Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
LUCERNA
4 ore
Quattro anni e un mese di carcere per stupro
È la condanna inflitta a Lucerna a un 32enne che nel 2017 aveva violentato una vicina di casa
SVIZZERA
6 ore
Il comeback della Coca Cola da mezzo litro
Le bottigliette stanno tornando sugli scaffali di Coop. Il gigante arancione le importa bypassando il fornitore
SONDAGGIO
SVIZZERA
6 ore
«Ci sarà chi farà shopping frenetico»
Dopo quasi due mesi di chiusura, da domani potranno riaprire i negozi
SVIZZERA
9 ore
Il 5 marzo un minuto di silenzio per le vittime del Covid-19
È la proposta del presidente Guy Parmelin: «Tutti noi abbiamo perso, o conosciamo chi ha perso, una persona cara»
SVIZZERA / UNIONE EUROPEA
11 ore
Lobbying: i milioni dalla Svizzera che vanno verso l'Ue
Aziende, gruppi e associazioni elvetiche spendono parecchio per influenzare le decisioni di Bruxelles
ZURIGO
12 ore
Decreto d'abbandono per l'ex primario
La Procura di Zurigo ha chiuso l'incarto contro Francesco Maisano.
SVIZZERA
12 ore
È stato un febbraio bollente
Il mese che si conclude oggi passerà alla storia. «Temperature da 2 a 4 gradi più alte della media al Nord delle Alpi».
APPENZELLO ESTERNO
13 ore
Alpinista precipita e muore
Il 27enne stava scendendo dalla vetta del Girenspitz quando è scivolato
SVIZZERA
14 ore
Accordo quadro, Berna pensa a un piano B
La Commissione europea non sembrerebbe disposta a fare concessioni alla Confederazione.
SVIZZERA
15 ore
I risultati dell'inchiesta contro Krähenbühl «siano resi pubblici»
È la richiesta contenuta da una petizione lanciata dall'Associazione Svizzera-Palestinese.
SVIZZERA
18 ore
Coronavirus ed esercizi pubblici: un controllo su cinque rileva un'infrazione
Sono 17'586 le violazioni registrate, soprattutto in locali notturni
SVIZZERA
19 ore
Al take-away con la gamella
Greenpeace esorta la popolazione a sostenere bar e ristoranti, ma prestando attenzione all'ecologia
BASILEA CITTÀ
19 ore
Scoppia la lite, spunta un coltello
Dei passanti hanno sentito le grida sotto al Johanniter-Bruücke e hanno soccorso il 25enne
SVIZZERA
20 ore
Ad aprile Swiss cancella 9'200 voli
Sono oltre 43'000 i passeggeri interessati dalla misura dovuta alla pandemia
Attualità
20 ore
«La Svizzera ha perso molto prestigio internazionale»
Lo dice l'ex presidente BNS Philipp Hildebrand, che invita la Confederazione a elaborare un piano d'azione
SVIZZERA
20 ore
Sarà un'estate di grandi eventi?
Il ministro della sanità Alain Berset intende autorizzarne lo svolgimento
SVIZZERA
26.09.2018 - 18:510

Cassis a New York: «Bilancio positivo»

Il ministro degli esteri si è detto soddisfatto della sua prima visita alla sede dell'Onu, benché l'incontro con Lavrov non abbia permesso di risolvere i problemi fra Svizzera e Russia

BERNA - Il consigliere federale Ignazio Cassis stila un bilancio positivo della sua prima visita a New York quale ministro degli esteri elvetico, sebbene l'annunciato incontro con il collega russo Sergei Lavrov a margine dell'Assemblea generale dell'Onu non abbia permesso di fare passi avanti nella vicenda di spionaggio che sta incrinando i rapporti fra Svizzera e Russia.

In una conferenza stampa tenuta oggi, Cassis ha detto di aver fatto conoscenza con l'Onu e con il personale della Missione svizzera nella metropoli americana e di essersi fatto un'immagine dello stato in cui versa il multilateralismo: uno stato di crisi.

Per la Svizzera il multilateralismo rimane comunque uno strumento importante, ha detto il consigliere federale, anche se ha ravvisato nella collaborazione internazionale una certa stanchezza e inefficienza. Per questa ragione - ha aggiunto - la Svizzera sostiene gli sforzi di riforma portati avanti dal segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.

Negli innumerevoli colloqui bilaterali per i quali l'Onu offre una occasione unica, Cassis ha potuto presentare i temi che stanno cari alla Svizzera.

L'incontro con Lavrov - L'incontro con Lavrov - ha detto - è stato un po' teso, visti i temi affrontati. «Dopotutto non abbiamo parlato del tempo, ma delle informazioni che sono circolate in Svizzera a proposito di eventuali attività di intelligence della Russia», ha sottolineato. «È una buona cosa il fatto che siano state chiaramente esposte le aspettative che esistono da entrambe le parti». Lo scopo è ristabilire relazioni calme e distese fra i due Paesi, ha aggiunto Cassis.

