Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ITALIA
4 ore
Residente in Svizzera travolge e uccide un ciclista
Inutile l'intervento dei soccorsi. Le ferite riportate dal 33enne erano troppo gravi
ZURIGO
5 ore
Approvato il piano regolatore per un nuovo stadio
Incombe tuttavia la minaccia del referendum: secondo l'associazione IG Freiräume Zürich West il progetto dovrebbe meglio considerare gli aspetti ambientali e sociali
NEUCHÂTEL
6 ore
Condannato ex pastore per aver avuto una relazione con una minorenne
Il ragazzino si era presentato come maggiorenne. L'uomo è stato denunciato dalla madre dell'adolescente
SVIZZERA
9 ore
Via la cittadinanza ad una 30enne radicalizzata
La SEM ha avviato la procedura. La donna, attualmente si troverebbe in Siria, è sospettata di aver svolto attività legate al terrorismo nel Paese
BASILEA CITTÀ
10 ore
Il Parlamento cantonale chiede un congedo parentale di 24 settimane
Luce verde ad una mozione del Partito socialista. La misura andrebbe ad aggiungersi all'attuale congedo maternità
SVIZZERA
10 ore
Violentò donne e bambini, ora chiede il suicidio assistito
Negli anni '70 e '80 Peter Vogt ha violentato oltre una decina di donne e bambini. Ora vorrebbe farla finita, ma sul caso si stanno chinando le autorità
SVIZZERA / ITALIA
10 ore
«Mi hanno rapita e uno ha allungato le mani»
Un «racconto da brividi» quello fornito dalla svizzera, prima scomparsa e poi ritrovata ad Agrigento. Si sospetta la violenza sessuale, ma è da verificare l'attendibilità della giovane
ZURIGO
11 ore
Carlos ha colpito ancora, secondini e detenuti
Il giovane delinquente zurighese verrà processato settimana prossima per una serie di episodi - almeno 19 - avvenuti in carcere
BASILEA CITTÀ
12 ore
Cade dalla bici e viene travolto da un camion
La vittima è un anziano non ancora identificato. Stava procedendo sulla Austrasse fra i binari del tram e una serie di veicoli posteggiati sul lato destro della strada
SVIZZERA
12 ore
Monica Duca Widmer presidente del nuovo cda della RUAG
Oltre alla ticinese, ne faranno parte Monika Krüsi Schädle e Ariane Richter Merz. A loro si aggiungono Nicolas Perrin per la MRO Svizzera e Remo Lütolf per la RUAG International
BASILEA CITTÀ
12 ore
Sì al taglio dell'imposizione dei dividendi
Il Gran consiglio di Basilea Città ha approvato una mozione che chiede di sottoporre a tassazione i redditi in questione solo nella misura del 60%, contro l'80% appena deciso
BERNA
13 ore
Pascal Strupler lascia la direzione dell'UFSP
Berset è ora alla ricerca di un nuovo capoufficio. Il posto sarà messo a concorso
SVIZZERA
13 ore
Vendemmia, poca uva in Romandia
Le quote di produzione fissate - inferiori a quelle dell'anno scorso, una misura volta a evitare un calo dei prezzi - non sono state raggiunte. La qualità però dovrebbe essere buona
VAUD / ZURIGO
14 ore
Aggredì un'operatrice con una roncola: pena confermata
La 38enne ivoriana dovrà scontrare 18 anni. Il fatto avvenne in un centro per richiedenti asilo di Embrach nel 2015
GINEVRA
14 ore
Curdo si cosparge di benzina e si dà fuoco
È successo davanti all'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. L'uomo è stato ricoverato al CHUV di Losanna
SVIZZERA
22.02.2018 - 13:570

L'uscita da Schengen e Dublino? «Potrebbe costarci caro»

Uno studio indica conseguenze nefaste per l'economia svizzera, soprattutto nel settore turistico: «Si rischia una perdita di reddito di oltre 10 miliardi di franchi, ovvero il 3.7% del pil»

 L'uscita dagli accordi di Schengen e Dublino avrebbe ripercussioni negative per l'economia svizzera. Un tale passo potrebbe in effetti causare una perdita di reddito massima di oltre 10 miliardi di franchi, l'equivalente del 3,7% del prodotto interno lordo (pil).

Le cifre sono riportate in uno studio elaborato su incarico dalla società di consulenza e ricerca Ecoplan, i cui risultati sono confluiti in un rapporto adottato dal Consiglio federale in adempimento a un postulato del gruppo socialista. Il bilancio - pubblicato oggi - che viene stilato della partecipazione di Berna ai suddetti bilaterali è molto positivo.

Entro il 2030, a seconda delle varianti analizzate, un abbandono costerebbe tra i 4,7 e i 10,7 miliardi di franchi, per un calo del pil compreso fra l'1,6 e il 3,7%. Anche il commercio con l'estero diminuirebbe, con le esportazioni che ne risentirebbero maggiormente rispetto alle importazioni. Sarebbero messe a dura prova le aree urbane di confine (Ticino, Basilea, Ginevra), così come le mete di villeggiatura, per esempio la regione della Jungfrau o Zermatt (VS).

