ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
25 min
Flixbus: caos sui viaggi tra città svizzere
La società si difende dalle accuse di cabotaggio affermando che si è trattato di un "errore tecnico".
BERNA
1 ora
MPC indaga su un caso di corruzione in Mozambico
La vicenda risale a sei anni fa. Coinvolti anche tre ex quadri di Credit Suisse
SVIZZERA
1 ora
Ai sindacati un posto nel Cda della Posta
Lo ha proposto il Consiglio Federale, secondo Sommaruga però non sarà un ticinese. E c'è già un possibile nome
ZURIGO
1 ora
L'aeroporto di Zurigo dovrà pagare 93'000 franchi per gli scavi archeologici
Lo ha stabilito il Tribunale federale. Le spese processuali ammontano a 5'000 franchi
SVIZZERA
2 ore
PostFinance verso una privatizzazione parziale
Avviata la procedura di consultazione sulla revisione della legge che vieta la concessione di crediti e ipoteche.
SVIZZERA
2 ore
Le frontiere riaprono il 15 giugno
Tutte le restrizioni in entrata vigenti nel nostro Paese saranno revocate.
SVIZZERA
3 ore
Il Ticino vuole strade sicure, la Confederazione risponde
L'iniziativa cantonale "Strade più sicure subito!" chiede di vietare il transito a chi non ha i dispositivi di sicurezza
SVIZZERA
3 ore
Covid in Svizzera, altri 23 casi
Per il secondo giorno consecutivo il numero di contagi è tornato sopra le dieci unità
SVIZZERA
4 ore
Tariffe forfettarie per il settore ambulatoriale
Si inizia con chirurgia della mano, radiologia, chirurgia pediatrica, medicina vascolare, chirurgia oculare e anestesia
SVIZZERA
5 ore
Manifestazioni, «La polizia agisca in maniera proporzionale»
Gli organizzatori dovranno poi prevedere piani di protezione (disinfettante, mascherine, formazione di piccoli gruppi)
SVIZZERA
6 ore
In maggio fallimenti in calo, ma si attende uno tsunami
Il fenomeno è dovuto al fatto che durante la pandemia le aziende non hanno potuto dichiarare bancarotta
SVIZZERA
7 ore
Cavo della telecamera tranciato, sotto accusa il leader della squadriglia
Durante i Mondiali di sci del 2017 un aereo aveva urtato con l'ala il cavo di una telecamera.
BASILEA CITTÀ
8 ore
Pierre-Alain Ruffieux sarà il nuovo CEO di Lonza
Prenderà il posto di Albert Baehny.
ZURIGO
9 ore
Quando lo studio medico smaltisce i documenti così
Abbandonate in strada cartelle cliniche, radiografie, documentazione statale. Con tanto di nomi, cognomi e diagnosi.
SVIZZERA
17 ore
Senza lavoro a causa della sua statura
È la storia di una 26enne discriminata dall'Ospedale della Svizzera orientale, dal quale ha ricevuto una mail offensiva
ARGOVIA
20 ore
Auto in fiamme nel tunnel del Bözberg
La galleria sull'A3 è stata temporaneamente chiusa. Portate in salvo 12 persone.
FOTO
EMIRATI ARABI UNITI / SVIZZERA
22 ore
Ecco come appare il lussuoso appartamento di Federer a Dubai
L'asso di tennis ha preferito trascorrere l'inverno nell'esclusivo attico con la sua famiglia
SVIZZERA
03.09.2018 - 17:320

«La polizia ha un lasciapassare per la violenza»

È la denuncia dei giovani socialisti contro le autorità, «impegnate a creare un proprio stato di polizia sbattendosene dello stato di diritto»

BERNA - Basta con le violenze da parte della polizia, è necessario finalmente mettere sotto controllo questa «brutale istituzione»: è l'appello lanciato oggi dalla sezione giovanile del partito socialista (JUSO) della città di Berna, dopo gli scontri che nel fine settimana hanno interessato il centro alternativo della Reitschule, con un bilancio di tre poliziotti feriti.

«L'intera scena alternativa di sinistra è regolarmente esposta a un'escalation ingiustificata di violenza da parte della polizia», si legge in un comunicato diramato nel pomeriggio. Le forze dell'ordine - argomentano i giovani affiliati al partito - chiudono invece gli occhio quando si tratta della sicurezza di altri esseri umani, per esempio quando estremisti di destra marciano lungo l'Aare, molestando le donne (allusione ai fan della Dinamo Zagabria giunti a Berna per la recente partita con la squadra locale dello Young Boys).

La polizia cantonale - argomentano gli JUSO - sa con certezza che ha a disposizione un lasciapassare per la violenza, poiché il Consiglio di Stato tollera gli attacchi senza dire una parola e non esiste un'autorità indipendente incaricata di fornire informazioni al parlamento. Le forze dell'ordine hanno la libertà di diffondere a piacimento false informazioni.

«La polizia se ne sbatte dello stato di diritto, è impegnata a creare un proprio stato di polizia», si legge nel documento, che denuncia anche l'uso di proiettili di gomma su cui erano stati disegnati smiley, faccine sorridenti (un punto questo su cui nel frattempo l'autorità ha promesso di indagare).

