Archivio Keystone
Lo sciopero per il clima dello scorso 24 maggio a Zurigo.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
23 min
Operaio ferito sul lavoro
L'uomo stava effettuando lavori sul tetto utilizzando una pompa e un dispositivo di aspirazione
SVIZZERA
48 min
Gli ebrei segnalano una maggiore discriminazione
«L'antisemitismo è un problema crescente», hanno dichiarato quasi tre quarti dei partecipanti a uno studio.
SVIZZERA
1 ora
I medici cantonali: «Mascherina obbligatoria anche negli spazi pubblici»
Indossarle solo sui trasporti collettivi, da un punto di vista epidemiologico, non basta.
VIDEO
VAUD
1 ora
Spunta un "metal detector" che spruzza disinfettante
Importato dal Portogallo, "PortCov" è appena apparso nella Svizzera romanda.
BASILEA CITTÀ
2 ore
Novartis paga 642 milioni dollari per chiudere le vertenze negli Usa
Le accuse nei confronti del gigante farmaceutico erano di corruzione
FOTO
SERBIA / SVIZZERA
12 ore
«Le condizioni negli ospedali sono drammatiche»
Il coronavirus si sta diffondendo rapidamente nella città serba di Novi Pazar.
SVIZZERA
15 ore
Mascherina sui mezzi pubblici: 13 cose da sapere
Da lunedì 6 luglio il loro uso sarà obbligatorio, le risposte dell'UFSP ai dubbi più frequenti
SVIZZERA
16 ore
Raiffeisen dice addio ai bonus individuali
Verrà premiata la performance dei team piuttosto che quelle dei singoli individui
SVIZZERA
17 ore
Hotelplan, viaggi annullati per l'intero mese di luglio
I clienti interessati saranno contattati e otterranno un rimborso nelle prossime settimane
SVIZZERA
17 ore
Seconda ondata? Potrebbe costare al turismo fino a 30 miliardi
È la previsione dell'ONU, che ha realizzato diversi scenari
SVIZZERA
29.05.2019 - 07:510

L’onda verde conquista l’elettorato UDC

La metà di chi vota il partito chiede più sensibilità climatica. È quanto emerge dall’ultimo sondaggio Tamedia in vista delle elezioni federali

BERNA - L’onda verde sembra essere inarrestabile. Se lo scorso weekend avessero avuto luogo le elezioni federali, Verdi e Verdi liberali avrebbero trionfato. Mentre gli altri partiti stanno tendenzialmente perdendo terreno. È quanto emerge dai risultati del quinto sondaggio Tamedia, condotto online il 22 e il 23 maggio scorsi.

Gli altri partiti non stanno comunque a guardare. Se il PLR ha risposto agli scioperi per il clima con una svolta ecologista, per l’UDC si tratterebbe invece di una «moda passeggera». Non solo. Fino a poco tempo fa in un documento del partito democentrista si leggeva: «Numerosi elementi indicano che le notizie allarmanti degli ultimi anni secondo cui l’attività umana influenzerebbe il clima non riflettono la realtà». Un documento che nel frattempo online non è più disponibile.

Elettorato UDC diviso in due - Ma ora la politica climatica divide la base democentrista: il 49% degli elettori UDC ritiene infatti che il partito debba rivedere la propria posizione e impegnarsi maggiormente per la protezione del clima. Un 48% la vede diversamente, mentre un 3% non ha un’opinione in merito.

«Pochi mesi prima delle elezioni, l’UDC si trova tra due fuochi» afferma il politologo Georg Lutz. E il partito mantiene però la sua posizione. «Ora il sondaggio mostra che una parte degli elettori UDC sono molto preoccupati per il clima». E soprattutto per gli agricoltori, che stanno soffrendo gli effetti del cambiamento climatico, l’atteggiamento attendista non si spiegherebbe.

Ma anche cambiare opinione poco prima delle elezioni, così come ha fatto il PLR, rappresenterebbe un rischio. «Si perde credibilità e ci si scontra con gli elettori». L’UDC dovrebbe ora soltanto sperare che la questione climatica sparisca dall’agenda politica.

«Divieti e tasse non portano a nulla» - I risultati del sondaggio non sorprendono lo stratega UDC Roger Köppel: «Fondamentalmente nessuno è contrario a una maggiore protezione del clima». Ma lui non ci sta: «Non sono d’accordo che si abusi del cambiamento climatico per far passare un’economia rosso-verde caratterizzata da divieti e tasse». Misure, queste, che secondo Köppel, «non portano nulla al clima, ma distruggono la nostra libertà e il nostro benessere».

Per Köppel il dibattito climatico ha assunto toni isterici: si chiede per esempio che la Svizzera non emetta più CO2, nonostante questa non abbia un effetto misurabile sulla temperatura. L’UDC farebbe dunque bene a mantenere la propria posizione: «Dovremmo continuare a ottimizzare la protezione dell’ambiente e a riflettere su come l’essere umano si può adattare ai cambiamenti climatici».

Il risultato del sondaggio viene invece salutato con soddisfazione dal consigliere nazionale UDC e agricoltore Andreas Aebi, che si è già espresso a favore di una maggiore sensibilità climatica. Per lui invece di parlare di protezione del clima, ci vorrebbero più gesti concreti dai singoli individui.

Il sondaggio

Sono 19’018 le persone provenienti da tutta la Svizzera che il 22 e il 23 maggio scorsi hanno preso parte al sondaggio elettorale Tamedia. Un sondaggio condotto in collaborazione con la LeeWas GmbH dei politologi Lucas Leemann e Fabio Wasserfallen. I dati sono stati ponderati sulla base di variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore è di 1,4 punti percentuali. Più informazioni su tamedia.ch/sondage

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-02 10:20:44 | 91.208.130.86