Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Richemont, pioggia di milioni per i manager
Paghe da capogiro ai piani alti dell'azienda attiva nel settore del lusso
TURGOVIA
1 ora
Cade nella piscina vuota: ferito un bebè di quattro mesi
L'incidente si è verificato ieri nel Canton Turgovia nel giardino di una casa monofamiliare
SVIZZERA
1 ora
Quattro guasti in cinque mesi, Berna esige spiegazioni
L'Ufficio federale delle comunicazioni vuole far luce sulla serie di disservizi di Swisscom
SVIZZERA
2 ore
Sorpasso «a sorpresa» di Sunrise su Swisscom
A dirlo è periodico sondaggio condotto da Moneyland. In testa alla classifica c'è però Wingo
SVIZZERA
2 ore
Aprire le discoteche? «Posti ideali per nuovi focolai»
Il ritorno alla nuova normalità passa dalla terza fase, prevista l'8 giugno. Oggi si dovrebbe poter sapere di più
SVIZZERA
3 ore
Ancora in calo la spesa pubblicitaria
La parte più importante rimane quella a beneficio della stampa, con cifre ugualmente in discesa
SVIZZERA / ITALIA
14 ore
Una montagna di lingotti diretti (anche) in Svizzera, sette condanne
L'inchiesta aveva portato a indagare 118 persone in 11 regioni, a 250 perquisizioni e al sequestro di beni e conti
SVIZZERA
14 ore
RAG Stiftung dimezza la sua quota in Stadler Rail
Il valore totale della transazione ammonterebbe a circa 190 milioni di franchi
GINEVRA
15 ore
Il Salone dell'auto rinuncia al prestito
L'aiuto del Cantone era sottoposto a condizioni, tra cui il subappalto della manifestazione a Palexpo SA
SVIZZERA
17 ore
Manifestazioni sportive e politiche per 300 persone?
Domani il Consiglio federale comunicherà ulteriori decisioni per il graduale ritorno alla normalità
SCIAFFUSA
18 ore
Il forsennato con la motosega resta in terapia
Rimarrà nella clinica psichiatrica e la sua situazione dovrà essere riesaminata ogni cinque anni
SVIZZERA
10.01.2019 - 16:180

Iniziativa sugli insediamenti, i progettisti dicono no

Se fosse approvata, l'iniziativa ostacolerebbe «in modo massiccio lo sviluppo di cantoni e comuni, con un conseguente aumento del prezzo dei terreni»

BERNA - Le associazioni svizzere dei progettisti (SIA, FSU, FSAP e FAS) sono contrarie all'Iniziativa contro la dispersione degli insediamenti, in votazione il prossimo 10 febbraio. Il testo, promosso dai Giovani Verdi, prevede «una totale limitazione del terreno edificabile» e viene considerato «eccessivamente rigido» dalle organizzazioni del settore.

Per la Società svizzera degli ingegneri e degli architetti (SIA), la Federazione svizzera degli urbanisti (FSU), la Federazione svizzera architetti paesaggisti (FSAP) e la Federazione Architetti Svizzeri (FAS), esistono già strumenti efficaci, quali la prima fase della revisione della legge sulla pianificazione del territorio e l'attuale disegno di legge per la seconda fase della riforma su cui il Parlamento dovrà deliberare la prossima estate.

Benché condividano le richieste avanzate dagli autori dell'iniziativa, ovvero promuovere uno sviluppo sostenibile degli insediamenti, tutelare il paesaggio rurale e limitare l'utilizzo di terreno edificabile, per le associazioni del settore quella dei Giovani Verdi non è «la strada giusta».