I giovani socialisti chiedono che le «provocazioni» finiscano immediatamente. «Dove marcia la polizia non vengono protette persone: gli agenti portano violenza, paura e insicurezza», si legge nella nota. È necessario quindi un vero controllo democratico e indipendente. Se non provvederà in tal senso «non vi saranno limiti alla violenza della polizia», concludono i Giovani socialisti.

Stando a quanto indicato ieri dalla polizia nella notte fra sabato e domenica diverse pattuglie sono state oggetto di lanci di bottiglie, sassi e barre di ferro. Tre agenti hanno riportato lesioni: due di loro sono stati ricoverati in ospedale e dimessi oggi.

Per alcuni un importante tassello della cultura alternativa, per altri una zona fuorilegge nel pieno centro di Berna, la Reitschule - anche chiamata Reithallle - è da sempre al centro di un infuocato dibattito. I suoi dintorni sono spesso luoghi di spaccio di droga e di confronto con la polizia.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Güglielmo 1 anno fa su tio
Ma giuu legnate... ma dategliele una volta per bene!
GIGETTO 1 anno fa su tio
Giovani $ocialisti figli di papà....ridicoli come al solito...no comment
siska 1 anno fa su tio
limortaccituoi, se qualcuno ti devesse aggredire, perseguitare ti arrangi da solo? Non credo, credo che tu come la maggior parte componi il numero della polizia per farla intervenire o lasceresti perdere tutto a tarallucci e vino? Credo che chi fa violenza va fermato e nel caso di manifestazioni violente cosa pensi che lasciarli fare non causerebbero ulteriore violenza. La sociologia é una materia che ad un certo punto si ferma ad un binario morto perché la teoria non potrà mai essere comparata alla realtà specialmente quella di oggi. Allora per te é giusto che gruppi numerosi di persone antagoniste si confrontino aggressivamente senza un'ulteriore intervento?
limortaccituoi 1 anno fa su tio
@siska Ma io esattamente dove ho detto che è sbagliato? È la spiegazione di un fatto. Giusto o sbagliato in questo caso dipende solo dal punto di vista che adotti. Ma i fatti sono oggettivi.
limortaccituoi 1 anno fa su tio
Non per niente in sociologia una delle definizioni del potere è avere il monopolio della violenza legittima. E l'unica violenza legittimata nella nostra società (come confermano i commenti qui sotto) è proprio quella della polizia. Non ci vedo scandali, ma non bisogna negare.
F.Netri 1 anno fa su tio
@limortaccituoi E ci mancherebbe che ora, anche il monopolio della violenza legittimata lo diano a voi! E poi, sarebbe ora che cambiassero il nome alla facoltà di sociologia. Socialistologia, sarebbe più appropriato.
MIM 1 anno fa su tio
@limortaccituoi Sei rimasto al medioevo; non credo ci sia speranza per te.
limortaccituoi 1 anno fa su tio
@MIM A cosa ti riferisci esattamente?
pillola rossa 1 anno fa su tio
@limortaccituoi Il disturbo antisociale di personalità porta con sé molti tratti della personalità narcisistica.
siska 1 anno fa su tio
No in questo sono intransigente e cari giovano socialisti (anche quelli di ispirazione nazi) guardatevi dentro casa che di violenti ne avete a dismisura. La violenza perpetuata da parte di frange di sinistra e di destra vanno respinte non dolcemente ma con la forza. La polizia conosce molto bene cosa deve fare e chiedo se non ci fossero loro cosa ne sarebbe di noi cittadini/e? Io avrei paura ad uscire di casa solo per fare la spesa, dai che ci sono personaggi in giro che amano e respirano violenza anche gratuita solo che riescono a trattenersi perché sanno a cosa andrebbero incontro. .
Zico 1 anno fa su tio
si fa notare che i tifosi della Dinamo Zagabria erano tutti di destra. infatti all'entrata dello stadio hanno mostrato tutti la tessera di partito e di socialisti non ce n'era nemmeno uno. forse perchè diventati una rarità? o forse perchè questi 'tifosi' provengono un pò da tutti i partiti? o da nessun partito? JUSO: Juventù ultimamente scoppiata oltremisura! zappare la terra !
Thor61 1 anno fa su tio
Stranamente i poliziotti "Cattivi" sono quelli che poi finiscono in ospedale. E questi saranno il futuro??? JUSO che pessime idee che avete, zappare la terra contribuisce ad una miglior crescita, ite!!!
F.Netri 1 anno fa su tio
La democrazia socialista prevede che ai socialisti tutto deve essere concesso, ma agli altri tutto deve essere negato.
streciadalbüter 1 anno fa su tio
Chgi non é socialista a vent`anni non ha cuore,ma chi lo é ancora a quaranta non ha testa(jean Jaurès).
geiger 1 anno fa su tio
sarebbe ora di abbattere quel cimiciaio denominato Reitschule...
volabas 1 anno fa su tio
se ti comporti correttamente, come giusto che sia, nel rispetto della gente e delle leggi, non hai proprio niente da temere.Questi pseudo multikulti, non ne azzeccano una da giovani, figuramoci invecchiando; altri fenomeni di cui la svizzera farebbe volentieri a meno
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
E non solo a Berna...
seo56 1 anno fa su tio
Giovani socialisti..... hahaha!
Bär 1 anno fa su tio
Se non avete nulla da nascondere, non c'è da temere in alcun modo della polizia.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-05 16:08:24 | 91.208.130.86