Il consigliere federale non ha voluto precisare se il ministro russo si sia scusato. «Simili conversazioni non hanno lo scopo di accusare o scusarsi. Ci si scambiano impressioni e informazioni», ha aggiunto il ministro ticinese. «Si guarda come l'interlocutore reagisce e si ascolta attentamente». Cassis ha aggiunto di aver invitato Lavrov in Svizzera, ma quest'ultimo preferisce aspettare che il clima si rassereni.

Altri colloqui bilaterali - Altri colloqui bilaterali sono avvenuti con gli omologhi di Algeria, Argentina, Corea del Nord, Turchia ed Emirati arabi uniti. Importante è stato anche l'incontro con rappresentanti dell'Unione europea, in particolare con Federica Mogherini, Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri, e con Johannes Hahn, responsabile "per la politica di vicinato e i negoziati per l'allargamento" nella Commissione europea presieduta da Jean-Claude Juncker e suo interlocutore principale a Bruxelles.

Export di armi non discussi - Cassis ha partecipato oggi anche a una conferenza sulla situazione in Siria. La Svizzera offre alle parti in conflitto Ginevra quale luogo per trattative di pace.

Nella guerra civile siriana, che dura da ormai otto anni, sono state utilizzate anche granate a mano di produzione svizzera, è di recente emerso. Cassis ha detto che l'intenzione del Consiglio federale di consentire in futuro a certe condizioni le esportazioni di armi anche i paesi in guerra civile - peraltro contestata proprio oggi nel parlamento federale a Berna - non è stata abbordata nei suoi colloqui all'Onu. E nemmeno lo è stata la sua recente critica all'Agenzia dell'Onu per i rifugiati palestinesi UNRWA.

Berset pubblicizza il Patto per la migrazione - A New York c'è anche il presidente della Confederazione Alain Berset, che ieri, davanti all'Assemblea generale, si è mostrato in disaccordo con l'affermazione dell'omologo americano Donald Trump relativa al Patto globale sulla migrazione delle Nazioni Unite, al quale gli USA non aderiranno. Berset ha affermato di ritenere molto importante che la migrazione venga discussa in un contesto internazionale.

Oggi il consigliere federale, insieme al presidente messicano Enrique Peña Nieto, ha presentato il Patto ("Global Compact on Migration, GCM"), che è stato redatto sotto la presidenza dell'ambasciatore svizzero all'ONU a New York, Jürg Lauber, e del suo omologo messicano. Esso mira a rendere in futuro la migrazione più sicura, ordinata e regolamentata.

Il testo del GCM, elaborato a partire da settembre 2016, è stato approvato in luglio all'assemblea generale delle Nazioni Unite a New York e dovrebbe essere accolto ufficialmente in dicembre durante una conferenza a livello ministeriale che si svolgerà a Marrakesh, in Marocco. Non avrà tuttavia valore vincolante per i singoli Stati.

Dreifuss dirige forum sulle droghe - Sempre oggi Berset ha partecipato anche a una tavola rotonda sulle droghe. Moderatrice del forum è stata l'ex consigliera federale Ruth Dreifuss, presidente della Commissione globale sulla la politica della droga (Global Commission on Drug Policy).

Domani il presidente della Confederazione parteciperà a un vertice sull'assistenza sanitaria in casi di emergenza e nelle zone di guerra, come pure a una conferenza sulle malattie non trasmissibili.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Ctg 2 anni fa su tio
Ma va? Ma sa ancora cosa vuol dire positivo? Se questo è positivo chissà come sarebbe andata a finire se fosse stato negativo! D’altra parte il suo valore internazionale è uguale ad uno 0 posto a sinistra di un numero
Meno 2 anni fa su tio
@Ctg Puoi andare a tu a rappresentarci, il tuo "valore internazionale" è sicuramente maggiore di quello di Cassis no? Il punto è che lui è legittimato dal sistema democratico svizzero e tu sembri piuttosto un leone da tastiera.
Ctg 2 anni fa su tio
@Meno Sarò un leone da tastiera ma tu sei un pecorone con le fette di salame sugli occhi. Il fatto che Cassis sia dove stà non vuol dire che sia all’altezza del suo compito. Di sicuro non é stato il popolo svizzero ad eleggerlo ma il potere politico quindi non ci rappresenta. Ti saluto.
Meno 2 anni fa su tio
@Ctg Questo è il nostro sistema politico, se non ti piace, visto la tua notorità potresti lanciare un'iniziativa per cambiare il sistema...non trovi? Ma piuttosto, quali politici con "più valore internazionale" proporresti?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-01 05:46:51 | 91.208.130.87