sul volto
ZURIGO
6 ore
Elettrodomestici: boom di climatizzatori
SVIZZERA
7 ore
«La campagna del PPD è come un'azione di mobbing»
SVIZZERA
7 ore
«Siamo i lobbisti del popolo, difendiamo il nostro futuro»
BERNA
7 ore
Migros richiama la sedia pieghevole "Foldy"
GRIGIONI
8 ore
Terribile scontro fra auto, morta una 49enne
SVIZZERA
8 ore
Zio Paperone torna negli Usa: gli svizzeri non sono i più ricchi
BERNA
10 ore
"Sì" al contrassegno autostradale elettronico?
SVIZZERA
10 ore
La pianificazione ospedaliera è a livello cantonale
SVIZZERA
10 ore
La Svizzera può contare su 140'304 militari
SVIZZERA
10 ore
In Svizzera c'è una sovraproporzione di robot industriali
SAN GALLO
10 ore
Condannato il pedofilo che abusava di bambine dell'Est
BASILEA CITTÀ
11 ore
Allo zoo di Basilea è nato un piccolo gorilla
ZURIGO
11 ore
UBS, cause in vista da parte dei creditori delle obbligazioni Folli Follie
ZURIGO
11 ore
L'autorità avverte Swiss: «C'è il rischio di incendio ai motori»
SVIZZERA
20.08.2019 - 10:280

Sei in assistenza? Il tuo nome sarà pubblico

Il Parlamento discuterà la proposta il prossimo autunno. Il deputato PS Cédric Wermuth si dice contrario: lo Stato, secondo lui, deve proteggere le persone meno abbienti

BERNA - È giusto essere in grado di sapere senza grandi sforzi se qualcuno riceve assistenza sociale o meno? Il Parlamento dovrà presto affrontare la questione. La commissione competente del Consiglio nazionale ha infatti eliminato le misure di assistenza sociale dall'elenco dei dati particolarmente sensibili. Il deputato PS Cédric Wermuth non ci sta: «Questo passo porta all’uso improprio di tali informazioni», commenta.

L'idea politica alla base della soppressione delle misure dall’elenco è chiara: «I beneficiari di assistenza sociale dovrebbero essere controllati. Alcuni vogliono persino facilitare l’ottenimento di tali informazioni da parte di privati, per esempio dai proprietari di immobili».

La consigliera nazionale UDC Barbara Steinemann, dal canto suo, sostiene che «i dati dei beneficiari dovrebbero essere utilizzati principalmente a fini di analisi. Il punto è scoprire perché circa il 90% degli eritrei richiede l’assistenza». Steinemann non ritiene che tali dati necessitino di una specifica protezione: «I beneficiari di assistenza sociale non sono di per sé l'anello debole della società. Sicuramente c'è chi è malato e sta aspettando una rendita, ma c'è anche chi sta semplicemente cercando invano di trovare lavoro». 

Dal punto di vista giuridico, per l’avvocato Martin Steiger non è chiaro per quale motivo i beneficiari di assistenza sociale dovrebbero essere riconoscibili come tali. Il legale ritiene che gli abusi non dovrebbero essere risolti a loro spese.

Ecco quanti sono i beneficiari dell’assistenza sociale

Nel 2007 i beneficiari dell’assistenza sociale erano 233’500. Dieci anni dopo il numero è salito a 278’300. In oltre la metà dei casi - più precisamente si parla di 145’200 persone - si tratta di cittadini svizzeri. In rapporto alla popolazione totale, nel 2017 la quota di chi beneficia dell’assistenza è del 3,3%. Più alta nell’ambito dell’asilo, dove si arriva a oltre il 90%. Sempre nel 2017, negli aiuti sociali sono finiti 2,6 miliardi di franchi. Nel 2007 erano quasi 1,9 miliardi.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 22:28:19 | 91.208.130.87