Se fosse approvata, l'iniziativa ostacolerebbe «in modo massiccio lo sviluppo di cantoni e comuni, con un conseguente aumento del prezzo dei terreni», sottolineano i progettisti svizzeri.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 1 anno fa su tio
come si fa a commentare con cognizione di causa se il materiale per la votazione non é ancora arrivato? io mi esprimo soltanto dopo aver letto per bene il testo in votazione.
pontsort 1 anno fa su tio
@sedelin Se sei impaziente https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/votazioni/20190210/iniziativa- contro-dispersione-insediamenti.html
sedelin 1 anno fa su tio
@pontsort grazie! :-)
Nmemo 1 anno fa su tio
L’agricoltura del Ticino vive di sussidi. Per primeggiare sul mercato svizzero con i ”pomodori” utilizzano un multiplo dell’energia necessaria, per i pomodori, dell'equivalente per farli arrivare dalla Spagna, Murcia. Inquina pesantemente senza pagare tasse sul CO2 ed è responsabile per la mancato realizzazione del collegamento A2/A13 che doveva essere costruito già venti anni fa.
pontsort 1 anno fa su tio
@Nmemo Spero che hai le prove, o altrimenti é diffamazione. Per il collegamento non credo si l'unico che ne ha il merito, ma almeno si é riuscito ad evitare uno scempio tra tutti quelli fatti in ticino.
Nmemo 1 anno fa su tio
@pontsort Hai già fatto parte di commissioni dei Cantoni alpini per i problemi dell’energia? Nmemo si, bene sa quello che afferma.
Nmemo 1 anno fa su tio
Per carità ognuno voti come meglio crede. Il ticinese medio, ambisce, a ragione, a una casetta propria, almeno a schiera con un pezzetto di giardino e poco gradisce vivere in “casermoni”. Se a qualcuno piace vivere in un grattacielo anche solo di 150 m di altezza, assieme ad altre mille persone, è libero di fare quello che gli pare.
Equalizer 1 anno fa su tio
Già una trentina di anni si parlava di questo problema ma si è sempre ostacolato in tutti i modi possibili l'edilizia verticale, per noi nel locarnese l'esempio più eclatante fu l'Happy Rancio, poi rinominato Palazzo Panorama, che dopo aver ricevuto le licenze edilizie ed a opera in corso il municipio ritrattò con tutte le scuse possibili, fino alle più banali, tipo le scale dei mezzi di soccorso non possono arrivare fino alla sommità dell'edificio. L'edilizia verticale permette uno sfruttamento eccezionale del territorio, prendiamo ad esempio ancora una volta il Palazzo Panorama, ha nel suo complesso una quantità di verde che altri edifici con un rapporto mq/persone inferiore possono solo sognare. Quindi se sviluppata bene quella verticale rimane la miglior soluzione.
Nmemo 1 anno fa su tio
Anche se gli interessi e la voracità delle persone predominano, una riforma rigida che tenga conto solo della "quantità verde", non risolve alcunché. Determinerebbe restrizioni inaccettabili e l’aumento dei valori dei terreni nelle aree libere all’edificazione. Correttivi pianificatori vanno apportati. In Ticino la pianificazione urbana è sovradimensionata, e tuttora sussistono troppi doppioni, conseguenze di politiche mirate a difendere singoli, contrastanti e conflittuali interessi in ogni Comune.
pontsort 1 anno fa su tio
@Nmemo Forse ti é sfuggito che in ogni caso lo spazio per edificare é limitato. Sta a noi decidere se fermarci prima o dopo aver finito tutto il verde.
Nmemo 1 anno fa su tio
@pontsort Di una cosa si può essere certi, a Nmeno non sfugge né la morfologia, né la mentalità del Ticino. Costituito di vallate che vanno rispettate anche sotto il profilo del paesaggio e non intese come un museo vivente. Noi, meglio voi, è bene che decidiate, ma senza farsi prendere da fanatismi “verdi”. Il disastro in Ticino si è già perpetrato in 40 anni, altri danni altrettanto pesanti, sono ormai impossibili da fare.
Mattiatr 1 anno fa su tio
@pontsort Quello che mi pare di aver capito dell'iniziativa è: Abbiamo tot mq di sup. edificabile, e non varierà mai più. Se Locarno vuole un'area costruibile maggiore dovrà prenderla da altri paesi, non si sa né come né dove. Quello che mi viene da pensare è che piano piano i maggiori centri urbani si mangeranno tutto lo spazio, lasciando i borghi nelle valli senza terreno su cui costruire, quindi senza possibilità di sviluppo. Come avverranno gli scambi? Verranno acquistati? Ci saranno sanzioni per chi ne prende troppi?¶ L'intento è nobile, ma la Svizzera fa già molto per il territorio, non vedo il senso di un'iniziativa così vaga, che potrebbe facilmente divenire pericolosa. Mi pare su'esagerazione di persone inesperte su temi edilizi che si è esaltata.
pontsort 1 anno fa su tio
@Nmemo Per quanto riguarda il verde e la natura il ticino é quello che mi preoccupa meno, visto che una volta tolto boschi e zone incostruibili resta al massimo il 15 % (il 5% é gia costruito). A rischiare l'estinzione é lagricoltura, a quel punto ci accorgeremo prima del resto della svizzera che anche senza questa iniziativa, di terreno costruibile non ce ne sara piu.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-27 11:49:28 | 91.208.130.86