Keystone (archivio)
Il relatore ginevrino Christian Lüscher.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
4 min
Il Consiglio nazionale in breve
ZURIGO
22 min
L'intervento rarissimo che ha salvato la vita al piccolo Fabian
SVITTO
28 min
Contadino cade in una vasca di liquame e muore
SVIZZERA
30 min
Codice stradale troppo severo, si corre ai ripari
ZURIGO
45 min
Commessa da 143 milioni per Implenia
GRIGIONI
56 min
Un colpo di sonno e lo schianto
SVIZZERA
1 ora
Allevamento intensivo, depositate oltre 100mila firme
SVIZZERA
1 ora
Rischiò un frontale con la polizia: sconfessato dal TF
SVIZZERA
2 ore
Swiss: un'estate 2019 un po' più puntuale
URI
2 ore
Ecco cosa può succedere quando ci si distrae...
SVIZZERA / UNIONE EUROPEA
3 ore
Finanziamento dei partiti, chiusa la procedura contro la Svizzera
ZURIGO
3 ore
PMI meno ottimistiche per il futuro
BERNA
3 ore
Tabacco, verso un giro di vite su vendita e pubblicità per minori
SVIZZERA
3 ore
Migros ritira i Chicken Nuggets dei Lillibigs: contengono pezzetti di osso
GINEVRA
3 ore
Il motore "sputa" scintille, panico in volo
SVIZZERA
12.06.2019 - 11:060
Aggiornamento : 14:15

Le azioni al portatore «vanno abolite»

Il Consiglio nazionale ha deciso di seguire le raccomandazioni del Forum globale. Saranno sostituite con titoli nominativi

BERNA - Le raccomandazioni del Forum globale saranno attuate in Svizzera abolendo le azioni al portatore che saranno sostituite con titoli nominativi. Lo ha deciso oggi il Consiglio nazionale allineandosi così a quanto chiesto dal Governo e già adottato dagli Stati.

I giudizi del Forum globale sulla trasparenza e sullo scambio di informazioni a fini fiscali sono utilizzati dal G20, dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) e dall'UE per valutare se uno Stato deve essere identificato come non cooperativo quanto alla trasparenza fiscale. In tal caso vengono allestite apposite liste nere. Da qui la necessità di legiferare per evitare sanzioni internazionali.

In prima lettura la Camera del popolo non aveva voluto abolire le vecchie azioni al portatore, chiedendo però di non emetterne più di nuove. «Il consigliere federale Ueli Maurer è però riuscito a convincerci che questa soluzione - chiamata "grandfathering" - non consente di soddisfare le esigenze del Forum globale», ha spiegato il relatore commissionale Christian Lüscher (PLR/GE) giustificando il dietrofront.

Thomas Aeschi (UDC/ZG) avrebbe invece voluto restare alla soluzione "grandfathering": la Svizzera non può inchinarsi ogni volta che organismi superiori come l'OCSE introducono nuove esigenze, ha aggiunto ricordando come le raccomandazioni del Forum globale cambino di continuo.

Nel corso del suo intervento, il ministro delle finanze ha però affermato che è nell'interesse della Svizzera adottare gli standard internazionali. Con soluzioni specifiche al nostro Paese si creano solo problemi alle società attive a livello globale, ha aggiunto Maurer. Al voto il plenum gli ha dato ragione con 118 voti contro 65.

Il Nazionale ha poi deciso di seguire la proposta governativa di fissare a 18 mesi, e non a 2 anni come auspicato dagli Stati, il termine dopo il quale le azioni al portatore vengono automaticamente convertite in titoli nominativi. Gli azionisti che non si sono annunciati avranno 5 anni di tempo per tornare in possesso dei loro titoli, previa approvazione della società e di un giudice.

Trascorso questo periodo, la società dovrà conservare per dieci anni il volume di azioni annullate. Secondo il plenum, un azionista i cui titoli sono divenuti nulli senza che ne abbia colpa e che può dimostrare la sua qualità di azionista deve poter chiedere alla società di restituirglieli durante tale periodo.

Per quanto riguarda le sanzioni per chi viola l'obbligo di tenere un registro, la Camera del popolo ha rinunciato a precisare nella legge un limite massimo di 10'000 franchi. Il Nazionale ha anche deciso di fissare a tre mesi, contro uno per Governo e Stati, il termine lasciato agli azionisti per comunicare alla società un cambiamento delle generalità dell'avente diritto economico di un'azione.

Il dossier torna ora agli Stati.

Commenti
 
Esse 3 mesi fa su tio
Evviva la trasparenza e anche il nuovo mercato malavitoso delle teste di legno !
Danny50 3 mesi fa su tio
Tutto giusto. Peccato che non è un’iniziativa di adattamento come quando abbiamo eliminato i libretti al portatore, ma un adeguamento alle richieste da fuori.
Danny50 3 mesi fa su tio
Avanti a calar le braghe. In Svizzera non si decide più niente. Lasciamo a casa questi fuchi bernesi e mettiamoci nelle mani dei vicini, perché oramai la Svizzera è fatta e finita e non ha più senso di esistere come nazione.
Galium 3 mesi fa su tio
@Danny50 Invece di gridare sempre alla perdita di sovranità sarebbe opportuno chinarsi sul problema e riconoscere che le azioni al portatore non hanno più senso in un mondo che va verso la trasparenza. Si tratta di un ferro vecchio del mestiere, caro solo a chi non vuole staccarsi dalla logica del paradiso fiscale. Del resto già ora il libro soci delle società deve indicare nome e cognome dei beneficiari delle azioni al portatore. Quindi ben venga l'adesione della Svizzera a questa decisione
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 15:23:25 | 91.208.130.89