Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Più posti di lavoro negli URC in vista dell'aumento della disoccupazione
Solo a Zurigo l'organico è stato aumentato di 77 unità
ZUGO
1 ora
La vita di una bimba di 5 anni è in pericolo
La piccola è caduta con il suo monopattino mentre percorreva una strada di campagna a Unterägeri
ROVEREDO (GR)
9 ore
Covid, la Moesa non abbassa la guardia
Lo Stato Maggiore del distretto ha discusso con quello ticinese alla luce delle recenti situazioni
SVIZZERA
10 ore
Su Facebook spuntano i gruppi per aggirare la quarantena
A partire da oggi, chiunque ritorni in Svizzera dal Kosovo deve trascorrere dieci giorni in quarantena.
SAN GALLO
11 ore
Dispersi nella Thur, recuperati i corpi delle vittime
Erano intrappolati tra le pietre della cascata dalla forte pressione dell'acqua
SONDAGGIO
SVIZZERA
12 ore
L'autista? Per lui la mascherina non è un obbligo
Va usata, da oggi, sui trasporti pubblici. Ma alcuni pendolari si chiedono perché i conducenti non la indossino.
VAUD
13 ore
Abusò di 18 giovani donne: 15 anni al “guru del sesso”
Si tratta di un 66enne riconosciuto colpevole di una trentina di episodi commessi in dieci anni nel Canton Vaud
BERNA
14 ore
Colpo in banca a Köniz: rapinatore in fuga col bottino
I dipendenti sono stati minacciati con una pistola. La polizia cantonale bernese è in cerca di testimoni
SVIZZERA
16 ore
La mascherina: ecco come ci cambia la vita
Da oggi sui mezzi pubblici è obbligatoria. Cosa significa per la nostra quotidianità?
VAUD
16 ore
Fête des Vignerons: il Canton Vaud rinuncia alle spese per la sicurezza
Si tratta di circa 1,9 milioni di franchi. La manifestazione era stata archiviata con un deficit di oltre 15 milioni
SVIZZERA
26.03.2019 - 14:000
Aggiornamento : 14:30

Riforma fiscale e AVS, lanciata la campagna per il sì

Un'ampia alleanza di pariti e organizzazioni economiche ritiene si tratti di un pacchetto equilibrato

BERNA - Un'ampia alleanza di partiti e organizzazioni economiche ha lanciato oggi a Berna la campagna per il "sì" alla riforma fiscale e al finanziamento dell'AVS (RFFA), in votazione il prossimo 19 maggio.

L'alleanza è composta da PLR, PPD, PBD e Partito evangelico, così come da economiesuisse e Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam). A loro avviso, la riforma in votazione permetterebbe di fare finalmente un passo avanti dopo anni di stallo, grazie ad un pacchetto equilibrato che porterebbe vantaggi a popolazione, aziende, Confederazione, Cantoni e Comuni.

Il testo su cui voteremo "tocca due argomenti politici importanti, le pensioni e le tassazioni delle aziende", ha spiegato il consigliere agli Stati Konrad Graber (PPD/LU). In entrambi i settori si sono verificati importanti cambiamenti e modifiche delle condizioni quadro che rendono necessario un intervento urgente, ha continuato.

I lavori a livello politico per trovare le necessarie contromisure sono però bloccati da anni, ha detto ancora il lucernese. Ai cittadini nel corso del tempo sono stati sottoposti diversi progetti, puntualmente combattuti o dalla destra o dalla sinistra e rispediti al mittente dalla popolazione. La riforma che andrà presto al voto è finalmente l'occasione di fare un passo avanti, ha detto.

Fra pensioni e tassazione - L'invecchiamento della popolazione porta ad un problema miliardario di finanziamento per l'AVS, hanno ricordato ai media i fautori del testo. Senza interventi, nel giro di circa 10 anni i fondi sarebbero praticamente esauriti.

La riforma in votazione mira proprio a colmare questo buco, con due miliardi di franchi supplementari versati ogni anno. Un aumento dei finanziamenti è un punto imprescindibile di qualunque misura per correggere il problema, ha sottolineato l'alleanza. Il progetto è giudicato equilibrato, poiché permette la sicurezza delle pensioni senza un aumento dell'IVA.

Oltre a questo, sempre secondo i fautori, la riforma permetterebbe alla Svizzera di avere un sistema di tassazione accettato a livello internazionale, senza quindi rischi di ritorsioni per le aziende elvetiche all'estero. Tutte le imprese verranno tassate allo stesso modo, ponendo un freno alle attuali eccezioni.

«Le aziende svizzere rischiano di venir fiscalmente discriminate all'estero se non verrà cambiato il sistema di tassazione», ha dichiarato la consigliera nazionale Daniela Schneeberger (PLR/BL). Se non si interviene le imprese elvetiche rischiano di subire grossi danni, che metterebbero in pericolo posti di lavoro e entrate fiscali.

Per evitare che tutto questo avvenga, bisogna porre fine ai privilegi concessi alle aziende orientate a livello internazionale, ha continuato la liberale-radicale. In futuro tutte le società - non importa se grandi e internazionali o piccole e locali - dovranno essere tassate allo stesso modo.

L'alleanza evidenzia come il referendum contro la nuova legge sia stato lanciato da gruppi di sinistra e rami radicali dei partiti giovanili. Dagli oppositori non arriva però alcuna proposta concreta, ma semplicemente un blocco che porterebbe all'ennesimo stallo sul tema, hanno affermato i fautori del testo.

per le aziende elvetiche all'estero. Tutte le imprese verranno tassate allo stesso modo, ponendo un freno alle attuali eccezioni.

L'alleanza evidenzia come il referendum contro la nuova legge sia stato lanciato da gruppi di sinistra e rami radicali dei partiti giovanili. Dagli oppositori non arriva però alcuna proposta concreta, ma semplicemente un blocco che porterebbe all'ennesimo stallo sul tema, hanno affermato i fautori del testo.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 09:23:53 | 91.208.130.86