Queste infatti dipendono in gran parte dalle visite di turisti provenienti da Stati con obbligo di visto: senza quello Schengen, i viaggiatori dovrebbero richiedere un visto supplementare per recarsi nella Confederazione, indebolendo l'insieme della piazza elvetica. Inoltre, nel caso in cui dovesse cadere l'associazione a Schengen/Dublino, i Paesi limitrofi sarebbero chiamati a svolgere controlli doganali sistematici al nuovo confine esterno con la Svizzera, fatto che comporterebbe un sensibile incremento dei tempi d'attesa e delle colonne ai valichi.

Il rapporto fa riferimento al periodo 2012-2016. Nell'ambito di Schengen, l'associazione della Svizzera ha determinato in media spese di circa 53 milioni di franchi all'anno per gli enti pubblici. La somma è stata soprattutto impiegata per l'esercizio e lo sviluppo del sistema d'informazione negli ambiti della cooperazione di polizia (SIS) e dei visti (VIS), così come per la partecipazione all'Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne (Frontex) e al Fondo europeo per le frontiere esterne (FFE).

Nell'ambito dell'asilo invece, l'accordo Dublino permette alla Confederazioni di ottenere risparmi giudicati notevoli dal governo. Essi derivano dal fatto che Berna trasferisce un numero nettamente più elevato di richiedenti asilo ad altri Stati di quanti ne debba accogliere. L'importo ammontava a circa 270 milioni all'anno. Sottraendo i costi indotti da Schengen, i due bilaterali hanno permesso alla Svizzera di economizzare attorno ai 220 milioni ogni dodici mesi tra il 2012 e il 2016.

Con un addio a Schengen/Dublino, non sarebbe inoltre più possibile accedere alle banche dati, importanti dispositivi nella lotta contro la criminalità transfrontaliera. Lo scambio automatico di informazioni del quale il nostro Paese approfitta attualmente (più di 15'000 segnalazioni all'anno) andrebbe a sua volta perso. I costi supplementari necessari per colmare queste notevoli lacune che si creerebbero nella sicurezza interna potrebbero elevarsi a quasi mezzo miliardo.

Nel rapporto si evidenzia pure come i vantaggi della situazione attuale non siano solo puramente monetari. L'attraversamento praticamente senza impedimenti dei confini ha indotto un intenso fenomeno di agglomerazione tra le regioni urbane di frontiera. Ciò ha comportato la nascita di vere e proprie realtà sociali ed economiche bi e trinazionali in aree metropolitane come quelle di Basilea e Ginevra.

Commenti
 
centauro 1 anno fa su tio
Mi sembra che quando non esisteva l'accordo di Schengen la gente si spostava ugualmente e andava a fare spese nei Paesi confinanti e mangiare Sushi senza problemi!!! o no?
Jujuju 1 anno fa su tio
Certo facciamone altre di cavolate... non tiriamoci zappe sui piedi. Vogliamo chiedere un visto per andare a Milano, Como o Varese?
matteo2006 1 anno fa su tio
@Jujuju Vedrai che se i ticinesi iniziano a non andare più a ponte tresa a fare la spesa, o a como a mangiare sushi perchè "troppo complicato" faranno in fretta a ripristinare una situazione simile e non saremo noi a doverlo fare ma i nostri vicini quando i commercianti andranno in rivolta a Roma perchè vedranno che nelle casse dei loro negozi, supermercati e ristoranti inizieranno a mancare diverse migliaia di euro provenienti dai consumatori ticinesi. Ci fasciamo la testa pensando che da certi accordi ci guadagniamo solo noi e ci perdiamo solo noi dimenticando che l'italia, la germania e la francia grazie agli svizzeri che vanno oltre frontiera hanno il loro bel guadagno.
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
@matteo2006 Aha aha aha , figurati se Roma (o Bruxelles) farà caso ai commercianti di Lavena o Cannobbio... :-)))))
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
Ci mancherebbe che uscissimo da Schengen... uno dei migliori accordi approvati dal popolo...
Tarok 1 anno fa su tio
uhh senza schengen e dublino mi cadrà il parrucchino!
Zico 1 anno fa su tio
praticamente la fine del mondo... mandiacagher
MIM 1 anno fa su tio
I visti turistici possono essere tranquillamente rilasciati dalle agenzie di viaggio.
interceptors 1 anno fa su tio
Il solito terrorismo che ormai non crede più nessuno....
Equalizer 1 anno fa su tio
Qualcuno spieghi a questi fenomeni che le aree come il Ticino sono già messe a dura prova, proprio da quando sono iniziati i bilaterali.
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-24 02:22:05 | 91.208.130.85