Ti Press
SVIZZERA
07.03.2018 - 18:070

Voto per corrispondenza: «La Confederazione paghi il francobollo»

Il Consiglio nazionale ha approvato, con 109 voti contro 73 e 8 astenuti, una mozione di Yvette Estermann (UDC/LU). Ora tocca agli Stati

BERNA - La Confederazione, tramite La Posta, deve farsi carico dei costi di spedizione derivanti dal voto per corrispondenza. È l'opinione del Consiglio nazionale che ha approvato, con 109 voti contro 73 e 8 astenuti, una mozione di Yvette Estermann (UDC/LU).

Secondo uno studio dell'Università di Friburgo, citato dalla lucernese, nei comuni del canton Berna che utilizzano buste per il voto preaffrancate il tasso di partecipazione è risultato essere del 2% più elevato. Il risultato di alcune votazioni è risicato, una tale differenza può dunque risultare decisiva, ha sostenuto Estermann.

Invitando, invano, il plenum a bocciare l'atto parlamentare, il cancelliere della Confederazione Walter Thurnherr ha ricordato che le spese legate all'organizzazione di votazioni ed elezioni sono a carico di Cantoni e Comuni. Egli ha anche sostenuto che per evitare di pagare il francobollo si può depositare personalmente il suffragio nell'urna la domenica dello scrutinio o i giorni precedenti.

L'atto parlamentare passa ora al Consiglio degli Stati.

Commenti
 
seo56 3 mesi fa su tio
Bella iniziativa da estendere ai Cantoni e ai Comuni. A Lugano è già così da anni.
Tags
voto
confederazione
consiglio
corrispondenza
francobollo
estermann
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES

Ultimo aggiornamento: 2018-06-20 03:35:35 | 91.208.130.87