Keystone
SVIZZERA
26.04.2018 - 12:310

Accordo quadro: «La percezione è cambiata»

Secondo il Consigliere federale Ignazio Cassis, le discussioni dovrebbero terminare entro il mese di giugno

BERNA - Il consigliere federale Ignazio Cassis ritiene che la percezione dell'accordo quadro con l'Unione europea (Ue) sia cambiata in Svizzera. «Era necessario demistificare la percezione di questa 'cosa' che era diventata una questione di fede», spiega il ministro.

Per sostenere la sua tesi il responsabile del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) menziona la controversa Corte di giustizia dell'Ue: «Nessuno vuole giudici stranieri», indica oggi in un'intervista rilasciata a diversi media. «Né la Svizzera, né l'Ue. Nessuno finora aveva detto in Svizzera che nemmeno l'Ue voleva giudici stranieri».

Chiaramente, «ognuno si prende cura del proprio giardino. Ma se ci sono controversie nell'applicazione degli accordi di accesso reciproco al mercato, ci deve essere un organo arbitrale». In questo caso interverrebbe un tribunale arbitrale, «una possibilità già evocata, ma che si era persa per strada».

Lunedì a Basilea Cassis aveva dichiarato che le discussioni fra Svizzera e Ue su un accordo quadro potrebbero presto giungere ad una conclusione positiva. «A livello tecnico dovrebbero poter essere terminate entro il mese di giugno», ha ribadito si media il capo del DFAE.

A partire dall'estate ci sarà tempo per la parte politica. «I negoziati politici sono i più difficili da prevedere», sottolinea Cassis, che si attende numerose divergenze nel corso di questa fase. «Ciò può svilupparsi molto velocemente, ma la macchina potrebbe anche incepparsi».

Tuttavia, se quest'anno non dovesse essere firmato alcun accordo, la scadenza sarà prolungata, in particolare a causa delle elezioni federali ed europee che si terranno l'anno prossimo. «Sappiamo che nel 2019 il dossier non avanzerà», indica Cassis. Inoltre anche il 2020, anno della Brexit, potrebbe non essere favorevole a una svolta.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Equalizer 2 anni fa su tio
La percezione dev'essere cambiata solo nella sua di testa. accordo quadro NO, punto e basta.
lo spiaggiato 2 anni fa su tio
Ewwai Ignazio... :-)))))))
rojo22 2 anni fa su tio
L’avete voluto in governo. E Ora tenetevelo.
roma 2 anni fa su tio
...ma certo Cassis, ma certo.
nessuno 2 anni fa su tio
dopo tutti gli screzi, minacce e delusioni cosa vuole ancora l'UE dalla Svizzera? l' accordo quadro se lo può sognare come la libera circolazione; tutti accordi che l'UE vuole sono a sfavore della Svizzera.
Thor61 2 anni fa su tio
@nessuno Sempre ammesso che sottobanco non lo abbiano già firmato, proprio come hanno fatto per la legge sulle armi che il presidente del CF (PS) e il suo segretario. .... ..... ..... Decreto federale che approva e traspone nel diritto svizzero lo scambio di note tra la Svizzera e l’UE concernente il recepimento della direttiva (UE) 2017/853 che modifica la direttiva UE sulle armi (Sviluppo dell’acquis di Schengen)
Thor61 2 anni fa su tio
@nessuno Non segretario ma, cancelliere Sorry ;o)))

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-25 01:34:32 | 91.208.130.89